Ecco sette modi per generare una rendita passiva con le criptovalute. Libera il tuo tempo per questioni molto più importanti!

Se sei un investitore in criptovalute, sicuramente hai scoperto che il trading e gli investimenti in criptovaluta possono essere incredibilmente redditizi, ma anche estremamente dispendiosi in termini di tempo. Spesso risultano addirittura stressanti, a causa della costante necessità di tenere traccia del proprio portafoglio per gestire le posizioni.

rendita passiva criptovalute bitcoin

E se volessi semplicemente guadagnare una rendita passiva senza il tipico mal di testa che deriva dall’osservare il mercato 24 ore su 24, 7 giorni su 7? Fortunatamente, ora ci sono dozzine di modi per farlo, sfruttando le tue criptovalute per generare rendimenti in background.

Questo ti permette di liberare il tuo tempo per questioni più importanti, come leggere gli articoli più interessanti di criptomercato.it.

Diamo un’occhiata ai sette modi in cui puoi far fruttare le tue criptovalute, per generare una rendita passiva con una gestione minima o addirittura nulla. Via!

Strategia di rendita passiva n.1: Automatizza i tuoi risparmi

Possiamo generare interessi detenendo le valute normali in un conto di risparmio. Allo stesso modo (anzi meglio), le criptovalute possono essere depositate su varie piattaforme per guadagnare un rendimento.

Alcuni di questi sono conti di risparmio in criptovaluta centralizzati, come quelli offerti da:

Generalmente queste piattaforme utilizzano i tuoi fondi per fornire prestiti garantiti a mutuatari istituzionali. Allo stesso modo, molti exchange consentono agli utenti di guadagnare un rendimento sui loro depositi di criptovaluta, alcuni dei più importanti sono:

Altre sono piattaforme di risparmio decentralizzate, come Orion Money e Anchor. Queste consentono di guadagnare interessi sui tuoi depositi di stablecoin. Yearn Finance e Autofarm ad esempio spostano automaticamente i tuoi fondi tra una gamma di prodotti DeFi per massimizzare il rendimento che guadagni.

Questi sono probabilmente i modi più semplici e diretti per guadagnare un rendimento passivo sui tuoi depositi di criptovaluta. Questo perché richiedono poca o nessuna conoscenza approfondita per iniziare.

Quanto si riesce a guadagnare? A seconda dell’asset che depositi e della piattaforma che scegli, di solito è possibile guadagnare circa tra il 5% ed il 20% di APY.

A cosa prestare attenzione? Diffidare delle piattaforme che offrono rendimenti sospettosamente elevati, potrebbero rivelarsi schemi Ponzi.

Strategia di rendita passiva n.2: Diventa un fornitore di liquidità

Gli exchange decentralizzati hanno rivoluzionato il modo in cui i trader accedono e sfruttano le opportunità del mercato. Grazie ai DEX è possibile fornire liquidità senza autorizzazione per un’ampia varietà di criptovalute.

Ma un tipo specifico di DEX, noti come AMM (market maker automatizzato), ha aperto un modo completamente nuovo per i possessori di criptovaluta di generare un rendimento sui propri asset, diventando fornitori di liquidità.

Queste piattaforme offrono pool di liquidità decentralizzati che consentono agli utenti di fare trading utilizzando due o più attività detenute in un pool. Per determinare ciascuno dei valori, un pool ETH/USDC conterrà ad esempio 100 ETH e 400.000 USDC (nel momento in cui ETH vale $4.000 e USDC vale 0,00025 ETH).

Generalmente la community gestisce la liquidità. Questo fa sì che ognuno mantenga sempre la propria quota proporzionata, indipendentemente dalla quantità di liquidità aggiunta. Questa liquidità viene quindi utilizzata per servire i trader che eseguono swap di token utilizzando questo pool.

Guadagnare dal fornire liquidità alle piattaforme di trading

Qui arriva la parte interessante. Quando un trader utilizza la liquidità del pool, paga una commissione di trading, di solito intorno allo 0,2-0,3% della dimensione del trade. Questo è diviso tra tutti i fornitori di liquidità, incluso ovviamente te.

Esiste attualmente un numero enorme di AMM e la maggior parte delle principali piattaforme di contratti intelligenti ora ha una o più opzioni adatte. Alcuni dei più popolari attualmente includono Uniswap (su Ethereum), PancakeSwap (su BNB Chain), Pangolin (su Avalanche), WagyuSwap (su Velas) e SushiSwap (multi-catena).

Quanto si può guadagnare? L’importo che guadagnerai può variare considerevolmente tra pool e piattaforme. In generale, maggiore è la tua frazione della liquidità complessiva e maggiore è il volume di trading che vedono i tuoi pool, più guadagnerai. I rendimenti possono variare da quasi zero a potenzialmente ben oltre il 100% di APY.

A cosa prestare attenzione? Se stai fornendo liquidità per asset volatili, dovrai assolutamente considerare l’impermanent loss.

Strategia di rendita passiva n.3: Yield Farming

Se stai già fornendo liquidità, le yield farm forniscono un modo per guadagnare un rendimento aggiuntivo sui tuoi asset.

Come suggerisce il nome, le yield farm sono piattaforme che ti consentono di “coltivare” i raccolti in uno o più modi. Più comunemente, dovrai mettere in staking i token del tuo fornitore di liquidità (LP) in un pool specifico per guadagnare una frazione del suo montepremi.

Mettendo in stake i tuoi token nel pool di rendimento, riceverai una frazione proporzionale dei premi, pagati giornalmente (o settimanalmente/mensilmente, ecc.). In questo modo se contribuisci con l’1% del pool, generalmente riceverai l’1% del ricompense che offre.

Molti AMM, tra cui PancakeSwap, TraderJoe e SushiSwap, hanno lo yield farming integrato, mentre altri prodotti sono autonomi, come Venus.

PancakeSwap
(credits: PancakeSwap)

Queste yield farm generalmente ti consentono di guadagnare i tuoi rendimenti in una criptovaluta appena rilasciata. Oppure nel token di utility o governance nativo della yield farm. Ad esempio puoi farmare CAKE su PancakeSwap o WAG su WagyuSwap. La maggior parte di queste piattaforme mostrerà l’APY previsto in base al valore attuale del token ricompensa e all’entità della tua puntata. Tieni a mente che questo APY può variare nel tempo.

Quanto è possibile guadagnare?

Lo Yield Farming di solito paga in criptovalute volatili. Se questa criptovaluta crolla di valore, l’APY medio può essere relativamente basso, mentre se si apprezza di valore, può essere ovviamente alto. In generale, aspettati circa il 5-20% di APY se prelevi frequentemente i tuoi rendimenti.

A cosa prestare attenzione?

Molte yield farm offrono inizialmente rendimenti incredibilmente alti. Questi diminuiscono rapidamente quando il valore totale in staking aumenta, o se il valore del token della ricompensa non cresce. Assicurati di controllare regolarmente i rendimenti stimati per rimanere aggiornato.

Strategia di rendita passiva n.4: Metti in staking le tue criptovalute

La Proof-of-Stake (POS) non solo ha introdotto un modo più efficiente per mantenere il consenso in un sistema decentralizzato, ma porta anche con sé un nuovo modo di guadagnare un rendimento: attraverso lo staking.

A seconda della criptovaluta e se utilizza semplici POS, Nominated-Proof-of-Stake (NPoS), Delegated Proof-of-Stake (DPoS) o qualche altra variante, lo staking potrebbe richiedere l’impostazione di un nodo validatore e il blocco di un numero minimo di monete per partecipare alla sicurezza della rete. Puoi delegare le tue monete a un denominatore o ad un validatore selezionato.

In entrambi i casi, gli staker guadagnano un rendimento che di solito deriva dall’inflazione della criptovaluta in staking e/o dalle commissioni di transazione generate dalla rete.

Un numero enorme di criptovalute ora offre ricompense per lo staking, tra cui Ethereum (tramite la catena Beacon), Solana, Cardano, Avalanche, Terra e Polkadot. Alcuni di questi impongono una puntata minima fissa e un periodo di blocco, che possono rappresentare una barriera di ingresso per alcuni utenti.

Tuttavia, una volta in staking, i rendimenti generati sono generalmente completamente passivi, e richiedono una supervisione o un intervento minimo o nullo. Tuttavia potresti voler liquidare regolarmente il tuo rendimento per compensare la volatilità dei prezzi. Oppure mantenere le tue monete a lungo termine se ritieni che aumenteranno di valore.

Quanto è possibile guadagnare?

Il rendimento che otterrai di solito dipende da alcune cose, inclusa la proporzione della fornitura che è in staking e le eventuali commissioni che potresti perdere (per DPoS e NPoS). In generale, puoi aspettarti circa tra il 5% ed il 15% di APY.

A cosa prestare attenzione?

I rendimenti dello staking vengono pagati nella stessa moneta in cui scommetti. Ad esempio DOT in staking produce più DOT. Se il valore della moneta che metti in staking diminuisce, c’è la possibilità che tu possa finire in negativo in termini fiat, se i premi di stake non coprono le perdite.

Strategia di rendita passiva n.5: Unisciti a una Guild (solo per amanti del play-to-earn)

Se conosci i giochi play-to-earn, allora saprai sicuramente che giocare a questi giochi e utilizzare le tue risorse di gioco ed NFT può essere un processo che richiede tempo.
Dopotutto devi effettivamente giocare a questi giochi per guadagnare. Ma grazie all’avvento delle Guild (gilde in italiano), non è necessario tu debba giocare per guadagnare.

In pratica sono piattaforme che consentono agli investitori e ai giocatori di lavorare insieme per il reciproco vantaggio. Gli investitori forniscono i fondi e gli asset, mentre i giocatori sfruttano in modo sicuro queste risorse per generare un rendimento.

Questo rendimento viene quindi suddiviso tra investitori e giocatori, e spesso tra altri intermediari, come i gestori, che creano la documentazione ed il materiale di formazione per i giocatori (i giocatori generalmente noti come scholars).

Le Gilde

Alcune di queste piattaforme consentono ai proprietari di NFT di mettere insieme le proprie risorse come parte della gilda. Altre invece consentono prestiti NFT peer-to-peer diretti tra i proprietari di NFT e coloro che li prendono in prestito in cambio di una commissione concordata.

Sono ora operative un’ampia varietà di gilde, tra cui Yield Guild Games (YGG), Good Games Guild (GGG) e Merit Circle. Ognuno di questi differisce nel modo in cui funzionano e nella quantità di input richiesto, ma spesso rende il guadagno molto più efficiente rispetto ai giochi supportati manualmente.

Quanto è possibile guadagnare? L’importo che puoi guadagnare varia in base alla tua gilda, agli specifici giochi play-to-earn supportati e alle abilità dei giocatori. Tuttavia, puoi aspettarti di guadagnare circa il 20-40% di quello che potresti guadagnare giocando tu stesso, anche se non stai effettivamente giocando.

A cosa prestare attenzione? Non tutte le gilde di gioco blockchain sono uguali. Assicurati di eseguire la due diligence prima di consegnare i tuoi fondi o beni a qualsiasi gilda.

Strategia di rendita passiva n.6: Unisciti a un Fondo

Come probabilmente avrai già notato, la maggior parte dei flussi di reddito passivi richiederà un po’ di manodopera iniziale e manutenzione periodica, sia che si tratti di depositare le tue risorse in un pool di liquidità, di gestire un nodo di convalida o di partecipare a una gilda.

I fondi crittografici sono un’eccezione poiché sono veramente passivi. Proprio come gli hedge fund tradizionali possono essere utilizzati per far fruttaree il tuo capitale fiat, i fondi crittografici ti consentono di generare entrate utilizzando le tue risorse digitali (e spesso anche valuta fiat).

Questi possono essere fondi relativamente semplici, come i prodotti di investimento single-asset di Grayscale, come il suo Bitcoin trust o il suo Decentraland trust. Questi prodotti consentono agli investitori fiat di ottenere esposizione all’azione dei prezzi di una singola criptovaluta.

Altri fondi, come Pantera Capital, offrono prodotti di investimento più complessi, come il Pantera Blockchain Fund, che fornisce esposizione a un’ampia gamma di mercati crittografici, tra cui venture equity, token liquidi e altro ancora.

Detto questo, questi fondi hanno generalmente alcune barriere all’ingresso, che possono includere un importo minimo di investimento elevato (ad esempio da $100.000 a più di $1 milione di dollari). Allo stesso modo, possono variare considerevolmente nelle tariffe che addebitano, che possono essere ragionevoli o sconsideratamente alte.

Quanto è possibile guadagnare?

Ogni fondo crittografico fornirà generalmente una panoramica dettagliata della propria performance passata e citerà metriche specifiche come il tasso di rendimento interno (IRR), che possono essere utilizzate per stimare i rendimenti.

A cosa prestare attenzione?

Non tutti i fondi funzionano bene e altri hanno termini e condizioni insoliti. Raccomandiamo di controllare tutta la documentazione prima di consegnare denaro, prestando particolare attenzione al periodo di preavviso per i riscatti (che può essere lungo).

Strategia di rendita passiva n.7: Holda i token che producono un rendimento

Ultimo, ma non meno importante, sono i token che producono dividendi o producono rendimenti. Come suggerisce il nome, si tratta di token che danno diritto a una quota dei profitti generati dall’emittente sottostante, in modo simile al modo in cui le azioni spesso danno diritto ai dividendi.

Esiste oggi un’ampia varietà di token che generano dividendi e ognuno opera in un modo leggermente diverso. Alcuni dei token più popolari che producono dividendi includono Kucoin Shares (KCS) e AscendEx (BTMX), che pagano entrambi una frazione delle loro commissioni di trading ai possessori di token, così come Nexo (NEXO) che dà diritto a una frazione dei suoi profitti.

In alcuni casi, il semplice possesso di questi token è sufficiente per qualificarsi per ricevere i dividendi, che vengono poi distribuiti periodicamente al portafoglio di ciascun titolare come airdrop. Mentre in altri casi, potrebbe essere necessario iscriversi alla piattaforma di emissione e completare la verifica KYC per richiedere i rendimenti generati.

I rendimenti forniti da questi token sono fortemente correlati alle prestazioni delle piattaforme sottostanti, il che significa che i tuoi rendimenti possono variare nel tempo.

Quanto è possibile guadagnare?

I rendimenti possono differire considerevolmente tra i token di rendimento, ma in generale puoi aspettarti circa tra il 5% ed il 10% di APY da alcune delle opzioni più popolari.

A cosa prestare attenzione?

L’importo che guadagni può aumentare o diminuire in base ai profitti dell’emittente di token. Allo stesso modo, i token che producono dividendi sono spesso volatili. Ti consigliamo di tenere traccia del tuo prezzo di entrata e dei pagamenti dei dividendi per tenere sotto controllo il tuo APY complessivo.