La blockchain sta scuotendo le banche, SWIFT e i sistemi di pagamento globali. Vediamo quale potrebbe essere lo scenario futuro.

Le principali banche si sono dichiarate interessate alla blockchain e al metaverso. I tempi sono maturi affinché SWIFT e altri sistemi di pagamento globali obsoleti integrino la blockchain nelle loro operazioni?

criptovalute banche blockchain

Dire che lo spazio delle criptovalute si sta espandendo rapidamente sarebbe un eufemismo. Dall’inizio di Bitcoin, la criptovaluta più popolare fino ad oggi, l’industria è cresciuta fino a raggiungere un patrimonio netto di oltre un trilione di dollari. Non solo, ma anche il numero di criptovalute si è moltiplicato in modo esponenziale.

Bitcoin e criptovalute: i numeri

Attualmente ci sono circa 18.216 diverse criptovalute nel mondo. Bitcoin è salito fino a $69.000 quest’anno, il valore più alto di sempre. Le previsioni future per le criptovalute mostrano a dir poco una tendenza al rialzo e non sembra esserci affatto una carenza di investitori.

La criptovaluta è alimentata dalla tecnologia blockchain, le cui funzioni si stanno ora diffondendo in molti altri settori che vanno dalla robotica alla tokenizzazione. La tecnologia blockchain ha mostrato un notevole sviluppo in termini di assortimento e sicurezza dei dati. Ciò, quindi, ha causato l’infiltrazione della tecnologia nelle transazioni monetarie a livello globale. Questo soprattutto perché il denaro contante è molto più vulnerabile delle criptovalute.

Tecnologia Blockchain e Banche: da dove parte tutto

L’attività bancaria è sempre stata un aspetto centralizzato ma controverso su scala globale e locale. L’incorporazione di un intero sistema decentralizzato, o semplicemente di una valuta digitale nelle operazioni e transazioni finanziarie a livello di governo è un passo enorme. Potrebbero volerci anni prima che possiamo vederlo riconosciuto all’unanimità come il sistema principale.

Tuttavia, molte aziende e paesi stanno adottando ampie misure crittografiche che agiscono per portare la blockchain sotto i riflettori. Ma come ha fatto la tecnologia blockchain in così poco tempo a minacciare così tanto le banche? Scopriamolo insieme.

JP Morgan Chase & Co.

Citiamo grandi nomi del mondo finanziario, come JP Morgan Chase and Co., il principale fornitore di servizi bancari e finanziari al mondo. La banca sta studiando da tempo la tecnologia blockchain e i suoi vantaggi, con piani per costruire la propria blockchain indipendente. Nel 2020, JP Morgan ha annunciato la propria blockchain: Onyx. Onyx è “una rete blockchain che consente lo scambio di valore per vari tipi di risorse digitali“. Questa tecnologia ha consentito l’integrazione della blockchain nella finanza non virtuale. Onyx ha un sistema di comunicazione integrato chiamato Link, il cui scopo principale è accelerare il processo.

Per espandere i suoi servizi virtuali, nel febbraio 2022, JP Morgan è diventata la prima banca a fornire i propri servizi nel mondo virtuale. Lo ha fatto tramite il loro metaverse nel centro commerciale Metajuku.

La lounge della banca si trova in una delle piattaforme più popolari del Metaverse, Decentraland. Entrando nella lounge, “i visitatori vengono accolti da un ritratto digitale di Jamie Dimon e da una tigre in roaming“. La banca presume che il metaverso si espanderà oltre i trilioni di dollari nei prossimi anni.

Goldman Sachs

Allo stesso modo, anche Goldman Sachs, una delle principali società globali di investimento, titoli e banche, ha condotto ricerche approfondite nel campo. L’azienda è stata in grado di utilizzare con successo la tecnologia blockchain per “costruire transazioni in blocchi“. Il sito ufficiale afferma,

Sulla rete, il record viene combinato con altre transazioni in un blocco, come un tradizionale database di computer. Ogni transazione è contrassegnata dall’orario in cui viene eseguita“.

Le due società acclamate a livello internazionale sono principalmente società di investimento e bancarie. Tuttavia hanno mostrato un enorme interesse per la tecnologia blockchain, che viene sempre più incorporata nei sistemi bancari mondiali.

Anche Goldman Sachs ha una posizione rialzista sul metaverso, prevedendo una capitalizzazione di mercato futura di $8 trilioni di dollari. Parlando a nome di Goldman Sachs, Eric Sheridan, in un podcast ha parlato delle aspirazioni virtuali dell’azienda:

Prenderemo l’esperienza del nostro mondo fisico e la sposteremo in generale in elementi di realtà mista, realtà virtuale e, infine, realtà aumentata. Pensiamo che questa potrebbe essere un’opportunità da $8 trilioni di dollari dal punto di vista delle entrate o della monetizzazione“.

Il Fondo Monetario Internazionale

Su scala globale, il Fondo Monetario Internazionale o FMI funziona per “promuovere la cooperazione monetaria globale, garantire la stabilità finanziaria, facilitare il commercio internazionale e promuovere un’elevata occupazione e una crescita economica sostenibile“. Il fondo è sulla strada verso la criptovaluta, secondo la dichiarazione di Christine Lagarde in favore della tecnologia blockchain. A una convention di Singapore, Lagarde ha detto:

Credo che dovremmo considerare la possibilità di emettere valuta digitale. Potrebbe esserci un ruolo nuovo per lo stato nel fornire denaro all’economia digitale. Il vantaggio è chiaro. Il pagamento sarebbe immediato, sicuro, economico e potenzialmente semi-anonimo. E le banche centrali manterrebbero una posizione sicura nei pagamenti“.

La dichiarazione mostra chiaramente che i Fondi monetari internazionali considerano la tecnologia blockchain una prospettiva positiva per il mondo finanziario. In futuro c’è un’alta probabilità che il FMI adotti la tecnologia blockchain per le sue numerose funzioni.

Russia e Cina

A seguito della dichiarazione di Lagarde, molti paesi hanno introdotto nuovi strumenti nel settore blockchain. La Russia, ad esempio, ha lavorato su una nuova forma di valuta chiamata “Rublo digitale“. Secondo la Banca di Russia non è una criptovaluta, ma funziona come una criptovaluta. La valuta sarà emessa digitalmente dalla Banca di Russia e sarà utilizzata allo stesso modo per transazioni online e offline, funzionando così sia come criptovaluta che come denaro contante.

La Russia spera che la posizione del FMI sulla tecnologia blockchain sia condivisa a livello globale in modo che il Rublo digitale possa essere riconosciuto a livello internazionale. La Banca di Russia afferma inoltre che “un rublo digitale non è considerato un sostituto di rubli in contanti o non in contanti; è visto come un’aggiunta a queste forme di denaro comuni e convenienti“. Questo significa che lo stato originale del contante può essere mantenuto intatto.

Il governo cinese, tra il divieto di Bitcoin e le rigide misure crittografiche, ha preso la stessa strada della Russia e ha creato una propria valuta digitale. La Banca popolare cinese, come la Banca centrale russa, afferma lo stato non crittografico della propria valuta digitale ponendola sotto il controllo della banca, piuttosto che in un sistema totalmente decentralizzato. La valuta, nota come “Yuan digitale“, è un altro passo per incorporare la blockchain nella finanza a livello di governo.

Le istanze di cui sopra sono testimonianze di come la blockchain sembra avere un’enorme impatto sulla finanza globale e sui sistemi di pagamento globali.

Il funzionamento interno della tecnologia blockchain e perché sta spaventando così tanto le banche

La blockchain è una rivoluzionaria tecnologia di contabilità distribuita (DLT). Gestisce ogni giorno il 100% del credito del mondo in forte espansione delle criptovalute. Blockchain, come suggerisce il nome, è una catena di blocchi pieni di dati, disposti in ordine cronologico.

Immaginiamola come un grande registro digitale. Ogni blocco funge da grande database per le transazioni che si verificano sul blocco stesso. Il registro digitale funge da ricevuta per le transazioni che ruotano attorno, e vi si può accedere semplicemente attraverso una connessione ad internet. Si tratta quindi di una catena digitale composta da numerosi blocchi. Ogni blocco è quindi costituito da un registro delle transazioni digitali nel record di ogni acquirente.

Distributed Ledger Technology o DLT è un database di record digitali decentralizzato. Una firma, sotto forma di hash, registra ogni transazione con un tale controllo che la manomissione di un solo blocco sarebbe quasi impossibile. Lascerebbe una scia enorme che può essere rintracciata dalle autorità. Ciò riduce significativamente le possibilità di un potenziale furto di criptovalute.

Pro della tecnologia Blockchain

La tecnologia blockchain è passata dall’essere un’idea nuova che sembrava troppo bella per essere vera, a un modello di business multimiliardario.

Ci sono alcune innovazioni che hanno portato all’espansione della capitalizzazione di mercato. Di seguito sono riportati i principali vantaggi che lo rendono il miglior sistema di transazione oggi.

Decentralizzazione

La tecnologia blockchain è decentralizzata, il che significa che non ha organi di governo che la gestiscono. In un sistema centralizzato una violazione in uno qualsiasi dei centri causerebbe il fallimento della sicurezza dell’intero sistema. Il decentramento fa in modo che, anche se una parte della catena viene in qualche modo violata, i dati complessivi dei consumatori continueranno ad esistere in sicurezza attraverso la blockchain.

Trasparenza

Salva e rende pubbliche le transazioni e le loro ricevute per sempre nel registro digitale, fintanto che la blockchain è attiva e funzionante. Ciò significa che tutte le parti che partecipano a una transazione blockchain, siano esse il venditore, il negozio o l’acquirente, possano accedere al libro mastro in qualsiasi momento, per garantire la piena trasparenza allo scambio.

Anonimato

Laddove da un lato, il libro mastro è prontamente disponibile per i partecipanti allo scambio, dall’altro, c’è l’anonimato che la tecnologia blockchain fornisce ai suoi acquirenti. L’anonimato è inteso a proteggere le loro identità. Satoshi Nakamoto è una persona misteriosa o un gruppo di individui la cui identità rimane ancora nascosta nonostante sia uno dei fondatori della più grande criptovaluta del mondo con una capitalizzazione di mercato così grande.

Ecco si è sviluppata la tecnologia Blockchain in ciò che è oggi

Secondo Jeffery Liu, CEO di XanPool:

Le criptovalute on e off-boarding in genere coinvolgono controparti, come i mercati e gli scambi P2P. Gli utenti affidano i loro soldi a queste controparti e possono acquistare e vendere solo su quella piattaforma. Questo è rischioso e comporta molte commissioni. Ciò che rende le cose peggiori è che gli utenti per ottenere i loro soldi sulla piattaforma, devono fare i conti con l’infrastruttura finanziaria tradizionale, come carte di credito o SWIFT. Questo aggiunge ancora più spese e rallenta ulteriormente il processo. Le criptovalute sono state inventate per evitare le infrastrutture legacy, quindi sembrava assurdo che acquistarle significasse indirizzare i fondi in questo modo“.

La tecnologia Blockchain è stata estremamente efficace in molti campi. La criptovaluta tuttavia prende ad oggi la fetta maggiore della torta. Questo perché la rete blockchain è riuscita a mantenere questi asset sicuri per quanto riguarda la privacy e la regolamentazione dei dati.

La tecnologia inizialmente voleva semplicemente la decentralizzazione delle risorse digitali. Oggi è un sistema in grado di svolgere molteplici funzioni nel mondo delle criptovalute e al di fuori di esso in modo altrettanto efficiente.

Blockchain di Bitcoin

Creata nel 2009 da una figura o un gruppo anonimo (sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto) Bitcoin alla fine ha portato alla luce il mondo crittografico multimiliardario che è di gran moda oggi. Il mondo ha iniziato a rendersi conto abbastanza presto dell’efficacia del sistema blockchain che supporta Bitcoin.

Così è stato ulteriormente studiato per estenderlo ad altre funzioni relative ai dati. Bitcoin ha introdotto un’efficiente piattaforma di transazione digitale in cui non c’era traccia di denaro o contanti effettivi, piuttosto una ricevuta di transazione sicura e stampata per sempre, incisa in un blocco. La blockchain di Bitcoin utilizza l’algoritmo SHA-256 per il suo software per tenere traccia delle transazioni in corso.

Blockchain di Ethereum

Laddove la blockchain di Bitcoin ha introdotto un sistema di asset decentralizzato, la blockchain di Ethereum, con una capitalizzazione di mercato attuale di circa $250 miliardi, ha introdotto un sistema di codifica in cui la blockchain è stata utilizzata per memorizzare codici che alimentano contratti intelligenti.

Ciò ha reso la tecnologia blockchain a prova di manomissione. La blockchain di Ethereum è un software con la capacità di autoprogrammarsi per generare contratti decentralizzati per ogni transazione. Le transazioni vengono aggiunte a un libro mastro alla portata di tutte le parti coinvolte nella transazione in qualsiasi momento. Questa blockchain utilizza l’algoritmo Ethash, riducendo il tasso di conferma della transazione a pochi secondi.

Società per le telecomunicazioni finanziarie tra le banche mondiali: ecco cos’è SWIFT

La Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication (SWIFT) è una rete di organizzazioni globali che fungono da piattaforma per le transazioni monetarie. SWIFT è una “società cooperativa” con sede in Belgio. Una società cooperativa è un’organizzazione sovrana, locale o globale, di molti partiti, personale o organizzazioni diversi, che si uniscono su un’unica piattaforma per risolvere i loro problemi socioeconomici.

Quinsi SWIFT è una società cooperativa di banche mondiali, fondata nel 1973, che copre tutti i continenti con operazioni in oltre 200 paesi. Le funzioni di intermediario di SWIFT sono atte a fornire un terreno comune per tutte le banche e le organizzazioni finanziarie in tutto il mondo.

Le transazioni internazionali oggi su SWIFT sono colossali mentre nel ’73 i paesi alla sua portata erano circa 22. Oltre 11.000 istituti finanziari nel mondo si sono affiliati a SWIFT, conferendo alla piattaforma il monopolio della prima linea finanziaria mondiale. L’attività bancaria moderna dipende fortemente dalla rete poiché SWIFT ospita circa 15 milioni di messaggi su base giornaliera.

SWIFT non prende parte alle transazioni in sé. Piuttosto è il servizio che consente alle banche di distribuire messaggi che poi aggiungono credito al proprio conto man mano che la transazione viene finalizzata. Funge da mezzo di comunicazione tra la maggior parte delle banche nel mondo. A ogni utente nel sistema SWIFT viene assegnato un codice SWIFT speciale per la comunicazione.

Difetti di SWIFT e delle banche

Il sistema SWIFT ha molti difetti che lo rendono talvolta inattivo, causano disagio ai clienti e alle banche associate al sistema ed aprono la strada a potenziali clienti pericolosi che possono compromettere i dati dei consumatori e causare gravi danni finanziari.

Questo è esattamente quello che è successo in Bangladesh a seguito di una rapina alla banca centrale nel febbraio 2016.

Vulnerabilità agli attacchi

Il sistema SWIFT è fortemente vulnerabile e soggetto ad attacchi e cyber hack. L’integrità del sistema è stata messa in discussione dopo che la Banca centrale del Bangladesh ha perso 81 milioni di dollari a causa di una rapina.

Questa vulnerabilità mette in gioco i dati dei clienti e la privacy delle risorse e può causare molti problemi anche a livello globale. Soprattutto perché le organizzazioni che operano all’interno di SWIFT sono paesi o società gigantesche.

Processi lenti

Contrariamente a quanto suggerisce il nome del marchio, la rete bancaria SWIFT è lenta. SWIFT ha un sistema democratico in atto, in cui si decide attraverso un referendum organizzato che governa l’intero marchio monopolista. Questo sistema lascia il posto anche alla burocrazia, mentre la governance stessa, essendo di natura politica, non agisce di conseguenza. Questi problemi organizzativi interni si ripercuotono sulle prestazioni complessive del sistema.

I processi di transazione impiegano letteralmente giorni per essere finalizzati. Fin dall’inizio, si sono rifiutati di innovare, sottolineando di voler rimanere fedele alle proprie radici. Questo ha portato a un divario evidente, poiché il sistema è obsoleto per il mondo moderno. Questo è ciò che ha portato JP Morgan, un membro di SWIFT, ad approfondire le alternative e alla fine a trovare Onyx.

Le innovazioni che l’organizzazione tenta di perseguire consistono nel seguire le orme di altre organizzazioni. Questo peggiora le cose invece di rendere i processi più efficienti. Un esempio di ciò lo troviamo nel 2021. SWIFT, nel suo tentativo di innovare, ha annunciato che avrebbe implementato un programma di “innovazione dei pagamenti globali” o GPI, che entrerà in azione nel novembre del 2022. Ciò, tuttavia, ha sollevato molti dubbi poiché la durata di 15 mesi per l’attuazione del programma è considerata una velocità ridicola nel mondo finanziario in cui le cose si scaldano e si raffreddano in pochi giorni.

Data Center centralizzati

Il sistema SWIFT funziona su una rete centralizzata con centri sparsi in tutto il mondo per l’archiviazione e la manutenzione dei dati. Il consulente Comsec Nadav Shatz afferma che “SWIFT dovrebbe avere assicurazioni adeguate per le banche. È una questione di cooperazione e responsabilità condivisa quando si tratta di sicurezza. D’altra parte è vero che le banche non possono fare affidamento esclusivamente su SWIFT“.

Inoltre, i portavoce di SWIFT, a seguito della rapina, hanno accusato le banche di non aver regolamentato adeguatamente la loro sicurezza. Evans di ANZ segue: “La banca non utilizza Swift come unica barriera protettiva dagli attacchi informatici alle sue transazioni. Le banche dovrebbero assicurarsi di aver i propri sistemi di sicurezza aggiornati. Prendiamo sul serio la sicurezza informatica e disponiamo di processi per rilevare e prevenire transazioni fraudolente“.

Mancanza di trasparenza

Il registro dei sistemi bancari globali è nascosto agli occhi del pubblico. Questo significa che le persone o le organizzazioni che si occupano della transazione non hanno accesso alla ricevuta completa rispetto ai timestamp.

L’organo di governo del sistema non è sufficientemente affidabile per essere l’unica parte con accesso ai dettagli cruciali di una transazione. Inoltre questo fornisce troppo potere nell’istituto privato: possono accedere al tuo libro mastro ma tu stesso non puoi.

Blockchain vs banche: altri sistemi di pagamento globali e loro carenze

Sebbene SWIFT sia uno dei più grandi sistemi di pagamento centralizzati del mondo, non è certamente l’unico. Un sistema di pagamento globale chiamato Single Euro Payments Area o SEPA opera principalmente in euro e ha come membri i paesi che fanno parte dell’Unione Europea. Allo stesso modo, Global Payments è un’altra società specializzata in transazioni digitali di ogni tipo. I principali problemi con i sistemi di pagamento globali, qualunque essi siano, sono che sono lenti, inutilmente costosi e poco trasparenti.

C’è un’aria di sfiducia tra i consumatori dei sistemi di pagamento globali. Non è normale non essere in grado di vedere le proprie registrazioni complete delle transazioni e dei trasferimenti. I sistemi di pagamento globali non sono abbastanza innovativi per stare al passo con il mondo della finanza in rapida evoluzione. Il sistema è obsoleto e richiede molto tempo al consumatore, che va da giorni a settimane, per finalizzare una transazione.

Inoltre, i sistemi di pagamento globali sono relativamente insicuri e possono essere vulnerabili ad attacchi esterni. Questo perché vengono eseguiti su un sistema bancario centralizzato. Gli hacker possono hackerare un organismo centrale e causare danni nell’intero sistema. Esiste il rischio che il tuo account venga bloccato per ragioni che non sussistono, e questo ha un impatto sulla sfera dei pagamenti globale.

Tutto sommato possiamo dire che i sistemi di pagamento globali necessitano di aggiornamenti approfonditi. L’alternativa è che ci sia un sostituto che colmi le lacune che le organizzazioni tralasciano.

Cosa rende la tecnologia Blockchain più attraente di banche e SWIFT?

La tecnologia Blockchain mostra brillanti prospettive future, mentre SWIFT sembra perdere influenza se non si rinnova e innova. Secondo una ricerca del MIT Technology Review:
Lo scopo principale dell’utilizzo di una blockchain è consentire alle persone, in particolare alle persone che non si fidano l’una dell’altra, di condividere dati preziosi in modo sicuro e a prova di manomissione“.

Esiste un’impronta crittografica che distingue la tecnologia blockchain e attira i consumatori verso di essa.

Blockchain > Banche parte 1: Ripple

Ripple è un’azienda che utilizza la tecnologia blockchain per fornire servizi finanziari a individui e organizzazioni. L’azienda ha tutti i vantaggi della tecnologia blockchain, essendo più veloce, più economica e molto più trasparente delle banche tradizionali, per non parlare anche della sicurezza. Secondo il portavoce dell’azienda:

Con la tecnologia blockchain più avanzata per i pagamenti globali, le istituzioni finanziarie sono in grado di espandersi in nuovi mercati in tutto il mondo e persino di eliminare i pre-finanziamenti sfruttando la potenza di XRP, attraverso il servizio di liquidità on demand di RippleNet“.

Nel registro XRP, il programma open source di Ripple consente ai nuovi sviluppatori di sviluppare soluzioni di pagamento non virtuali. XRP è l’asset utilizzato come modalità di pagamento nel registro XRP. XRP ha la capacità di essere utilizzato direttamente nelle transazioni, ignorando i pagamenti extra. Il processo è istantaneo e impiega circa 3 secondi. Rispetto ai tempi di attesa di SWIFT è un passo dall’età della pietra al 21° secolo.

Il sistema gestisce 1.500 transazioni in un secondo. Bitcoin impiega circa un minuto (60 minuti) per completare il tempo di regolamento della transazione per BTC. Ethereum impiega 2 minuti (120 secondi) per completare il tempo di regolamento della transazione. Il libro mastro XRP, d’altra parte, impiega solo 4 secondi per finalizzare il tempo di regolamento delle transazioni XRP, il che rappresenta un notevole passo avanti.

Blockchain > Banche parte 2: Sicurezza

La tecnologia Blockchain rende i dati degli utenti molto più sicuri. Compilandoli tutti in blocchi di dati gestiti correttamente, questi risultano indistruttibili, in quanto fanno tutti parte di una lunga catena di blocchi, chiamata appunto blockchain.

Quindi alterazioni o manomissioni di uno qualsiasi dei blocchi porterebbero ad una reazione a catena. Questo significa che il cambiamento in quel blocco specifico sarà sicuramente identificato sulla blockchain. Ma per farlo bisognerebbe hackerare il 50%+1 dei nodi contemporaneamente, cosa praticamente impossibile.

La sicurezza è fondamentale quando si parla di tecnologia blockchain, anche a livelli estremi. Se un cliente infatti perde la propria chiave privata, il proprio portafoglio sarà bloccato per sempre senza possibilità di recupero.

SWIFT, d’altra parte, a causa della sua natura centralizzata, è più incline ad essere hackerato. Ogni centro è un punto debole in quanto tutta la ricchezza all’interno del sistema viene condensata e funge da scrigno del tesoro. Se violato, fornirà ai ladri tutti i beni in un unico posto. La tecnologia blockchain con la sua decentralizzazione fa sì che nessun potere di governo abbia il monopolio su di essa.

Blockchain > Banche parte 3: Trasparenza

La Blockchain Technology è conosciuta per la sua trasparenza: il libro mastro è un registro pubblico. I dettagli della transazione sono codificati su un blocco della blockchain e tutte le parti dello scambio hanno accesso a tali dati per sventare pericoli di truffa.

SWIFT e Global banking invece si aspettano che i consumatori si fidino del sistema abbastanza da consentire alla governance di accedere ai loro libri mastri, mentre i clienti stessi non vi hanno accesso.

Blockchain > Banche parte 4: Velocità

Le transazioni Blockchain richiedono pochi secondi per essere finalizzate. SWIFT impiega alcuni giorni durante il processo. Le transazioni internazionali sono istantanee sulla blockchain e impiegano dai 4 ai 6 secondi per lo svolgimento dell’intero processo. SWIFT e i sistemi di pagamento globali invece impiegano in media da 2 a 3 giorni, il che rappresenta un enorme inconveniente per le parti coinvolte nello scambio.

La Silicon Valley è estremamente competitiva e sempre in movimento. Nuove idee, innovazioni e processi si stanno riversando di secondo in secondo. È quindi fondamentale che tutte le transazioni siano subito efficaci poiché il loro impatto è importante rispetto al loro arco temporale.

Più velocemente si verificano le transazioni, meglio è per tutte le parti coinvolte. SWIFT e l’attività bancaria globale quindi finiscono per impiegare più tempo rispetto alla tecnologia blockchain, che è molto più veloce.

Blockchain > Banche parte 5: Nessun costo aggiuntivo

SWIFT e servizi bancari globali sono relativamente costosi con molte commissioni di intermediazione e pagamenti nascosti. Ciò rende il processo più spiacevole per le organizzazioni che si occupano del sistema, poiché pagano di più per un servizio che potrebbe, attraverso l’uso della tecnologia blockchain, costare molto meno in termini di risorse.

Ciò si ottiene sradicando la centralizzazione, rimuovendo gli intermediari che richiedono commissioni aggiuntive durante le transazioni da impresa a impresa o da persona a persona. La tecnologia Blockchain richiede dal 60% all’80% in meno di costi di rete.

Tecnologia Blockchain: il sistema di pagamento definitivo contro le banche

La tecnologia Blockchain sta conquistando il mondo finanziario scuotendo le banche da 13 anni. Tutte le principali organizzazioni e paesi che hanno un impatto sul mondo finanziario si sono interessati alla tecnologia blockchain a causa del suo enorme potenziale.

IBM ha investito circa 200 milioni di dollari nella ricerca sulla blockchain. Il 90% delle organizzazioni finanziarie europee e americane sta investendo risorse per integrare la blockchain alle proprie attività.

Rispetto a SWIFT, che offre una tecnologia obsoleta e un sistema relativamente pericoloso, le reti basate su blockchain, tra cui Ripple e Solana, offrono servizi di liquidità decentralizzati, trasparenti, convenienti e su misura per gestire le finanze. Non c’è quindi da meravigliarsi se SWIFT e i fornitori di servizi finanziari globali sembrano essere molto spaventati dal futuro. Un futuro in cui la tecnologia blockchain potrebbe assumere il controllo della sfera finanziaria come fornitore leader di servizi monetari digitali.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il programma GPI di SWIFT sembrava promettente quando è stato annunciato per la prima volta, ma la ridicola durata di 15 mesi tra l’annuncio e l’implementazione ha messo in luce il problema della tecnologia obsoleta in SWIFT, dove l’organizzazione è almeno un anno indietro rispetto al resto del mondo finanziario. In conclusione possiamo dire che SWIFT ha molta strada da fare e la blockchain sembra recuperare terreno.