Il tasso di interesse medio di risparmio bancario negli Stati Uniti è dello 0,06%. Alcune piattaforme DeFi raggiungono un APY del 17%.

Con i tradizionali tassi di risparmio che hanno raggiunto livelli imbarazzanti, non sorprende che i conti di risparmio in criptovalute, lo staking, lo yield farming e meccanismi di lending/borrowing stiano ricevendo l’attenzione che meritano. Dopotutto, chi non vorrebbe avere un’entrata passiva?

calcolare apy apr defi criptovalute rendita

Il rendimento percentuale annuo (APY) è un termine comune utilizzato nella finanza tradizionale, così come nelle criptovalute, per spiegare quanto puoi guadagnare dai tuoi asset. Bisogna valutare se i tuoi rendimenti sono composti, ovvero se i tuoi guadagni a loro volta generano guadagni, e in quale periodo di tempo.

Se sei un investitore in criptovalute, dovresti sapere che l’APY è una metrica chiave per aiutarti a confrontare i rendimenti tra piattaforme o asset.

Questo articolo spiegherà il concetto di APY, come funziona nelle criptovalute e le opportunità di investimento in cui è importante.

Iscriviti a Crypto.com e ricevi subito $25 come BONUS di benvenuto

APY, ecco di cosa si tratta

APY è il tasso di rendimento annualizzato di un investimento, tenendo conto dell’interesse composto che matura o cresce con l’importo. L’interesse composto include l’interesse guadagnato dal deposito iniziale, più l’interesse guadagnato su tale interesse.

Sebbene comunemente associato ai risparmi tradizionali, APY è una metrica cruciale per i programmi di risparmio cripto e funziona in modo simile. Gli investitori in criptovalute possono guadagnare APY sulle criptovalute mettendole in staking, mettendole in conti di risparmio o fornendo liquidità ai pool di liquidità tramite lo yield farming.

Puoi iniziare a guadagnare APY sulla tua criptovaluta semplicemente sugli exchange di criptovaluta (Binance offre numerosi prodotti, li abbiamo descritti in questo articolo), wallet e piattaforme DeFi.
La finanza decentralizzata (DeFi) prende i concetti base della blockchain e li applica al mondo della finanza. Costruire protocolli.

In genere, gli investitori guadagneranno interessi sulla stessa criptovaluta che hanno messo a rendita. Tuttavia, ci sono casi in cui possono essere pagati in una valuta diversa.

Tasso di interesse semplice vs. APY

Mentre APY si riferisce al tasso di rendimento annuo guadagnato su un deposito sfruttando l’interesse composto, un tasso di interesse semplice considera solo l’interesse guadagnato sull’investimento originale. Pertanto, la differenza principale è che APY prende in considerazione gli effetti dell’interesse composto, mentre il tasso di interesse semplice no.

Il compounding è un potente strumento di investimento poiché ti consente di guadagnare in maniera esponenziale nel tempo. L’interesse composto viene calcolato su un certo periodo e con ogni periodo aggiuntivo, aumenta anche l’interesse pagato sul saldo complessivo.

Per semplificare, considera di puntare $ 1.000 a un tasso di interesse del 12% annuo a febbraio 2022. Dopo un anno, a febbraio 2023, utilizzando un semplice calcolo del tasso di interesse, riceverai un totale di $1.000 × 1,12= $ 1.120.

Gli stessi $1.000 puntati al 12% annuo, ma con una capitalizzazione semestrale degli interessi (quindi nei primi sei mesi), ti daranno 1000 × 1,06 = $1.060.

Quindi al termine dell’anno avrai guadagnato $1.060 × 1,06 = $ 1.123,60

Quei $ 3,60 in più provengono dal potere dell’interesse composto. Pertanto, il tuo rendimento percentuale annualizzato è il rendimento che riceverai nel corso dell’anno: (1.123,6 ÷ 1.000) − 1 = 0.1236 o 12,36%.

Iscriviti subito a ByBit e ottieni fino a $500 di BONUS di benvenuto!

APY a 7 giorni spiegato in maniera semplice

L’APY a 7 giorni è un rendimento annualizzato che utilizza rendimenti a 7 giorni. Viene calcolato prendendo la differenza netta di prezzo tra 7 giorni fa e oggi e generando una percentuale annuale.

La formula per calcolare l’APY a 7 giorni è la seguente:

APY = (X – Y – Z) ÷ Y × 365/7

Dove:

  • X = il prezzo alla fine del periodo di 7 giorni
  • Y = il prezzo all’inizio del periodo di 7 giorni
  • Z = eventuali commissioni

APY e profitto finale

APY, o rendimento percentuale annuo, rappresenta il profitto che puoi realizzare. A seconda di quanto tempo scegli di mantenere bloccate le tue criptovalute, i guadagni finali saranno diversi. Il periodo di staking determinerà quanto effettivamente guadagnerai.

Come calcolare l’APY

La formula per il calcolo dell’APY è la seguente:

APY = (1 + r/n)ⁿ – 1

Dove:

  • r = tasso di rendimento periodico (o TAEG annuale)
  • n = numero di periodi di composizione ogni anno

Il calcolo dell’APY in criptovaluta è lo stesso di quello nella finanza tradizionale e l’obiettivo è allo stesso modo quello di ottenere un rendimento percentuale.

Tuttavia, ci sono altri modi per calcolare l’APY a seconda degli Exchange. Ad esempio, Binance, Crypto.com, FTX Bybit offrono uno staking flessibile che consente agli utenti di mettere in staking token e disimpegnarli in qualsiasi momento. L’APY è calcolato come interesse semplice in cui il rendimento giornaliero rappresenta il tasso di interesse che verrà depositato nel tuo portafoglio a seconda del numero di token che hai puntato.

La formula è la seguente:

Rendimento giornaliero = Il numero di token totali puntati × (APY per il token puntato ÷ 365)

Ad esempio, se hai puntato 10.000 USDT per un APY garantito al 9%, ti verranno accreditati 2,5 USDT il giorno successivo (arrotondati al numero più vicino). Il calcolo svolto è il seguente: 10.000 × (0,09 ÷ 365) = 2,4657 USDT.

Tuttavia, se hai scelto di annullare la partecipazione ai tuoi token dopo aver raccolto i rendimenti giornalieri, non ci sarà alcun rendimento accreditato sul tuo account. In sostanza, qualsiasi modifica all’asset iniziale in stake influirà sul rendimento giornaliero.

Le stablecoin: da grandi ricompense derivano grossi rischi

Tasso Percentuale Annuo (APR)

L’APR, o tasso percentuale annuo, è l’interesse che guadagni dai tuoi asset investiti in un anno, espresso in percentuale. Questa cifra può includere le commissioni che i borrower (coloro che prendono in prestito) pagano per prendere in prestito le tue criptovalute. È uno strumento utile per confrontare diversi prodotti di investimento poiché fornisce una base di confronto coerente.

La differenza tra APY e APR è che quest’ultimo non tiene conto dell’effetto dell’interesse composto. 

Ad esempio, se investi 10.000 token con un APR del 10%, guadagnerai 1.000 token di interessi in un anno. Tuttavia considerando l’APY, la situazione cambia in modo significativo.

Nella finanza tradizionale, l’APR viene spesso utilizzato per discutere i termini per i borrower, ad esempio il tasso di interesse della carta di credito che dovranno pagare. L’APR può anche riferirsi alla percentuale pagata agli investitori. In generale, l’APY per un prestito è superiore al corrispondente APR a causa degli effetti dell’interesse composto.

Fattori che influenzano l’APY

Inflazione

L’inflazione si riferisce alla perdita di valore di una valuta nel tempo. Nell’ambito delle criptovalute, l’inflazione si riferisce al processo di aggiunta di nuovi token alla rete blockchain, di solito a un tasso predeterminato. Il fascino delle criptovalute come Bitcoin è che sono progettate per avere una supply fissa, ovvero sappiamo già il numero massimo di token che verrà generato.

Il tasso di inflazione per una particolare rete influisce sui rendimenti dello staking. Se la tua criptovaluta ha tassi di inflazione superiori al tuo APY, l’inflazione sta erodendo i tuoi profitti.

Domanda e offerta

Come con qualsiasi economia di mercato, la legge della domanda e dell’offerta influenza i prezzi. Chi possiede una criptovaluta può prestarla efficacemente per generare reddito da interessi. Poiché gli interessi vengono guadagnati in base alla domanda di prestito di una specifica criptovaluta, le dinamiche di mercato possono determinare i tassi.

Il tasso di interesse applicato ad un prestito di denaro in entrata, tende ad essere più basso quando c’è abbondanza di offerta e più alto quando questa è scarsa. Allo stesso modo, l’APY nel mondo cripto è variabile, e cambia in base al livello di domanda e di liquidità di ciascuna moneta.

Iscriviti subito ad FTX con questo link per avere uno sconto sulle commissioni per sempre

“Compounding Periods”

Il calcolo dell’APY è influenzato anche dal numero di periodi di compounding, che può variare. Ricorda, l’APY aumenta se il numero di periodi di composizione aumenta.

Facciamo un esempio. Se depositi $100.000 composti mensilmente al 5% annuo, il tuo APY sarà del 5,116%. Il calcolo è 100.000 × (1 + 0,05 ÷ 12)^(12). Il tuo saldo sarà di $105.116 entro la fine dell’anno.

Invece, se la capitalizzazione viene eseguita su base giornaliera, il saldo finale sarà di $105.127 con un APY del 5,126% entro la fine dell’anno. Il calcolo in questo caso è 100.000 × (1 + 0,05 ÷ 365)^(365).

Più opportunità ha il tuo interesse di crescere, più puoi guadagnare.

Cosa deve scegliere un investitore

Ogni investitore ha bisogno di un metodo per confrontare le opportunità di investimento e calcolare i profitti che si possono realizzare. L’APY, o rendimento percentuale annuo, è un calcolo standard del tasso di rendimento utilizzato nella finanza tradizionale e nelle criptovalute.

Include gli effetti dell’interesse composto, che può aumentare considerevolmente l’importo guadagnato. Più alto è l’APY, più soldi guadagnano gli investitori. Confrontare le opzioni mediante l’APY può aiutarti a capire quali sono le opportunità di investimento più interessanti.