Investire nella DeFi nel mondo delle criptovalute: guida completa alle migliori piattaforme delle migliori blockchain alternative.

Tra il 2015 e l’inizio del 2020, il panorama della finanza decentralizzata (DeFi) era costituito da un’unica entità dominante: Ethereum.

Come prima piattaforma di smart contract, negli ultimi anni Ethereum ha visto la sua popolarità salire alle stelle. Questo perchè gli sviluppatori hanno sfruttato la sua tecnologia per creare applicazioni decentralizzate (DApps) sempre più potenti e utili. Ciò ha portato alla nascita di alcuni degli strumenti/piattaforme DeFi più popolari che conosciamo oggi, tra cui Uniswap, Compound, Yearn Finance, Curve, Synthetix e altri.

defi blockchain waves velas zilliqa

In questo articolo diamo un’occhiata al panorama DeFi alternativo, quello cioè su blockchain più piccole. Esamineremo alcune delle caratteristiche che hanno aiutato Zilliqa, Velas e Waves a guadagnare consistenti quote di mercato nell’ultimo anno. Immergiamoci.

DeFi: come guadagnare criptovalute sulla blockchain di Zilliqa

Zilliqa è una delle piattaforme blockchain più apprezzate del 2017. Ha avuto un inizio relativamente lento, ma si è resa protagonista di un rapido cambiamento dopo l’esplosione del suo ecosistema di DApp.

In quanto blockchain a basso costo e altamente scalabile che sfrutta la tecnologia di sharding, Zilliqa è ampiamente considerata una delle blockchain più efficienti attualmente in funzione. Si tratta anche di una delle più decentralizzate in termini di distribuzione dei nodi, con un totale di 2.400 nodi operativi.

Secondo le statistiche ufficiali di Zilliqa, sulla piattaforma ci sono più di 120.000 smart contract attivi, di cui quasi 8.000 utilizzati ogni giorno. Inoltre ora la piattaforma ospita un totale di 60 asset tokenizzati (standard ZRC2). Grazie al numero crescente di contratti e risorse intelligenti, oltre che DApp, attualmente la piattaforma ha più di 320 milioni di dollari bloccati nel suo ecosistema DeFi.

Parte di questa crescita può essere attribuita alla gamma di opportunità di finanziamento che gli sviluppatori possono sfruttare. Ciò include finanziamenti di venture capital dal suo braccio di investimento Zilliqa Capital, sovvenzioni dal suo Creator Fund da 10 milioni di dollari e accelerazione/incubazione/finanziamento da ZILHive.

La piattaforma attualmente ha una gamma di importanti DApp, tra cui:

ZilSwap

Attualmente il DEX di gran lunga più popolare su Zilliqa, ZILSwap consente agli utenti di scambiare ZIL e un’ampia varietà di risorse ZRC2 in modo completamente affidabile e decentralizzato. In qualità di DEX di tipo AMM, chiunque può diventare un fornitore di liquidità contribuendo con i propri asset ai pool di liquidità di ZilSwap, ottenendo in cambio rendimenti. Ha anche un mercato NFT noto come ARKY, dove gli utenti possono scambiare NFT basati su Zilliqa in cambio di una commissione del 2%. La piattaforma ha attualmente 17 milioni di dollari in TVL e registra un volume di scambi di circa 2 milioni di dollari al giorno.

XCAD Network

Si tratta di una piattaforma che consente ai creatori di contenuti di YouTube (e presto di Twitch) di interagire in modo più efficace con il proprio pubblico e monetizzare i propri contenuti attraverso un nuovo ecosistema Watch & Earn. La piattaforma consente agli utenti di creare e vendere la propria gamma di token per i creatori e aiuta i fan a guadagnare un’ulteriore fonte di reddito quando guardano e interagiscono con i propri creatori preferiti. XCAD Network è attualmente una delle DApp più complete su Zilliqa. Il token XCAD è disponibile come risorsa ZRC2.

Sebbene l’ecosistema di Zilliqa sia ancora nelle sue prime fasi di crescita, la roadmap indica che presto introdurrà la compatibilità EVM, allineandola a piattaforme come BNB Chain, Avalanche e Polygon. Questo potrebbe aiutare il suo ecosistema ad espandersi rendendo la migrazione e la distribuzione sulla piattaforma un compito più semplice per gli sviluppatori.

DeFi: come guadagnare criptovalute sulla blockchain di Velas

Nata da un fork di Solana, Velas condivide molti dei suoi attributi più interessanti, comprese le commissioni di transazione estremamente basse e i rapidi tempi di conferma delle transazioni. La piattaforma può anche essere considerata ultra-scalabile, dato che attualmente può elaborare nell’ordine di 75.000 transazioni al secondo (TPS).

A differenza di Solana, Velas beneficia anche del supporto EVM. Questo lo rende adatto a sviluppatori che hanno già familiarità con l’ambiente di sviluppo Ethereum e il linguaggio di programmazione Solidity. Ha anche uno spazio nativo, che supporta il linguaggio Rust, sempre più popolare, fornendo una grande flessibilità agli sviluppatori.

Velas risolve anche direttamente uno dei principali ostacoli che si trovano ad affrontare l’adozione di altre blockchain: l’inquinamento. Grazie al suo sistema di consenso ibrido che utilizza una combinazione di Proof-of-History e Proof-of-Stake, Velas è estremamente efficiente dal punto di vista energetico ed è a emissioni zero, il che lo rende particolarmente adatto per applicazioni ESG (Environmental – Social – Governance).

Dal lancio del supporto EVM, Velas ha registrato un aumento e un’adozione significativi e ora ospita un ecosistema in crescita di DApp, la maggior parte delle quali offre funzionalità DeFi. Alcuni dei progetti più popolari di Velas includono:

WagyuSwap

Il primo DEX su Velas, WagyuSwap consente agli utenti di scambiare un’ampia varietà di token basati su Velas o di unirsi alla piattaforma come fornitore di liquidità per guadagnare un rendimento sui propri asset inattivi sotto forma di una divisione delle commissioni di trading. La piattaforma beneficia anche di una serie di yield farm, che possono essere utilizzate per guadagnare premi su token basati su Velas in staking.

Autofarm

Uno degli aggregatori di rendimenti DeFi più prolifici, Autofarm consente di ottimizzare automaticamente le proprie ricompense sfruttando la sua soluzione di farm automatizzato. Autofarm ora supporta 14 diversi blockchain, con Velas che è una delle ultime aggiunte.

VeleroDAO

Un fork di MakerDAO, VeleroDAO è un protocollo che consente agli utenti di coniare una stablecoin nota come USDV aprendo una posizione di debito collateralizzata (CDP) depositando token Velas (VLX). Questo USDV può quindi essere speso, puntato per guadagnare interessi o restituito per rilasciare la garanzia bloccata.

Il mese scorso Velas ha introdotto un nuovo programma di fondi e acceleratori per aiutare a finanziare e supportare nuovi progetti promettenti basati sulla piattaforma. Con questo, Velas potrebbe essere impostato per far crescere il suo ecosistema e potenzialmente spingere i pesi massimi della DeFi esistenti a schierarsi sulla catena e sfruttare le sue capacità.

DeFi sulla blockchain di Waves

Lanciata nel 2016, Waves è stata uno dei primi veri concorrenti di Ethereum salendo tra le prime 10 criptovalute più grandi per capitalizzazione di mercato. La piattaforma ha preso molto slancio dopo aver sviluppato interessanti DeFi. Molte delle sue applicazioni DeFi che hanno guadagnato una popolarità significativa nell’ultimo anno.

Waves è progettato per essere semplice da usare. Consente a chiunque di distribuire i propri token (noti come SmartAsset) e DApp con facilità, fornendo al contempo le risorse di cui gli sviluppatori hanno bisogno per avere successo attraverso le sue sovvenzioni e l’incubatore di progetti.

Waves sfrutta una versione avanzata di Proof-of-Stake, nota come Leased-Proof-of-Stake (LPoS) per mantenere il consenso. Ciò consente agli utenti di affittare i propri token a nodi completi per guadagnare una frazione delle ricompense che generano. Questo serve per aumentare la partecipazione e ridurre la centralizzazione. Quasi tre quarti della fornitura di token WAVES è attualmente in staking.

Uno dei punti forti di Waves sono le sue commissioni estremamente basse. Nonostante la blockchain abbia registrato aumenti significativi dell’attività on-chain nell’ultimo anno, le sue commissioni si attestano ancora a un costo medio di $0,022 per transazione, circa 80 volte inferiore a Ethereum. Ciò ha contribuito ad attirare un DeFi TVL di $1,2 miliardi, rendendola – nel momento in cui scrivo – la decima chain layer 1 più grande di TVL.

Alcune delle sue piattaforme DeFi più popolari attualmente includono:

Neutrino

Neutrino Protocol è una piattaforma utilizzata per creare asset a prezzi stabili. Attraverso Neutrino, gli utenti possono scambiare i loro token WAVES con USDN in cambio di una piccola tassa di protocollo. Questi USDN possono quindi essere messi in staking per guadagnare fino al 15% di APY. La piattaforma ha anche un proprio token di governance, noto come NBST, che viene utilizzato per votare sugli aggiornamenti di Neutrino.

Vires Finance 

Attualmente la DApp più popolare su Waves, Vires è un protocollo di liquidità che può essere utilizzato per prendere in prestito e prestare asset basati su Waves completamente trustless. La piattaforma consente agli utenti di depositare le proprie risorse per guadagnare rendimenti e utilizza vToken per rappresentare le posizioni di prestito degli utenti.

Waves Exchange

Il più grande DEX su Waves, Waves.exchange consente agli utenti di scambiare una varietà di asset nativi di Waves e con bridge. Dispone inoltre di una serie di prodotti di investimento algoritmici, opzioni di staking LP e pool per aiutare gli utenti a guadagnare un rendimento dalle proprie risorse. Allo stato attuale, l’exchange addebita una commissione fissa dello 0,1% su tutte le operazioni, che è condivisa tra i fornitori di liquidità.

Waves sta pianificando un’importante transizione per tutto il 2022, passando da Waves 1 a Waves 2. L’obiettivo è implementare un bridge universale, una DAO, un protocollo Metaverse, passare a un meccanismo di consenso completamente nuovo (Practical Proof-of-Stake Sharding) e introdurre la funzionalità EVM.