Un’occhiata a Fantom, una promettente blockchain di livello 1. Vediamo quali innovazioni porta, perché investirci e perché no.
Fantom è una blockchain di livello 1 decentralizzata , senza autorizzazione e open source per dApp e uno dei più grandi rivali di Ethereum. È attiva da dicembre 2019 e tenta di risolvere il trilemma della blockchain attraverso la sua architettura innovativa, che combina scalabilità, sicurezza e decentralizzazione.
fantom criptovalute
La sua architettura si basa su un unico livello di consenso che integra diverse catene di esecuzione. Questo livello di consenso – Lachesis – è stato sviluppato dalla Fantom Foundation come layer base per il suo protocollo Lachesis. Utilizza la tecnologia DAG (Directed Acylic Graph) per migliorare le transazioni lente e le commissioni di transazione elevate delle tradizionali blockchain Proof-of-Work come Ethereum.
Il primo livello sopra Lachesis è una piattaforma di smart contract compatibile con EVM chiamata Opera. A differenza di Ethereum, dove la competizione del gas può portare a commissioni di transazione esorbitanti o lunghi tempi di attesa, l’interazione smart contract su Fantom ha una velocità di transazione di un secondo e costa una frazione di centesimo. Prima di investire, assicurati di aver letto bene questa guida!

Fantom: ecco come funziona

Fantom utilizza un meccanismo di consenso (Asynchronous Byzantine Fault Tolerance (aBFT)) che gli consente di ottenere un throughput elevato e tariffe basse pur mantenendo scalabilità e sicurezza.
Nel meccanismo di consenso aBFT di Fantom, i nodi possono elaborare le transazioni in modo asincrono senza avere un leader designato. Il protocollo Lachesis ha una tolleranza agli errori di un terzo, il che significa che il 67% dei nodi deve convalidare una transazione per risolverla. La sua velocità quasi istantanea (1 secondo circa) colloca Fantom in un altro campionato rispetto alle blockchain proof-of-work, consentendole di operare in modo più veloce e scalabile.
Lachesis funge da strato base, su cui è possibile costruire strati aggiuntivi. Il primo tra questi, Opera, è una blockchain PoS compatibile con EVM e utilizza il set di validatori Lachesis per l’approvazione delle transazioni. Opera ospita anche applicazioni DeFi native di Fantom, oltre a quelle che si sono espanse da Ethereum a Fantom come SushiSwap, Curve e Yearn Finance.
Il token FTM viene utilizzato per lo staking, governance, pagamenti e commissioni, con una fornitura totale di 3,175 miliardi di token. Gli utenti possono mettere in stake FTM per il 4% di APY o scegliere Fantom’s Fluid Rewards e bloccare il loro FTM fino ad un massimo del 12% di APY. Il vesting gioca un ruolo importante anche per alcuni protocolli Fantom DeFi, come vedremo in seguito.

Fantom e DeFi

Nonostante la forte concorrenza nello spazio blockchain di layer uno, Fantom si è affermato come un legittimo concorrente, soprattutto grazie alla sua forte attenzione verso i casi d’uso DeFi. Ciò è dovuto in particolare al fondatore di Yearn Finance Andre Cronje, che di recente ha deciso di abbandonare lo spazio della DeFi. Cronje è stato determinante nel processo di espansione e sviluppo multi-chain di Fantom, e ha contribuito a lanciare il suo bridge verso Ethereum.

Prima di mollare, Cronje aveva annunciato che lui e Daniele Sestagalli stavano lavorando a un nuovo prodotto su Fantom. Il progetto è stato sospeso dopo che uno dei più grandi progetti di Sestagalli, TIME, ha visto l’arresto del suo CFO per truffa.

Ecosistema Fantom
(credits: fantom.foundation)
Fantom ha un ecosistema ben sviluppato con dApp che si concentrano principalmente sulle applicazioni DeFi. Secondo DefiLlama il suo TVL è già di $5,76 miliardi, mettendolo davanti a blockchain con una maggiore capitalizzazione di mercato, come Polygon.

Fantom ha una serie di protocolli molto popolari. Vediamone alcuni.

Dove comprare FTM

FTM è disponibile su una moltitudine di exchange. I principali sono:

Spookyswap

Spookyswap è un automated market-making DEX basato sul token BOO. È partner di Popsicle Finance, il money market costruito da Daniele Sestagalli. Spookyswap fornisce le classiche funzioni di un exchange decentralizzato come token swap, yield farming, single-staking pool, ma anche NFT e bridge.
I token swap costa lo 0,2% per swap. Lo 0,17% va ai fornitori di liquidità e lo 0,03% agli staker di BOO. Gli utenti possono mettere in stake i propri BOO in un pool a puntata singola per guadagnare BOO e ricevere xBOO, che a sua volta può essere messo in stake per guadagnare altri token come wFTM. Spookyswap offre anche un bridge da e verso molte altre blockchain come Ethereum, BSC, Polygon, Avalanche, Arbitrum, Harmony, Cronos e UEC. Infine, l’exchange ha rilasciato due serie di NFT – Magicats e Spookyswap NFT – che contribuiscono all’economia del progetto fornendo un altro caso d’uso al token BOO.

Scream

Simile ai protocolli di money market come Compound, Cream e Aave, gli utenti possono prendere in prestito o prestare capitale utilizzando criptovalute come garanzia. Scream supporta diversi asset come WBTC, WETH, WFTM, DAI, USDC, ecc. Mira ad essere una delle piattaforme con la più alta liquidità su Fantom per fornire agli utenti i migliori incentivi possibili.
Una caratteristica unica di Scream sono i suoi cosiddetti ScLoans, strumenti di sviluppo per prestiti sotto-garanzia che devono essere restituiti entro un blocco di transazione. Si applicano a diversi casi d’uso, come opportunità di arbitraggio, scambio di collaterale e scambio di tassi di interesse. Invece di passare attraverso il pool di prestiti, gli sviluppatori possono interagire direttamente usando scToken, il token utilizzato per i prestiti flash. Le commissioni per i prestiti flash sono dello 0,02%.

Geist Finance

Geist opera senza governance, il che significa che non ha una tesoreria da protocollo. Il 50% delle entrate viene ridistribuito agli staker di token GEIST. I liquidity miners su Geist ricevono premi con un periodo di maturazione di tre mesi, che può essere evitato pagando una penale del 50% sui premi richiesti. Le penalità vengono successivamente ridistribuite agli staker. Gli utenti che mettono in stake i propri token GEIST ricevono anche commissioni dagli scambi di token.
Una caratteristica unica di Geist sono i suoi airdrop. Gli airdrop di GEIST maturano linearmente nell’arco di un anno e possono essere colpiti da penalità allo stesso modo dei token in staking. Finora sono stati forniti airdrop alle community di Aave, Ellipsis e Lobser DAO.

Beethoven X

Con i pool di investimento ponderati, gli utenti possono riscuotere commissioni dai trader ribilanciando i loro portafogli sfruttando le opportunità di arbitraggio. Un pool può essere composto da un massimo di otto token diversi, a ciascun token viene assegnato un peso diverso in base al suo peso nel pool. Vengono scambiati anche stablecoin e asset sintetici con una volatilità relativamente bassa, come nello StableSwap AMM di Curve.
Inoltre Beethoven consente il lancio di token attraverso i suoi Liquidity Boot Strapping Pools (LBP). Un lancio LBP è simile a un meccanismo di crowdfunding. Consente un’equa distribuzione di nuovi token alla community e la possibilità di raccogliere la liquidità da usare in nuovi progetti. Beethoven è senza autorizzazione, quindi chiunque può creare un’asta e fare un LBP

Tarot Finance

Tarot premia i liquidity provider con i suoi Tarot Vaults. Gli utenti possono guadagnare automaticamente premi fornendo i propri token LP in pool di prestito che supportano Tarot Vaults. La liquidità fornita viene automaticamente messa in staking e genera ricompense aggiuntive.