Andre Cronje era per la DeFi quello che LeBron è per la NBA o CR7 per il calcio: tra i più grandi campioni di tutti i tempi.

L’improvvisa uscita di Cronje dalla DeFi (apparentemente l’ultima e definitiva) ha provocato il crollo dei prezzi di quasi tutti i progetti in cui era coinvolto. YFI è sceso dell’11% un’ora dopo l’annuncio e KP3R è crollato del 38% lo stesso giorno.

andre cronje defi

Con l’abbandono di Cronje, il mercato teme che questi protocolli perdano gran parte dell’esperienza che li ha resi così popolari. Ma facciamo un passo indietro: dopo aver letto tutto questo, gli investitori DeFi meno esperti potrebbero chiedersi: Chi è Andre Cronje e perché dovrebbe interessarmi che abbia lasciato lo spazio DeFi?

In questo articolo vediamo come Cronje sia diventato uno degli sviluppatori più prolifici della DeFi, il suo ruolo in alcuni progetti e ragioni e conseguenze del suo ritiro dalla DeFi.

Andre Cronje e la DeFi: ecco com’è iniziato tutto

Laureato in giurisprudenza alla Stellenbosch sudafricana nel 2003, Cronje ha rapidamente trovato la sua strada nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione dopo aver completato gli studi. Sorprendentemente, la sua prima esperienza lavorativa registrata sul suo LinkedIn è stata una posizione di docente presso il Computer Training Institute in Sud Africa. Dopo aver completato un periodo di 16 mesi lì, Cronje è passato all’IT e ha ricoperto posizioni presso Vodacom, diversi incarichi di CTO e due incarichi come sviluppatore mobile.

Il passaggio dai big data alla crittografia è avvenuto quando Cronje è diventato il CTO presso Freedom Life, un’azienda focalizzata su deep learning, blockchain e crittografia. Dopo aver lasciato Freedom Life nel 2017, è entrato definitivamente nello spazio blockchain. Da allora ha ricoperto diverse posizioni come ingegnere e consulente tecnico in vari progetti legati alla blockchain.

Cronje è diventato famoso grazie al suo coinvolgimento in Fantom e in diversi progetti DeFi. Ha lavorato come consulente tecnico per la Fantom Foundation per quasi quattro anni (2018-2022), sviluppando poi i popolarissimi protocolli yearn.finance e Keep3rV1. Non è un’esagerazione dire che il suo primo progetto DeFi, YFI, ha portato la DeFi nel mainstream (all’interno dello spazio crittografico). L’ultimo progetto di Cronje prima di lasciare la DeFi è stato Solidly Exchange.

Il successo di Cronje nella DeFi

Il primo grande successo di Cronje nella DeFi è stato yearn.finance. Nato a febbraio 2020 dalla sua precedente iterazione chiamata iEarn, YFI è diventato rapidamente il protocollo DeFi più popolare in quel momento. E nonostante sia molto lontano dai suoi massimi storici, YFI continua ad essere molto popolare tra gli utenti esperti di DeFi.

Yearn.finance è un aggregatore di rendimenti che consente agli utenti di massimizzare i profitti. YFI aggrega diverse strategie di investimento dai popolari protocolli DeFi come Curve, Compound e Aave e mantiene una promessa fatta da molti ma mantenuta da pochi: semplificare la finanza decentralizzata.

Uno dei motivi per cui YFI è diventato così popolare e ha raggiunto ad un certo punto un valore di oltre $80.000 è stato che Cronje lo ha lanciato in modo completamente decentralizzato ed equo, quasi senza guadagnarci.

Il secondo grande successo DeFi di Cronje è stato KP3R, una sorta di “blockchain Upwork”. Keep3rV1 facilita il coordinamento tra i progetti. Ad esempio, le persone in cerca di lavoro possono connettersi con i datori di lavoro nello spazio DeFi. In KP3V è Keepers che fornisce contratti intelligenti, bot o script in grado di eseguire transazioni o attivare eventi. Lo stesso Cronje ha affermato che Keep3rV1 ha consentito lo sviluppo di DApp come MetaWallet e Unihedge che altrimenti non sarebbero state possibili.

Il progetto DeFi finale di Cronje è Solidly Exchange, un AMM per protocolli DeFi. A differenza dei normali market maker automatizzati, Solidly Exchange ha due caratteristiche uniche: il suo focus sulle commissioni invece che sulla liquidità ed il suo essere un “AMM B2B”. Invece di massimizzare la liquidità, una grande sfida nel mercato sovrasaturato degli AMM, massimizza solidamente le commissioni.

Ad esempio, a differenza di Curve Finance, i fornitori di liquidità per Solidly ricevono commissioni solo dai pool per i quali votano. La competizione interna al protocollo per offrire agli utenti le migliori commissioni possibili, funge da freno alle commissioni eccessive di token swap. La tokenomics di Solidly Exchange si basa sul TVL (Total Value Locked) dei primi 20 protocolli Fantom. Questo ha provocato un massiccio afflusso di liquidità in Fantom mentre i capitali si precipitavano verso il nuovo prodotto DeFi di Cronje.

Solidly Exchange è crollato rapidamente di valore dopo il suo lancio, a causa di un bug e di una scarsa esperienza utente. Alcuni sostengono che questo è ciò che potrebbe aver spinto Cronje a staccare la spina.

Cronje: dai progetti creati per sé stesso all’insofferenza verso alcuni utenti 

Cronje è stato spesso descritto come un introverso la cui personalità non si allineava necessariamente con la mentalità dello spazio crittografico.

In un disclaimer che aveva sul suo profilo Twitter ora cancellato ha scritto:

Disclaimer: quando creo un software, lo costruisco per me stesso. Se vuoi interagire con esso, fallo con cautela, ci saranno dei bug. Le interfacce sono costruite per semplificarmi la vita. Farò degli errori. Se non lo capisci, per favore non usarlo.

Cronje è stato schietto sul fatto di non amare la cultura che circonda lo spazio delle criptovalute. Già nel 2017 aveva detto: “Dopo la mia incursione iniziale nello spazio DeFi, mi sono reso conto che lo spazio sembrava essere pieno di pubblicità e bugie di marketing, ma la tecnologia di decentralizzazione è forte ed è qui per restare“.

Durante una live YouTube di Erica Kang nel settembre 2020 ha paragonato il boom della DeFi nel 2020 al famigerato boom dell’ICO nel 2017: “Ora addirittura riteniamo che DeFi e ICO siano un po’ nello stesso campo, ma non è così. Tutti pensano di aver bisogno di un token, quindi hanno bisogno di farmare per l’estrazione di liquidità“.

Anche quando ha lanciato YFI – probabilmente il suo progetto più popolare – ha descritto scherzosamente il token come un “token a fornitura zero totalmente senza valore“. Il contraccolpo su YFI è stato anche il motivo per cui Cronje ha lasciato la DeFi per la prima volta nel marzo 2020. In un post sul blog intitolato “Costruire in #DeFi fa schifo” ha detto: “È costoso e la community è ostile“.

In un’altra intervista, ha affermato che “Era molto divertente.. prima che iEarn diventasse grande” e che ha iniziato a odiarlo.

Qualunque cosa tu faccia, saranno infelici e si impegneranno a dirtelo. Sono costantemente alla ricerca di qualsiasi informazione per distruggerti.

Il secondo “abbandono alla DeFi” di Cronje è avvenuto nell’autunno del 2020. In un’intervista con Decrypt, ha detto:
Sono vicino a smettere di nuovo. Sono così stanco di questo spazio. Semplicemente non capisco perché tutti siano così contraddittori e prendano così tanto di mira il mio progetto. Ci sono progetti raccolti da VC multimilionari là fuori che possono rubare tutti i fondi all’istante, servizi di custodia che mentono sul fatto di essere DeFi, ed innumerevoli truffe attive. Eppure eccomi qui, non un centesimo raccolto, a costruire da solo, e vengo attaccato 24 ore su 24, 7 giorni su 7“.

Cronje non ha mai nascosto i suoi sentimenti per la comunità DeFi che ha più volte definito “tossica“. Ha anche ammesso a Cointelegraph che l’aggettivo che lo descriveva come “volante” era completamente accurata. Cronje ha parlato molto nelle interviste di stress e di persone che si lamentano e chiedono continui follow-up, aggiornamenti e altro ancora.

L’abbandono di Cronje alla DeFi

La proverbiale bomba è esplosa il 6 marzo 2022. Anton Nell, il collega di lunga data di Cronje alla Fantom Foundation, ha annunciato che lui e Cronje avrebbero lasciato lo spazio crittografico con effetto immediato.

Il CEO di Fantom Michael Kong in seguito ha chiarito che i progetti non sarebbero stati chiusi del tutto. Nonostante ciò, la reazione del mercato è stata comunque ribassista.

Cronje giocava un ruolo da protagonista nella DeFi, quindi la reazione è stata prevedibilmente forte. The DeFi Edge, un famoso account di analisti, ha affermato che le vicende giudiziarie di Daniele Sestagalli, partner di Cronje nel progetto Solidly Exchange, ed il suo lancio fallimentare potrebbero essere stati la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Una fonte anonima ha detto a Blockworks che l’abbandono di Cronje lascerà sicuramente un impatto permanente.

Andre è un pensatore profondo e con grandi domande“, ha detto la fonte. “È un’influenza importante e positiva, la sua partenza avrà un impatto“. E anche se Cronje ha rotto con la DeFi già due volte in passato, Nell era abbastanza fiducioso che questa potesse essere la volta definitiva.

Indipendentemente da come andranno le cose, l’impatto di Cronje sulla DeFi è stato così significativo che ogni progetto in cui ha lavorato meriterebbe un articolo a parte.

Forse tornerà in maniera anonima, sta di fatto che Cronje ha reso la DeFi un posto migliore. Le sue capacità come sviluppatore ed il suo approccio premuroso nei confronti dell’utente ci mancheranno molto.