In questo articolo parliamo di aggregatori, riportando in particolare l’esempio di 1inch. Cosa sono esattamente e perché sono importanti.

Prima di parlare di aggregatori e di 1inch è necessario ripassare il concetto di DEX. Un exchange decentralizzato (DEX) è un exchange di criptovalute che a differenza del collega centralizzato opera senza il coinvolgimento di un’autorità centrale o di terze parti.

DEX exchange decentralizzati criptovalute

Di conseguenza, un utente mantiene il pieno controllo dei propri fondi archiviati o scambiati sul DEX stesso. Questo offre un livello di sicurezza più elevato rispetto agli exchange centralizzati (CEX).

Gli exchange decentralizzati si basano spesso e volentieri sulla blockchain di Ethereum e richiedono contratti intelligenti per funzionare. D’altra parte, gli exchange centralizzati sono gestiti da una terza parte, che riscuote le commissioni di negoziazione.
I CEX non siedono interamente sulla blockchain. Poiché i CEX non sono su blockchain, sono più veloci ed è possibile effettuare transazioni sia fiat che crittografiche.

CEX vs DEX: i migliori exchange centralizzati e decentralizzati del 2022

Aggregatori DEX: ecco perché sono importanti

Portiamo l’esempio di 1inch per poi allargare il campo. La nascita di 1inch avviene per soddisfare una richiesta. Gli sviluppatori hanno dichiarato di averlo creato semplicemente perché ne avevano bisogno personalmente.

Come descrive Anton, il CTO di 1inch, “I primi clienti di 1inch siamo stati io ed il co-creatore. È inefficiente controllare manualmente i migliori prezzi di scambio su tutti i DEX prima di effettuare uno scambio. Noi, come tutti gli utenti di criptovalute, avevamo bisogno di un algoritmo elegante per cercare in ogni DEX il miglior prezzo di trading“.

Per ricevere il prezzo migliore e più efficiente per uno scambio, è necessario verificare il prezzo migliore su tutti i DEX. Il controllo manuale non è efficiente e non consente rotte e percorsi commerciali complessi. Pertanto i sofisticati algoritmi di aggregazione DEX sono fondamentali per risparmiare denaro sugli swap.

Negli ultimi mesi, gli aggregatori DEX hanno registrato una crescita esplosiva, pari con alla dei DEX stessi.

Aggregatori DEX: ecco come funzionano

Gli aggregatori DEX ottengono liquidità da diversi DEX e quindi offrono agli utenti tassi di scambio migliori di quelli che potrebbero ottenere su un singolo DEX. Gli aggregatori DEX hanno la capacità di ottimizzare lo slippage, le commissioni di swap e i prezzi dei token che, se eseguiti correttamente, offrono una tariffa migliore per gli utenti.

Ad esempio un accordo più ampio, suddiviso cioè tra più DEX può offrire a un utente un prezzo complessivamente migliore rispetto ad un singolo scambio.

Il compito principale di un aggregatore DEX è offrire a un utente tassi di scambio migliori di quelli che qualsiasi DEX specifico può offrire e farlo nel più breve tempo possibile. Altre attività importanti sono la protezione degli utenti dall’impatto sui prezzi e la riduzione della probabilità di transazioni non riuscite.

I DEX sono generalmente interessati agli aggregatori, poiché possono attirare più utenti e volume. Dati recenti mostrano che i trader più esperti utilizzano sempre più gli aggregatori DEX. La maggior parte degli utenti sceglie ancora di accedere direttamente ai DEX.

Gli aggregatori DEX e il boom della DeFi

Gli aggregatori DEX sono un concetto relativamente recente, nato dall’aumento dei DEX stessi. Sono diventati più importanti per gli utenti nel boom del 2021 della DeFi. Questo perché sempre più utenti danno la priorità a prezzi migliori per ottimizzare le proprie operazioni.

Caso studio: Pathfinder di 1inch

Prendiamo come esempio l’aggregatore DEX 1inch, il cui componente principale è Pathfinder, un’API contenente un nuovo algoritmo di rilevamento e routing.
Pathfinder può suddividere gli swap su 21 protocolli di liquidità supportati e, se necessario, può anche utilizzare diverse “profondità di mercato” all’interno dello stesso protocollo.

Profondità di mercato: cos’è, a cosa serve e perché utilizzarla

La profondità del mercato è una misura della domanda e dell’offerta di attività liquide, come le criptovalute, in base al numero di ordini di acquisto e vendita aperti.

L’uso della “profondità di mercato” è un importante miglioramento rispetto alla versione precedente del protocollo. Con diverse “profondità di mercato” che fungono da ponte tra i token di origine e di destinazione, il nuovo algoritmo offre un approccio più sofisticato rispetto alla semplice suddivisione di uno scambio tra protocolli diversi.

Questo approccio più complesso si traduce in vantaggi concreti per l’utente. Ad esempio, grazie alle quotazioni migliorate, 1inch offre un tasso di scambio su sBTC-sUSD che è migliore dell’offerta di Uniswap di quasi il 98%.

Meccanismo di fill parziale e dinamico

La soluzione di 1inch per ridurre la probabilità di transazioni non riuscite è il meccanismo di “riempimento” parziale e dinamico di Pathfinder.

In Pathfinder il riempimento parziale è abilitato per impostazione predefinita, sebbene un utente possa disabilitarlo nel menu “Impostazioni avanzate“. Ma l’utilizzo di questa funzione è consigliato, in quanto può proteggere gli utenti dallo slippage dei prezzi e dalle transazioni non riuscite, che sono un problema per volumi di swap elevati.

Quando un utente effettua uno scambio su 1inch, verrà suddiviso tra diversi protocolli per far sì che l’utente possa ricevere le tariffe offerte nell’interfaccia utente. Tuttavia il tasso su uno dei protocolli potrebbe cambiare, diventando meno appetibile per l’utente, prima che lo scambio sia completato. Qui entra in gioco il “riempimento parziale“, poiché l’ordine può essere eseguito solo parzialmente. Il percorso (o i percorsi) in cui è cambiata la tariffa può essere facilmente annullato.

Di conseguenza non succede che l’utente ottiene una transazione non riuscita. Le criptovalute non scambiate torneranno semplicemente nel suo portafoglio. In questo caso l’utente paga solo la commissione di transazione. Inoltre possono risparmiare ulteriormente bruciando gettoni Chi gas che aiuta a ridurre i costi del gas del 43%.

Allo stesso modo anche l’alternativa dinamica potrebbe aiutare a prevenire transazioni non riuscite, poiché consente alle parti dello scambio di passare immediatamente a un altro protocollo in un altro percorso.

Ad esempio, l’algoritmo divide uno scambio tra tre protocolli: Uniswap, SushiSwap e Balancer. Se lo scambio su Uniswap non è andato a buon fine, l’intero scambio passerà a SushiSwap o Balancer e verrà comunque eseguito. In questo modo l’aggregatore è in grado di fornire all’utente la tariffa visibile nell’interfaccia iniziale.

Versatilità

Pathfinder è stato progettato come un algoritmo molto versatile in grado di supportare vari protocolli. Grazie a Pathfinder, 1inch attualmente supporta già tutti i principali protocolli, inclusi Uniswap V1, Uniswap V2, Balancer, Curve, Chai, Sushiswap, Kyber, Oasis, Mooniswap, Compound, Aave, Yearn e Bancor.

Ma il modo in cui è stato progettato Pathfinder consente di supportare anche blockchain diverse da Ethereum, come ad esempio BNB Chain.

Nel frattempo Pathfinder può essere ampliato per consentire l’integrazione con un exchange centralizzato. Questo, a sua volta, aprirebbe opportunità di business totalmente nuove per le startup da costruire sulla base del protocollo da 1inch. Ad esempio potrebbero creare prodotti per l’arbitraggio tra CEX e DEX.

Token collaterali

Un’altra caratteristica importante di Pathfinder è la possibilità di utilizzare token collaterali dai protocolli di prestito Aave e Compound come parte del percorso di scambio.

Aave e Compound confezionano altri token in monete collaterali, come, ad esempio, la moneta con ancoraggio USD di Compound, cUSD. In precedenza, questi token collaterali non potevano essere utilizzati come parte di percorsi di scambio su 1inch, poiché gli utenti avrebbero dovuto accedere al protocollo di prestito che emetteva le monete per wrapparle o ricollocarle come collaterale.

Pathfinder può wrappare, de-wrappare o migrare i token collaterali con una sola transazione, facendo risparmiare tempo e denaro all’utente. Inoltre, gli utenti possono scambiare i token collaterali conservati nei pool, poiché tutto il wrappaggio e viceversa viene eseguito automaticamente.

2 opzioni: Rendimento Massimo e Gas più Economico

Infine, Pathfinder consente all’utente di scegliere tra le opzioni “Rendimento massimo” e “Gas più economico“. La prima opzione prevede percorsi complessi per effettuare lo scambio. Come suggerisce il nome serve a far ottenere all’utente le migliori tariffe. In alternativa, nell’opzione “gas più basso“, gli swap vengono effettuati a tassi di mercato, senza suddivisioni tra borse diverse o percorsi complessi, ma l’utente paga la tariffa gas più bassa possibile