In questo articolo vediamo 8 miti da sfatare sugli NFT, tra miti, leggende ed altre false credenze popolari. Immergiamoci!

Sapevi che gli NFT sono in realtà parte di un enorme schema piramidale che abbraccia il mondo intero? O ti suona strano? Ci sono molti miti e affermazioni di dubbia provenienza che le persone fanno sugli NFT. Abbiamo deciso di mettere insieme i più popolari in un unico posto e sfatarli. Allaccia le cinture e preparati a sfatare un mito!

cosa sono nft

Prima di iniziare a sfatare i miti sugli NFT, esaminiamo rapidamente che cosa sono. Gli NFT, o token non fungibili, sono oggetti digitali unici, immagina come delle opere d’arte. Rappresentano certificati di proprietà e sono memorizzati su una blockchain, come Ethereum .
Tieni presente che mentre la maggior parte degli NFT sono archiviati sulla blockchain di Ethereum, questa non è affatto l’unica blockchain che supporta gli NFT. Anche Solana, Terra, Cardano, la BNB chain e molte altre ne supportano anche la creazione ed il trading. Partiamo!

Miti da sfatare sugli NFT: #1. Sono “arte digitale”

Le fantomatiche “opere d’arte” dominano la conversazione nei media mainstream, principalmente a causa di Beeple. Da quando “Everydays – The First 5000 Days” di Beeple NFT è stato venduto tramite la casa d’aste Christie’s per $69 milioni di dollari, il mondo non ci ha capito più nulla.

E naturalmente la maggior parte delle persone ha iniziato a pensare che, poiché l’NFT di Beeple è un’opera d’arte, tutti gli NFT lo fossero. Ma la verità è che un NFT può rappresentare digitalmente praticamente qualsiasi cosa, non solo opere d’arte. Ad esempio, le risorse di gioco come skin e armi vengono create sempre più come NFT, e scambiate sui mercati globali.
Tieni presente che non tutto ciò che rappresenta un NFT è memorizzato sulla blockchain. È solo il token (ERC-721 nel caso di Ethereum) che viene memorizzato sulla blockchain. Indica un asset che vive lontano dalla blockchain, da qualche altra parte.

Ad esempio se un giorno dovessimo decidere di archiviare i nostri dati di identità, come le informazioni sul passaporto, come NFT su una blockchain, i dati del passaporto stesso non verrebbero inseriti nella blockchain come token.

Quello che succede è che l’NFT fungerebbe da prova di proprietà del tuo passaporto, e indicherebbe dove sono archiviati i dettagli completi del tuo passaporto off-chain.

Nei prossimi anni la maggior parte degli NFT di cui avrete notizia saranno principalmente opere d’arte digitali. Ma in futuro potremmo vedere diritti d’autore, proprietà intellettuale o persino atti immobiliari archiviati sulla blockchain come NFT.

Miti da sfatare sugli NFT: #2. Sono solo una moda passeggera

Molte persone hanno affermato in passato che Internet non avrebbe fatto molta strada, che si trattava solo di una moda passeggera. Era destinato per molti a diventare uno strumento utilizzato solo dai criminali.
Uno sguardo a questo articolo mostra tutte le assurde previsioni fatte su Internet 25 anni fa. Dissero anche che nessuno avrebbe voluto passare tutta la sera a fissare una scatola con dentro delle immagini in movimento. Ora la maggior parte delle persone che conosciamo possiede almeno una TV.
Corsi e ricorsi storici, ma questa volta è la volta degli NFT. Questi non offrono nient’altro che una piccola novità tecnica, e tra qualche anno saranno scomparsi o privi di valore. Date le centinaia, se non migliaia, di possibili casi d’uso per gli NFT, non è plausibile affermare che scompariranno dall’oggi al domani.

Inoltre, gli NFT sono cresciuti fino a diventare un mercato da 41 miliardi di dollari nel 2021. Ora stanno rapidamente raggiungendo le dimensioni totali del mercato globale dell’arte, pertanto potrebbe essere giusto dire che gli NFT non scompariranno presto.

Dobbiamo anche tenere conto dei crescenti livelli di interesse aziendale per gli NFT. Nike ad esempio ha brevettato un modo per verificare l’autenticità delle scarpe da ginnastica utilizzando un sistema NFT su misura chiamato CryptoKicks .

Questo non vuol dire che alcune (o anche tutte) le opere d’arte digitali NFT non perderanno alcun valore nel corso degli anni, perché alcune di esse sicuramente lo faranno. Quindi possiamo dire con certezza al 100% che gli NFT non sono una moda passeggera? Ovviamente no. Quindi se ne andranno presto? Ovviamente no.

Miti da sfatare sugli NFT: #3. Gli NFT sono uno schema per arricchirsi rapidamente

Nonostante tutte le prove del contrario, alcune persone continuano a insistere sul fatto che gli NFT siano uno schema per arricchirsi rapidamente o una nuova complicata truffa informatica. Questa idea si basa sul fatto che la domanda per gli NFT si esaurirà improvvisamente. E quando lo farà ci saranno pochi vincitori e molti perdenti. In altre parole, le NFT sono solo un’enorme Ponzi.
Questa è una strana lamentela da avere sugli NFT. Questo principalmente perché la maggior parte degli artisti che vendono opere d’arte NFT e i collezionisti che le acquistano non stanno diventando ricchi.
Alcuni certamente lo sono, oppure lo saranno. Ma affinché gli NFT siano un gigantesco rug pull, la stragrande maggioranza dei collezionisti di NFT dovrebbe diventare ricca, il che semplicemente non sta accadendo.

Come abbiamo detto in precedenza, è certamente possibile che gli NFT valgano molto meno domani di quanto non valgano oggi, ma ciò non significa che siano una truffa.

Per dirla in altro modo, pensa agli NFT come se fossero diamanti o smeraldi. Se ci svegliamo tutti domani e concordiamo sul fatto che diamanti e smeraldi non valgono niente, allora non valgono niente. Le persone hanno rivolto la stessa lamentela all’oro per molto tempo.

In effetti il leggendario investitore di Wall Street Warren Buffet è notoriamente critico nei confronti dell’oro, dicendo “Non fa altro che sedersi lì e guardarti“. Bene, gli NFT fanno molto di più che sedersi lì e guardarti. Come abbiamo menzionato prima, gli NFT hanno migliaia di casi d’uso nel mondo reale.

In una nota correlata, ci sono alcune persone sui social media che affermano che gli NFT fanno parte di un tipo specifico di truffa o schema piramidale. Questo implica il reclutamento di membri promettendo di pagarli se portano più persone nel programma.

Delle varie lamentele che le persone hanno sugli NFT, questa è forse la più strana. Non esiste una società centralizzata che produce e vende NFT, né sta cercando di arruolare altre persone per vendere NFT per conto di un’azienda in cambio di una fetta delle entrate.

Tuttavia, mentre il concetto di NFT è legittimo, come con qualsiasi tecnologia emergente, ci sono molte persone là fuori che cercano di guadagnare velocemente. La facilità di creare una nuova collezione che promette di essere la prossima CryptoPunk o Bored Ape è esattamente il motivo per cui uno deve pensarci bene prima di entrare in un progetto NFT.

Miti da sfatare sugli NFT: #4. Gli NFT sono dannosi per l’ambiente

Questa lamentela preoccupa molte persone ed è la causa di molta indignazione online. Ad essere onesti, il cambiamento climatico è la più grande minaccia che la nostra specie deve affrontare oggi. Non ci sono scuse per acquistare qualcosa di cui non hai bisogno se è dannoso per l’ambiente.

Detto questo, la narrativa secondo cui ogni scambio o creazione di NFT è dannoso per l’ambiente semplicemente non è vero. È importante capire che il conio e il commercio di NFT non consumano molta energia.

Le blockchain che utilizzano un meccanismo di consenso proof-of-work, come Ethereum, consumano molta energia quando si coniano o si scambiano NFT. Ma non tutte le blockchain si basano su questo meccanismo. Molti altri, come Cardano e Tezos, utilizzano il proof-of-stake per elaborare le transazioni. Quest’ultimo consuma meno energia.

 

Ovviamente, Ethereum è la blockchain principale su cui si svolgono gran parte delle operazioni NFT. È quindi il principale colpevole della scarsa reputazione degli NFT, sul fatto che possano danneggiare l’ambiente. Ma tutto questo cambierà presto.

Dopo che la Beacon Chain si sarà fusa con la catena proof-of-work esistente, Ethereum utilizzerà circa il 99,95% di energia in meno per transazione. In precedenza veniva chiamato Ethereum 2.0 , ma ora viene semplicemente chiamato “The Merge“. Quindi, una volta avvenuta la fusione di Ethereum, cadranno la maggior parte delle affermazioni sul fatto che gli NFT siano dannosi per l’ambiente.
Per ora possiamo trarre un po’ di conforto dalla notizia che il mining di criptovalute è diventato molto più verde nell’ultimo anno. In effetti, il Bitcoin Mining Council stima che tra il 56% e il 67% di tutta l’energia del mining di criptovalute provenga da fonti sostenibili. Questo significa che una percentuale maggiore dell’energia utilizzata per questa attività proviene da fonti rinnovabili, rispetto alla percentuale di energia della Germania o del Regno Unito .

#5 Gli NFT sono inutili

Se un acquirente crede che un NFT abbia valore, proprio come se un acquirente crede che un’opera d’arte abbia valore, allora quell’NFT ha valore. Esatto, è molto soggettivo. Ma la bellezza è negli occhi di chi guarda. Quindi, quando la maggior parte delle persone parla di NFT inutili, probabilmente ha ragione.

Qui devi ricordare che la differenza tra il valore di un NFT e il valore di una singola opera d’arte NFT non è la stessa. Non si sa se le opere d’arte digitali NFT manterranno il loro valore, ma il mercato di questi token è così vasto che semplicemente non possono più essere considerati inutili.

Nei prossimi anni gli NFT saranno utilizzati principalmente per opere creative come arte e musica. Tuttavia andando avanti i token non fungibili avranno migliaia di possibili casi d’uso praticamente in ogni settore.

Ad esempio, gli ospedali potrebbero archiviare e condividere le cartelle cliniche dei pazienti o la verifica dell’identità, facilitando la collaborazione tra i centri medici di tutto il mondo. Oppure potremmo essere tutti in grado di archiviare prove delle nostre credenziali accademiche o documenti di identità anche sotto forma di NFT, rendendo gli spostamenti attraverso i confini più veloci e facili. Gli artisti potranno presto vendere i biglietti per i loro eventi come NFT, il che potrebbe sradicare completamente il bagarinaggio.

Alla fine, anche se gli NFT fossero usati solo nei settori creativi, non sarebbero comunque inutili.

#6 Gli NFT sono facilmente copiabili, il che porta a falsificazioni artistiche e furti

L’arte digitale ha sempre dovuto affrontare il problema degli screenshot. In altre parole, è davvero facile duplicare e caricare altrove.

Gli NFT rivolgono molta della propria attenzione per risolvere il problema di dimostrare la proprietà di opere d’arte digitali. Tuttavia anche qui le persone potrebbero comunque ricaricare facilmente gli screenshot e farli passare come originali. Quindi, come fai a sapere che l’NFT che già possiedi, o quello che prevedi di acquistare, è legittimo?

Devi sempre fare delle ricerche prima di investire il tuo denaro, indipendentemente dalla piattaforma da cui stai acquistando NFT. L’unico modo in cui puoi essere ingannato quando acquisti un NFT è di non preoccuparti di controllare che ciò che stai acquistando sia un vero affare.

Ma per capire perché non puoi copiare un NFT, devi capire cos’è una blockchain e come funziona. Una blockchain è un registro distribuito su cui puoi archiviare praticamente tutte le informazioni che desideri. Ma a differenza di altri database condivisi, le informazioni memorizzate su una blockchain sono immutabili, il che significa che non possono essere modificate o riscritte.

 

Quindi, ogni volta che un’opera d’arte NFT viene coniata e archiviata su una blockchain, esiste una registrazione accurata e permanente di quando è stata creata e da chi. Mentre puoi andare a coniare un NFT apparentemente identico a un NFT popolare o prezioso,  identificare quello falso è un gioco da ragazzi.

Questo è uno dei principali vantaggi che le opere d’arte NFT hanno rispetto ai dipinti ad olio e ad altri mezzi artistici classici. In effetti, i dipinti e le opere d’arte falsi sono un grosso problema per musei e gallerie, poiché identificare i falsi non è un compito facile. Già nel 2010, infatti, l’Independent riportava che il 20% di tutti i dipinti detenuti dai maggiori musei erano falsi.

Quindi, mentre è molto più facile duplicare un’opera d’arte digitale archiviata come NFT piuttosto che, ad esempio, creare una copia perfetta di uno dei dipinti di Rembrandt o Goya, ed è anche abbastanza semplice capire quando un NFT è una copia. Nello spazio NFT, proprio come nel mondo dell’arte, ci saranno sempre dei malintenzionati che sperano di truffare eventuali acquirenti incauti ma ben intenzionati. Devi solo stare attento!

#7 Gli NFT stanno aiutando i criminali a riciclare denaro

Sfortunatamente, le criptovalute sono bloccate nella loro oscura reputazione di essere la valuta preferita sulla Via della Seta, che era un mercato del dark web in cui si poteva acquistare in modo anonimo praticamente qualsiasi cosa, come armi o droga.

Purtroppo, la reputazione criminale delle criptovalute si è trasmessa agli NFT e le persone affermano che criminali come evasori fiscali e cartelli stiano usando NFT per trasferire denaro rubato in tutto il mondo. Ma è davvero così?

Il riciclaggio di denaro costa all’economia mondiale tra il due e il cinque per cento del PIL ogni anno, quindi tra $800 miliardi e $2 trilioni all’anno, la maggior parte dei quali è nascosta attraverso operazioni bancarie offshore. Sebbene l’attività bancaria offshore sia tecnicamente legale e ci siano ragioni legittime per utilizzarla, il suo scopo principale è eludere le tasse e la ricchezza guadagnata attraverso attività criminali.

Per ovvie ragioni, le banche offshore non condividono i loro record e ci sono pochissimi conti che mostrano come e quando il denaro è stato riciclato. Tuttavia, fughe di notizie finanziarie come i giornali Panama, Pandora e Paradise ci hanno fornito molte informazioni su come le aziende e gli individui nascondono la loro ricchezza offshore nei paradisi fiscali.

Quindi, quanti miliardi di dollari in ricchezza riciclata pensi provengano da NFT e criptovalute? Secondo Chainalysis, si tratta di circa 8,6 miliardi di dollari, ovvero meno dell’1% di tutto il denaro riciclato a livello globale.

La verità è che criminali e corrotti non hanno avuto alcun problema a nascondere la loro ricchezza a governi e autorità di regolamentazione da molto prima che arrivasse Bitcoin. E con l’aiuto del settore bancario tradizionale, ancora oggi non hanno problemi.

Ad esempio, HSBC è stata multata di quasi due miliardi di dollari non molto tempo fa per aver preso parte in uno scandalo di riciclaggio di denaro che ha coinvolto i cartelli della droga messicani e colombiani. E HSBC non è certo l’unico colpevole: Goldman Sachs e Standard Chartered hanno anche pagato miliardi di dollari di multe per le loro parti nel riciclaggio di denaro.

Come puoi vedere, il ruolo delle criptovalute nell’aiutare le menti criminali a spostare i loro soldi in tutto il mondo è trascurabile.

#8 L’acquisto di un NFT significa che possiedi l’asset sottostante

Questo mito è più un malinteso tecnico. Quando acquisti un NFT, non acquisisci automaticamente la proprietà dell’attività sottostante o dei diritti d’autore o di proprietà intellettuale. Infatti, salvo diverso accordo, la proprietà intellettuale resta di chi ha creato l’NFT.

Ad esempio, se hai acquistato un CryptoPunk, non hai il diritto di creare e vendere una collezione di CryptoPunk.

Più o meno allo stesso modo in cui acquistare un CD o un disco in edizione speciale da una band, o possedere un NFT di una canzone, non ti dà il diritto di vendere la musica della band online o di utilizzare il loro marchio per vendere la tua musica.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Tuttavia l’acquisto di un NFT a volte include altri diritti secondo le condizioni di vendita, inclusa la proprietà intellettuale, ma questo è diverso caso per caso.