Scopriamo cosa ha detto Vitalik Buterin, il noto fondatore di Ethereum, durante l’attesissimo evento di ETHDenver di quest’anno.

ETHDenver: una settimana di conferenza sulle criptovalute dedicata alla blockchain di Ethereum. Le file si sono allungate intorno alla sede per giorni.

vitalik buterin time

Mentre la folla si spinge all’interno, un uomo con sembianze da alieno sta correndo fuori dal locale, superando persone già pronte per il selfie. Alcuni gridano, implorandolo di restare; altri addirittura lo inseguono per strada, a piedi e in motorino. Eppure l’uomo li supera tutti, scomparendo nella privacy della hall del suo hotel, da solo.

Vitalik Buterin, la persona più influente nel settore delle criptovalute, non è andato a Denver per festeggiare. Non beve e non ama particolarmente la folla. Non che non ci sia molto da festeggiare per il 28enne creatore di Ethereum.

Nove anni fa, Buterin ha immaginato Ethereum come un modo per sfruttare la tecnologia blockchain alla base di Bitcoin per tutti i tipi di usi oltre alla valuta.

Vitalik Buterin: l’uomo che inventò Ethereum

Da allora, è emerso come lo strato fondamentale di ciò che i sostenitori affermano sarà una nuova Internet decentralizzata, open source. ETH, la valuta nativa della piattaforma, è diventata la seconda criptovaluta più grande dietro Bitcoin.

Questo ha alimentato un ecosistema da trilioni di dollari che rivaleggia con Visa in termini di denaro mosso. Ethereum ha portato migliaia di persone in tutto il mondo nei sistemi finanziari, ha consentito al capitale di fluire senza ostacoli attraverso i confini e ha fornito l’infrastruttura agli imprenditori per costruire ogni tipo di prodotto.

Dai sistemi di pagamento ai mercati di previsione, dagli exchange alla ricerca in campo medico.

Buterin Time
(fonte: TIME)

Anche se la criptovaluta è aumentata vertiginosamente in termini di valore e volume, Buterin ha visto evolversi il mondo che ha creato con un misto di orgoglio e terrore.

Ethereum ha reso ricchi molti investitori inconsapevoli, ha emesso sostanze inquinanti nell’aria ed è emerso come veicolo di evasione fiscalericiclaggio di denaro e truffe.

La stessa crittografia ha un potenziale distopico se usata in modo errato“, spiega Buterin la mattina dopo la festa in un’intervista di 80 minuti nella sua stanza d’albergo.

Vitalik Buterin sta combattendo contro il mondo che lui stesso ha creato…

Buterin è preoccupato per i pericoli per gli investitori bramosi, per le commissioni di transazione e per le spudorate manifestazioni di ricchezza che dominano la percezione pubblica delle criptovalute.

Il pericolo è che queste scimmie da 3 milioni di dollari sono un diverso tipo di gioco d’azzardo“. Chiaramente si rifererisce al Bored Ape Yacht Club, una raccolta superpopolare di NFT che è diventata uno status symbol dell’era digitale per i milionari tra cui Jimmy Fallon e Paris Hilton.

…ma senza volerlo!

Buterin spera che Ethereum diventi il ​​trampolino di lancio per ogni tipo di sperimentazione sociopolitica: sistemi di voto più equi, pianificazione urbana, reddito di base universale, progetti di lavori pubblici.

Soprattutto, vuole che la piattaforma sia un contrappeso ai governi autoritari e riduca l’impatto della Silicon Valley sulle nostre vite digitali. Tuttavia riconosce che la sua visione del potere di Ethereum rischia di essere sopraffatta dall’avidità degli uomini. E così ha iniziato ad assumere con riluttanza un ruolo pubblico diverso nel tentativo di plasmare il futuro. Durante l’intervista di TIME ha dichiarato:

Se non facciamo sentire la nostra voce, le uniche cose che si costruiscono sono quelle immediatamente redditizie. Di solito queste non portano a nulla di buono.”

L’ironia è che, nonostante tutto il prestigio di Buterin, potrebbe non avere la capacità di far cambiare rotta ad Ethereum. Questo perché l’ha progettata come una piattaforma decentralizzata, che risponde non solo alla sua visione ma anche alla volontà dei suoi costruttori, investitori e community in continua espansione.

Buterin a ETHDenver 2022
(fonte: TIME)

Il fatto che il suo approccio funzioni o meno (quanta influenza ha Buterin sulla sua stessa idea?) può fare la differenza tra un futuro in cui Ethereum diventa la base di una nuova era della digitale, e uno in cui è solo un altro strumento di speculazione finanziaria.

Vitalik Buterin contro Putin

Tre giorni dopo l’ETHDenver, l’attenzione di Buterin si rivolge alla regione in cui è nato. Durante la guerra lanciata dal presidente russo Vladimir Putin, la criptovaluta è diventata uno strumento di resistenza per l’Ucraina.

Più di 100 milioni di dollari in criptovalute sono stati raccolti nelle prime tre settimane dell’invasione per il governo ucraino e le ONG. La criptovaluta ha anche fornito un’ancora di salvezza per alcuni ucraini in fuga, le cui banche sono inaccessibili. Allo stesso tempo, le autorità di regolamentazione temono che venga utilizzato dagli oligarchi russi per eludere le sanzioni.

Anche Buterin è entrato in azione. Ha stanziato centinaia di migliaia di dollari in sovvenzioni per i soccorsi e criticato pubblicamente la decisione di Putin di invadere l’Ucraina. “Un aspetto positivo della situazione nelle ultime tre settimane è che ha ricordato a molte persone che in definitiva l’obiettivo delle criptovalute non è giocare con immagini di scimmie da un milione di dollari. E’ fare cose che abbiano effetti significativi nel mondo reale”, ha scritto Buterin in un’e-mail a TIME il 14 marzo 2022.

Una delle decisioni che ho preso nel 2022 è cercare di assumere una posizione ed essere meno neutrale“, afferma Buterin. “Preferirei che Ethereum offendesse alcune persone piuttosto che si trasformi in qualcosa che non rappresenta nulla.”

Vitalik Buterin: un genio dei nostri tempi

La guerra è una questione personale per Buterin, che ha origini sia russe che ucraine. È nato fuori Mosca nel 1994 da genitori informatici, Dmitry Buterin e Natalia Ameline, pochi anni dopo la caduta dell’Unione Sovietica. I sistemi monetari e sociali erano crollati. I genitori di sua madre hanno perso i risparmi di una vita a causa dell’aumento dell’inflazione.

Crescendo in URSS, non mi rendevo conto che la maggior parte delle cose che mi era stato detto a scuola, come il comunismo, erano tutte propaganda“, spiega Dmitry. “Quindi volevo che Vitalik mettesse in discussione paradigmi e false credenze. Quindi è cresciuto in modo molto indipendente come pensatore“.

La famiglia inizialmente viveva in un dormitorio universitario con bagno in comune. Non c’erano pannolini usa e getta disponibili, quindi i suoi genitori lo lavavano a mano. Vitalik è cresciuto con una mente turbolenta e brulicante. Dmitry dice che ha imparato a leggere molto presto, ma è stato lento a formulare frasi di senso compiuto rispetto ai suoi coetanei. “Poiché la sua mente andava così veloce“, ricorda Dmitry, “in realtà è stato difficile per lui esprimersi verbalmente per un po’ di tempo“.

A 4 anni Vitalik ha ereditato il vecchio computer IBM dei suoi genitori e ha iniziato a giocare con i fogli di calcolo Excel. Tre anni più tardi poteva recitare più di cento cifre del pi greco e risolvere equazioni matematiche per passare il tempo. A 12 anni programmava in Microsoft Office Suite.

L’isolamento del bambino precoce dai suoi coetanei si è compiuto definitivamente con il trasferimento a Toronto nel 2000. Lo stesso anno in cui Putin fu eletto per la prima volta. Suo padre definisce l’educazione canadese di Vitalik “fortunata e ingenua“. Lo stesso Vitalik usa le parole “solo e disconnesso“.

Baby Vitalik Buterin
(fonte: TIME)

Nel 2011 Dmitry ha introdotto Vitalik in Bitcoin, che era stato creato sulla scia della crisi finanziaria del 2008. Dopo aver assistito al crollo dei sistemi finanziari sia in Russia che negli Stati Uniti, Dmitry era incuriosito dall’idea di una fonte di denaro globale alternativa che non fosse controllata dalle autorità.

Vitalik iniziò presto a scrivere articoli esplorando la nuova tecnologia per la rivista Bitcoin Weekly, per la quale guadagnava 5 bitcoin a pezzo. Allora valevano circa $4; oggi varrebbero circa $200.000.

I primi passi di Vitalik Buterin nel mondo della blockchain

Già da adolescente, Vitalik Buterin ha dimostrato di essere uno scrittore conciso, in grado di articolare idee complesse sulla criptovaluta e la sua tecnologia sottostante in modo chiaro.

A 18 anni, ha co-fondato Bitcoin Magazine e ne è diventato il principale scrittore, guadagnandosi un seguito sia a Toronto che all’estero. “Molte persone lo consideravano un ingegnere tecnico“, afferma Nathan Schneider, professore di studi sui media all’Università del Colorado, Boulder, che ha intervistato per la prima volta Buterin nel 2014. “Ma la scrittura lo ha aiutato a vedere qualcosa che altri non stavano ancora vedendo.”

Quando Buterin ha iniziato a saperne di più sulla tecnologia su cui è stato costruito Bitcoin, BOOM. Usarla esclusivamente per la valuta era uno spreco. Questo pensiero è alla base del suo capolavoro.

La blockchain, ha pensato, potrebbe fungere da metodo efficiente per proteggere tutti i tipi di risorse: applicazioni web, organizzazioni, derivati ​​finanziari, programmi di prestito, persino testamenti. Ognuno di questi potrebbe essere gestito da “contratti intelligenti“, ovvero codici programmati per effettuare transazioni senza bisogno di intermediari.

Una versione decentralizzata del settore del rideshare, ad esempio, potrebbe essere creata per inviare denaro direttamente dai passeggeri agli autisti, senza che Uber sgravi una parte dei proventi.

La nascita di Ethereum

Nel 2013, Buterin ha abbandonato il college e ha scritto un white paper di 36 pagine in cui esponeva la sua visione di Ethereum: una nuova blockchain open source su cui i programmatori potevano costruire qualsiasi tipo di applicazione desiderassero (ha inventato il nome da elementi di fantascienza).

Lo ha inviato ad amici nella comunità Bitcoin, che lo hanno preso in giro. Ma ben presto una manciata di programmatori e uomini d’affari in tutto il mondo cercò Buterin nella speranza di aiutarlo a dargli vita. Nel giro di pochi mesi, un gruppo di otto uomini che sarebbero diventati i fondatori di Ethereum condividevano un Airbnb a tre piani in Svizzera, scrivendo codici e corteggiando gli investitori.

Mentre alcuni dei fondatori mescolavano lavoro e divertimento, guardando Il Trono di Spade e invitando gli amici a portare birra in cambio di ETH, Buterin si teneva per lo più per conto suo, codificando sul suo laptop. Nel corso del tempo, è diventato evidente che il gruppo aveva piani molto diversi per la nascente tecnologia.

Tensioni e divergenze con il team di Ethereum bramoso di ricchezze

Buterin voleva una piattaforma aperta e decentralizzata, su cui chiunque potesse costruire qualsiasi cosa. Altri volevano usare la tecnologia per creare un business. Ovvero costruire l’equivalente crittografico di Google, in cui Ethereum avrebbe utilizzato i dati dei clienti per vendere annunci mirati. 

Ci sono stati diversi litigi nel team anche per uanto riguardava potere e titoli. Un co-fondatore, Charles Hoskinson, si è auto-nominato CEO, una designazione che non interessava a Buterin, che scherzava sul fatto che il suo titolo sarebbe stato C-3PO (un droide di Star Wars).

Nel giro di pochi mesi, era passato da una vita di scrittura di codici e articoli tecnici, a quella alle prese con l’ego delle persone e lotte di potere. La sua visione di Ethereum era in bilico. “La differenza sostanziale era sicuramente che molte di queste persone si preoccupavano di fare soldi. Per me, questo non era assolutamente un obiettivo“, afferma Vitalik.

Il patrimonio di Vitalik Buterin

Buterin ha un patrimonio netto è di almeno $800 milioni, secondo i registri pubblici sulla blockchain la cui precisione è stata confermata da un portavoce. Ci sono stati anche momenti all’inizio in cui stavo negoziando le percentuali di ETH che io e gli altri fondatori di alto livello avremmo ottenuto, per essere più egualitari. Questo li ha fatti arrabbiare”.

Buterin dice che gli altri fondatori hanno cercato di sfruttare la sua ingenuità. Tutto questo per far passare le proprie idee su come avrebbe dovuto funzionare Ethereum.

La gente ha usato la mia paura per le autorità di regolamentazione contro di me“, ricorda, “dicendo che dovremmo avere un’entità a scopo di lucro perché è molto più semplice dal punto di vista legale che creare un’organizzazione senza scopo di lucro“.

Con l’aumentare della tensione, il gruppo ha chiesto Buterin di prendere una decisione. Nel giugno 2014, ha chiesto a Hoskinson e Amir Chetrit, due co-fondatori che stavano spingendo Ethereum a diventare un’azienda, di lasciare il gruppo.

Ha quindi avviato la creazione della Ethereum Foundation (EF), un’organizzazione no-profit creata per salvaguardare le infrastrutture di Ethereum e finanziare progetti di ricerca e sviluppo.

Uno per uno, tutti gli altri fondatori si sono staccati negli anni successivi per perseguire i propri progetti, sia in tandem con Ethereum che come concorrenti diretti. Alcuni di loro rimangono critici nei confronti dell’approccio di Buterin. “Nella dicotomia tra centralizzazione e anarchia, Ethereum sembra andare verso l’anarchia“, afferma Hoskinson, che ora guida Cardano.

Pensiamo che esista una via di mezzo per creare una sorta di sistema di governance basato su blockchain“.

Buterin e la leadership: quindi ha anche dei difetti?

Buterin è emerso come leader “filosofico” di Ethereum. Aveva un posto nel consiglio di amministrazione di EF, il potere di plasmare le tendenze del settore e muovere i mercati con le sue dichiarazioni pubbliche. Divenne persino noto come “V God” in Cina. Ma il potere non è ciò gli interessa.

Non è bravo a comandare le persone“, dice Aya Miyaguchi, il direttore esecutivo di EF.

Dal punto di vista sociale, è immaturo. Probabilmente sta ancora pensando ai conflitti passati“, afferma Danny Ryan, ricercatore capo presso l’EF. Buterin definisce la sua lotta per ricoprire il ruolo di leader organizzativo “la mia maledizione per i primi anni in Ethereum“.

Buterin non presenta le qualità di leadership stereotipate quando lo incontri. Tira su col naso e balbetta le sue frasi, cammina rigidamente e si sforza di mantenere il contatto visivo. Non fa quasi nessun sforzo per quanto riguarda l’abbigliamento. Indossa principalmente magliette Uniqlo o regali degli amici. Il suo aspetto lo ha reso un facile bersaglio sui social media: di recente ha condiviso su Twitter alcuni insulti degli utenti.

Eppure quasi tutti quelli che parlano con Buterin escono con gli occhi a cuoricino. Buterin in realtà è divertente e quasi del tutto privo di ego. È un secchione imperturbabile i cui occhi brillano quando si parla di uno dei suoi concetti preferiti.

Vitalik Buterin, il pensatore totale

Proprio come Ethereum è progettato per essere una macchina totale, Buterin è un pensatore totale, fluente in discipline che vanno dalla teoria sociologica al calcolo avanzato alla storia della tassa fondiaria. Attualmente sta usando Duolingo per imparare la sua quinta e sesta lingua.

Alexis Ohanian, co-fondatore di Reddit e importante investitore in criptovalute, afferma che essere vicino a Buterin gli dà “un’atmosfera simile a quando ho conosciuto per la prima volta Sir Tim Berners-Lee“, l’inventore del World Wide Web. “È molto premuroso e senza pretese“, dice Ohanian, “e sta offrendo al mondo alcuni dei concetti più potenti che abbia mai visto“.

Per anni, Buterin è stato alle prese con il potere da esercitare nell’ecosistema decentralizzato di Ethereum. Il primo test importante è arrivato nel 2016, quando è stato hackerato per $60 milioni, che all’epoca ammontavano a oltre il 4% di tutto l’Ether in circolazione.

L’hacking ha messo alla prova i valori della comunità delle criptovalute. Se Buterin avesse scelto di invertire l’hack usando una manovra chiamata hard fork, avrebbe esercitato lo stesso tipo di autorità centrale dei sistemi finanziari che ha cercato di sostituire.

L’attacco hacker a Ethereum

Buterin ha scelto una via di mezzo. Si è consultato con altri leader di Ethereum ed ha scritto dei post sul blog sostenendo l’hard fork. Il risultato è stato che la community ha votato in modo schiacciante a favore di tale opzione tramite forum e petizioni. Quando gli sviluppatori di Ethereum hanno creato il fork, Ethereum ha rapidamente recuperato valore.

Per Buterin, l’hacking incarnava la promessa di un approccio decentralizzato alla governance. “La leadership deve fare molto più affidamento sul soft power e meno sull’hard power. I leader devono quindi effettivamente prendere in considerazione i sentimenti della community e trattarli con rispetto“, afferma.

Le posizioni di leadership non sono fisse, quindi se i leader smettono di esercitare, il mondo se ne dimentica. Al contrario è molto facile per i nuovi leader insorgere”.

Negli ultimi anni, sono sorti in Ethereum innumerevoli leader, costruendo tutti i tipi di prodotti, token e sottoculture. C’è stato il boom delle ICO del 2017, in cui i venture capitalist hanno raccolto miliardi di dollari per progetti blockchain. C’è stata l’esplosione della DeFi nel 2020. E c’è stata l’esplosione degli NFT dell’anno scorso: beni digitali scambiabili, come foto del profilo, collezioni d’arte e carte sportive, il cui valore è salito alle stelle.

Gli scettici hanno deriso l’utilità degli NFT. Ma sono diventati rapidamente uno dei meccanismi più utilizzati dell’ecosistema di Ethereum. A gennaio, la piattaforma di trading NFT OpenSea ha raggiunto un record di 5 miliardi di dollari di vendite mensili.

Vitalik Buterin tra NFT e commissioni 

Buterin non ha previsto l’ascesa degli NFT e ha osservato il fenomeno con un misto di interesse e ansia. Da un lato, hanno contribuito a sovraccaricare il prezzo di Ether, che è aumentato di oltre dieci volte di valore negli ultimi due anni. Ma il loro volume ha congestionato più volte la rete.

A seconda della settimana, le fees della rete possono rendere proibitivo il prelievo di denaro dal tuo portafoglio per pagare i bisogni di base.

Buterin disprezza il predominio del voto monetario, un processo di voto per i DAO che secondo lui è solo una nuova versione della plutocrazia, quella in cui i ricchi possono prendere decisioni egoistiche con poca resistenza. “È diventato uno standard de facto, una distopia che ho visto svilupparsi negli ultimi anni“, dice.