Tra le tante accuse rivolte al mondo crypto, spicca quella di essere inquinanti e dannose a livello energetico. Vediamo i progetti ecosostenibili che puntano al green.

criptovalute ecosostenibili blockchain

È opinione comune che il mining di criptovalute sia “dannoso per l’ambiente”. Sfortunatamente, i legislatori e coloro che plasmano la politica, spesso basano leggi e decisioni politche su assunti non verificati, danneggiando in questo modo un’intera industria, come quella della blockchain

La realtà è che ci sono molte persone nel settore della blockchain e delle criptovalute che mettono al primo posto la ricerca di soluzioni più efficienti dal punto di vista energetico e sostenibili.  

Analizziamo alcune delle criptovalute e blockchain più efficienti dal punto di vista energetico e rispettose dell’ambiente esistenti.

HEDERA HASHGRAPH (HBAR) 

Nel 2021, l’University College London (UCL), Centro per le tecnologie Blockchain ha scoperto che Hedera Hashgraph era una delle piattaforme di tecnologia distribuita (DLT) più efficienti dal punto di vista energetico.

Tra le blockchain modellate da UCL (che includevano Ethereum 2.0, Cardano e Polkadot), si è scoperto che Hedera era la più efficiente dal punto di vista energetico. Hedera utilizza circa 0,000020,00004 KiloWatt ora per transazione.
Per fare un confronto, è stato stimato che
Ethereum 2.0 potrebbe utilizzare fino a 0,5 KiloWatt ore per transazione.  

ALGORAND (ALGO) 

Algorand è una blockchain Pure Proof-of-Stake progettata dallo stimato professore del MIT Silvio Micali.  

Pure Proof of Stake è leggermente diverso dagli altri tipi di Proof of Stake. Una persona in possesso di ALGO, non è tenuta a bloccare i propri token. Chiunque abbia token nel proprio portafoglio può puntare e guadagnare interessi.  

Gli utenti possono votare, purché siano online. Inoltre, la selezione degli utenti per il voto è effettuata in modo del tutto casuale. A causa del protocollo di consenso utilizzato da Algorand, l’energia utilizzata per eseguire un nodo sulla rete è trascurabile, infatti, potresti eseguire un nodo su un dispositivo come un raspberry pi .  

Per questo lo studio UCL ha anche stimato di Algorand utilizzo di energia in funzione del carico di rete. Ha scoperto che sarebbe da qualche parte nella regione di 0,0042170,00534 KiloWatt ore per transazione  

TEZOS (XTZ) 

Tezos altra blockchain Proof-of-Stake che afferma di essere estremamente efficiente dal punto di vista energetico e rispettosa dell’ambiente.  

PricewaterhouseCoorps ha condotto uno studio indipendente sui consumi di Tezos, in conformità con gli standard ISO 14040 e 14044. La revisione ha rilevato che il consumo annuale totale di Tezos, è equivalente al consumo medio energetico di 17 persone. 

Inoltre, lo studio dell’ University College London, che ha esaminato l’utilizzo di energia in funzione del carico di rete, ha stimato che Tezos utilizza tra 0,000360.01096 KiloWatt ore per transazione, che era significativamente inferiore a Ethereum, Bitcoin e Cardano e altre blockchain popolari. 

IOTA (MIOTA) 

IOTA è una cripto valuta ecologica focalizzata sull’Internet Of Things (internet delle cose). IOTA utilizza un meccanismo noto come Tangles, la cui struttura dati consente di eseguire transazioni in parallelo, a differenza delle altre blockchain. Questo rende IOTA estremamente efficiente dal punto di vista energetico.  

Nel maggio 2021, in seguito all’ultimo aggiornamento della loro rete, IOTA ha pubblicato i risultati di un test condotto nel consumo di energia di un nodo, eseguito su un dispositivo Raspberry Pi. Il loro test ha rilevato che il consumo di un Raspberry Pi 4 utilizza poco più di un milionesimo di kWh per messaggio / transazione IOT.

Lo studio precedente, condotto prima dell’aggiornamento della rete, dall’ Università Islamica di Azad in Iran, ha rilevato che IOTA utilizzava circa 0,00016 KiloWatt/ora  per ogni transazione.
I dati indicherebbero che IOTA è una delle blockchain, più efficienti dal punto di vista energetico oggi esistenti. 

RIPPLE (XRP) 

A differenza di Bitcoin, l’intero XRP esistente è stato ‘pre-minato, quindi non è necessario alcun mining ad alto consumo energetico per far funzionare la blockchain. Ripple, la società dietro, riconosce che XRP è stato ‘progettato pensando alta sostenibilità* ed ‘è una moneta intrinsecamente verde.  

Stimando si pensa che Ripple XRP utilizza circa 0.0079 KiloWatt ore per transazione, annualmente è di circa 474.000 kWh. A fini comparativi, Bitcoin ed Ethereum utilizzano annualmente circa 57 miliardi di kWh e 3 miliardi kWh rispettivamente. 

ENERGY WEB TOKEN (EWT) 

L’Energy Web Token (EWT) è la criptovaluta di Energy Web Chain lanciata a giugno 2019. Consente agli sviluppatori di creare applicazioni decentralizzate (Dapps) completamente personalizzate specifiche per l’energia settore.  

Basandosi su sensori Out-Chain, chiamati Oracle, che forniscono dati reali per attivare Smart-Contract e monitorare il prezzo delle risorse energetiche ed evitare gli sprechi.  

Non è un token ERC 20 ed utilizza il proof-of-authority (PoA) come consenso, è strutturato in modo da consentire il trasferimento di EWT alla rete principale di Ethereum, rendendo EWT interoperabile tra diverse blockchain.  

La blockchain è sostenuta dalla Energy Web Foundation (un’organizzazione senza scopo di lucro) che comprende una partnership tra Rocky Mountain Institute e Grid Singularity.
Lanciata dalla Energy Web Decentralized Operating System (EW-DOS), che consente agli utenti di controllare e gestire i propri sistemi elettrici online. 

CHIA (XCH) 

 

Chia (XCH) in esecuzione sulla Blockchain Chia Network (fondata da Bram Cohen di BitTorrent), punta ad essere il sosituto del proof-of-work.

Il consumo medio della blockchain si stima di circa 47752 kilowatt (kW) al 19 luglio 2021, con uno spazio di rete stimati in circa 31,0 EiB. Bram Cohen afferma anche che è la blockchain più decentralizzata di sempre, con circa 350.000 nodi

Tuttavia, Chia non si basa su proof-of-work (PoW) e utilizza invece l’algoritmo chiamato ‘Proof Of Space and Times (POST), per partecipare alla “farm“, si utilizza lo spazio di archiviazione in eccesso, disponibile sui nostri PC, tali file vegono denominati (Plot).  

Al contrario, Chia Network ha annunciato all’inizio del 2021, che Chia può essere farmato direttamente sui server cloud di Amazon Web Services (AWS) in modo che chiunque possa partecipare.

ì