Ecco cosa sarebbe successo se MicroStrategy avesse investito in Ethereum (ETH) invece che in Bitcoin (BTC). Da non perdere!

Michael Saylor è da sempre una delle voci più rialziste su Bitcoin, dichiarando con orgoglio che “non esiste una seconda criptovaluta“.

Eppure Ethereum ha una solida esperienza nel over-performare Bitcoin. Nel 2021, ETH è salito di un enorme 399,2%, cinque volte di più del comunque impressionante 59,8% di Bitcoin.

microstrategy ethereum
Criptomercato.it

Ma secondo una dashboard basata sui dati storici, il leader di MicroStrategy non ha scelto il cavallo più veloce quando ha deciso di investire in modo aggressivo in BTC nell’agosto 2020. Vediamo perché.

Cosa sarebbe successo se MicroStrategy avesse scelto Ethereum al posto di Bitcoin

La società di business intelligence detiene attualmente 130.000 BTC. Al momento della stesura di questo articolo la somma vale circa 2,72 miliardi di dollari. Nel complesso, la società sta subendo una perdita teorica di circa $1,26 miliardi.

Eppure una dashboard del Blockchain Center suggerisce che, se invece avesse acquistato Ether, MicroStrategy sarebbe in profitto di 1,59 miliardi di dollari… nonostante il bear market delle criptovalute.

Le statistiche che fanno riflettere non finiscono qui. Includendo lo staking, possiamo concludere che MicroStrategy avrebbe guadagnato ben 240.855 ETH a partire da ora.

E se Saylor cambiasse il Bitcoin dell’azienda in Ether, l’azienda genererebbe un fatturato annuo di staking di $136 milioni di dollari.

Per contestualizzare questa cifra, MicroStrategy non ha mai avuto così tanto reddito operativo.

Ether ha una solida esperienza nel over-performare Bitcoin. Nel 2021, ETH è salito di un enorme 399,2%, cinque volte di più del comunque impressionante 59,8% di Bitcoin.

Dal momento che entrambe le criptovalute hanno raggiunto il massimo storico nel novembre 2021, ETH è sceso di circa il 67,8% da un record di $4.891,70, mentre BTC è sceso del 69,5% da $68.789.

Se messe insieme, queste cifre ci dicono che Ether ha accelerato molto più velocemente della più grande criptovaluta del mondo. Inoltre è stata leggermente più brava a mantenere questi guadagni.

Spiegando la logica alla base della sua visualizzazione, il creatore della dashboard @rhomeo_de ha dichiarato:

Principalmente perché il nerd dei dati in me era interessato ai dati. Ovviamente con il senno di poi è un 50/50 e la sua decisione di convertire il denaro della sua azienda (e altro) in Bitcoin avrebbe potuto essere (e può essere tuttora) la decisione migliore di sempre. Ma dire “non esiste un secondo miglior cripto-asset” è un po’ esagerato se mi chiedi e i dati che sono attualmente disponibili“.

Saylor se ne accorgerà?

Nonostante tutto questo, non aspettarti che Saylor cominci ad abbracciare Ether presto. Per lui, si tratta di molto di più del prezzo.

Durante l’estate, il presidente esecutivo di MicroStrategy ha dichiarato di non poter investire nella blockchain di Ethereum perché è completa solo per il 55% circa. Inoltre, con ulteriori aggiornamenti all’orizzonte, teme che la rete possa non essere completa o stabile per gli anni a venire.

Parlando al Summit Blockchain Economy di Istanbul, Saylor ha affermato che avrebbe bisogno di vedere una funzione di protocollo finita per cinque o dieci anni senza che si verifichi un hack, aggiungendo:

Ogni volta che esegui un grande aggiornamento, introduci nuove superfici di attacco.”

Saylor sembra anche essere abbastanza soddisfatto di come Bitcoin ha resistito nell’attuale inverno delle criptovalute. Su Twitter ha condiviso un grafico che mostra che BTC è ora molto meno volatile sia dell’S&P 500 che del Nasdaq.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Anche i bitcoiner su Twitter sono piuttosto indifferenti a tali risultati. I massimalisti sostengono che il passaggio di Ethereum alla Proof-of-Stake significa che le transazioni ora sono più facili da censurare.