L’aggiornamento di Taproot alla rete Bitcoin è stato attivato il 14 novembre 2021. Affrontare le sfide di scalabilità e privacy che affliggevano la rete.

Taproot è un aggiornamento implementato nella blockchain di Bitcoin nel novembre dello scorso anno. Promette una maggiore privacy delle transazioni ridefinendo il modo in cui la rete gestisce transazioni complesse. Ma esistono possibilità concrete di avere la DeFi su Bitcoin?

bitcoin defi taproot

Questo è vero… fino a un certo punto. L’aggiornamento Taproot di Bitcoin si concentra principalmente sulla privacy delle transazioni (e quindi sulla visibilità delle transazioni on-chain) e ridefinisce il modo in cui la rete gestisce transazioni complesse. Una componente importante è la possibilità di supportare i contratti intelligenti e la DeFi su Bitcoin.
Ma c’è di più.

Al suo interno, è semplicemente un’implementazione matematica volta a migliorare le firme digitali e come vengono utilizzate per approvare le transazioni. Ma in superficie, ci sono diverse implicazioni che dobbiamo considerare. Sebbene siano già disponibili diverse risorse che descrivono in dettaglio cos’è l’aggiornamento e come funziona, ci sono poche informazioni sulle implicazioni che potrebbe avere sugli utenti.
In questo articolo esploreremo proprio questi aspetti. Immergiamoci.

Taproot: di cosa si tratta?

Per capire come funzionano effettivamente Taproot e le sue implementazioni, per noi è fondamentale sapere che nella rete Bitcoin le tue criptovalute sono bloccate in script. Questo script non è altro che un codice incorporato che delinea chiaramente come le tue monete possono essere usate nelle prossime transazioni.

Ovviamente, per abilitare queste transazioni, devono essere soddisfatte alcune condizioni, una delle quali è la firma che fornisci. Inoltre possono essere aggiunte anche condizioni complesse come la presenza di più firme o i criteri temporali prima che le monete possano essere trasferite. Tutte queste condizioni decidono come vengono effettivamente spese le monete e come vengono eseguite le transazioni.

Gli script a cui facciamo riferimento non sono visibili al pubblico. Vengono resi noti solo a transazione completata. Questo accade quando il proprietario di un particolare set di monete rivela il proprio script, il cui hash è già presente sulla blockchain. L’hash viene quindi sottoposto a un controllo incrociato con lo script per garantire che tutte le condizioni predefinite fossero soddisfatte prima dell’esecuzione della transazione.

Ecco perché questi script sono importanti

Perché sono pesanti in termini di dati e non incentrati sulla privacy. Quando la transazione viene eseguita, chiunque è in grado di vedere quali erano a monte le condizioni della transazione.

Per far fronte a questo, nel 2018 è stato proposto da Greg Maxwell l’aggiornamento Taproot. L’obiettivo era quello di effettuare una transazione con una normale “firma one-party” indistinguibile dalle altre firme complesse.

In precedenza, la rete utilizzava “Elliptic Curve Digital Signature Algorithm (ECDSA)”, nella quale viene creata una firma dalla chiave privata che controlla il portafoglio. Dopo Taproot, si adottano anche quelle che sono note come firme Schnorr, che rende illeggibili le transazioni multi-firma.

Così è nata l’idea di rendere tutte uguali le transazioni che appaiono sulla rete Bitcoin. L’idea originale era nota come Taproot, ed è stata ulteriormente fusa nel core di Bitcoin nel settembre 2020. Al centro di questa fusione c’erano tre proposte di miglioramento di Bitcoin: BIP 340, 341 e 342.
Le esamineremo solo brevemente per comprendere i principali miglioramenti che l’aggiornamento di Taproot ha comportato.

BIP 340

L’argomento principale per l’implementazione del BIP 340 è stata la sicurezza delle firme (ECDSA) che Bitcoin utilizzava prima di Taproot. Le firme Schnorr, poste come alternativa, sono risultate molto più resistenti alla manipolazione.

Inoltre, le firme ECDSA sono considerate più malleabili delle Schnorr, il che significa che chiunque sia minimamente skillato può modificare una firma esistente. Infine le transazioni multi-firma sono rese più efficienti per consentire transazioni complesse all’interno della rete.

BIP 341

Il BIP 341 mirava ad abbattere il problema della complessità.

Uno dei punti salienti di questa proposta è l’aggregazione di più chiavi, in grado essenzialmente di aggregare tutte le chiavi di più parti in un’unica chiave pubblica in modo tale da sembrare simile alla chiave pubblica di un solo individuo. Questo garantisce una certa similarità tra le chiavi pubbliche sia per le transazioni multi-sig che per quelle avviate individualmente.

Inoltre le firme Schnorr consentono una convalida combinata di più firme contemporaneamente, rendendo più efficienti le transazioni multisig.

BIP 342

Il BIP 342 mirava a migliorare le due precedenti proposte assicurando che l’infrastruttura di base fosse compatibile con le modifiche proposte. Nel complesso, queste proposte (e diverse proposte collegate) hanno portato all’implementazione di Taproot.

Sin da subito la maggioranza – circa il 70% dei nodi su Bitcoin – ha deciso di adottare Taproot, mentre il resto si è dichiarato contrario.

Come le nuove firme aiutano Taproot nella blockchain di Bitcoin

Prima dell’aggiornamento di Taproot, Bitcoin utilizzava le firme di tipo ECDSA, che presentavano alcuni aspetti negativi per quanto riguardava la privacy delle transazioni e l’efficienza della rete.

Gli indirizzi Taproot utilizzano le firme Schnorr in grado di semplificare le complesse transazioni nella rete. Queste firme sono relativamente piccole e veloci, consentendo transazioni a loro volta molto più veloci nella rete.

Naturalmente grazie all’implementazione di Schnorr gli utenti possono beneficiare delle commissioni di transazione ridotte man mano che le dimensioni della transazione si riducono. Ciò è reso possibile dall’aggregazione delle firme che consente di scomporre una transazione complessa in più parti e fa sembrare una transazione multisig simile a quella avviata da un singolo utente.

Le implicazioni dell’aggiornamento Taproot su Bitcoin

L’aggiornamento Taproot per Bitcoin mira a creare un nuovo tipo di indirizzo per le transazioni. Questo aiuta a rendere indistinguibile una singola transazione individuale da una multi-firma. Di conseguenza le transazioni sulla rete Bitcoin risultano private ed efficienti.

Questa riduzione porta a due vantaggi principali per gli utenti della rete:

  • Riduce le commissioni di transazione per gli utenti man mano che le dimensioni della transazione stessa si riducono.
  • Facilita le transazioni più complesse (come le transazioni multi-firma a cui abbiamo fatto riferimento in precedenza) sulla rete.

Rende la transazione su Lightning Network – un Layer 2 di Bitcoin – più scalabile ed efficiente, mantenendo bassi i costi di transazione. Questo in molti casi migliorerà l’utilizzo di BTC come modalità di pagamento. Si parla anche molto di DeFi su Bitcoin e di come il suo potenziale possa essere finalmente liberato.

Lightning Network utilizza contratti hash time-locked (HTLC) che aiutano a facilitare le transazioni sulla rete. Tuttavia con l’implementazione delle firme Schnorr, la rete includerà contratti di blocco temporale che creeranno per gli utenti un’esperienza di transazione più efficiente.

DeFi su Bitcoin: può funzionare?

Sebbene attualmente esistano alcuni protocolli DeFi su Bitcoin, l’emergere di un vivace ecosistema è stato (e per alcuni sarà sempre) un sogno irrealizzabile per diversi puristi di Bitcoin. Sebbene Taproot consenta transazioni più complesse sulla rete, finora non si sono verificati importanti sviluppi in tal senso.

C’è stato un progetto che ha tentato di costruire un ecosistema su Bitcoin, mi riferisco a RSK Finance. Promette un nuovo mondo DeFi su Bitcoin in cui puoi prestare asset e guadagnare interessi sui tuoi Bitcoin.

RSK ha la propria sidechain, parallela a quella di Bitcoin. L’unica differenza è che non ha il proprio token nativo. Il protocollo è stato lanciato nel 2015 quando diversi sviluppatori hanno pensato che fosse necessario trovare dei modi per implementare funzionalità di contratto intelligente su Bitcoin.

Come Bitcoin, il protocollo utilizza il proof-of-work (PoW) come meccanismo di consenso per l’esecuzione delle transazioni e trae ispirazione per molte delle sue funzionalità da Ethereum. Di fatto è compatibile con la maggior parte delle dApp di Ethereum. La sidechain RSK ha un peg a due vie con Bitcoin: questo consente ai Bitcoin della catena originale di fluire nella catena RSK. Quando lo fanno, diventano Smart Bitcoin. Poiché la maggior parte di queste criptovalute proviene dalla stessa catena di Bitcoin, si può dire che RSK non emetta alcuna cripto nativa.

Inoltre per gli appassionati diciamo anche che RSK offre contratti intelligenti Turing-completi. In questo modo le applicazioni sono compatibili con Ethereum Virtual Machine (EVM) e infatti la maggior parte delle applicazioni è supportata da EVM.
Se desideri conoscere l’elenco di applicazioni che RSK promette per Bitcoin, puoi fare riferimento al loro whitepaper aggiornato qui.

Canali di micropagamento

Questi canali aiutano gli utenti a effettuare transazioni tra di loro più volte senza dover ogni volta pagare commissioni di transazione esorbitanti. Tutto questo ha lo scopo di creare un ecosistema finanziario equo, inclusivo ma decentralizzato su Bitcoin.

Exchange decentralizzati (DEX)

Sebbene RSK supporti la creazione di exchange decentralizzati (DEX), la maggior parte di essi si basa su un order book. Questo è in contrasto con l’algoritmo di market maker automatizzato che hanno diversi DEX su Ethereum e altre chain come Solana o Fantom.

Velocità di transazione

Uno dei motivi principali per cui le criptovalute basate su PoW (come Bitcoin ed Ethereum 1.0) non vengono utilizzate come mezzi di scambio è l’elevato tempo di conferma della transazione. RSK mira a cambiare questo aspetto offrendo la conferma in meno di un minuto e velocità di transazione in generale più elevate.

Ma qual è il costo di questa maggiore efficienza delle transazioni? RSK utilizza DECOR+ come protocollo di consenso per evitare la centralizzazione del mining. In poche parole DECOR+ punta a impostare i giusti incentivi economici per i minatori senza la necessità di ulteriori interazioni tra di essi. Puoi scoprire di più su DECOR+ nel whitepaper qui.

Offerte di token Bitcoin (BTO)

Ricordi la Initial Coin Offerings (ICOs) mania nel 2016 e nel 2017 su Ethereum? Le Bitcoin Token Offering (BTO) sono simili, in quanto puoi acquistare i token di nuovi progetti utilizzando Bitcoin come token di base. Pertanto questi progetti emergenti vengono finanziati mediante crowdfunding in Bitcoin. La promessa che RSK fa qui è rendere possibile il crowdfunding in Bitcoin, che come sappiamo è una delle criptovalute più sicure.

Lending/Borrowing

Il prestito è uno dei modi più popolari e collaudati per generare rendimento nella DeFi (almeno su Ethereum). Durante l’estate DeFi nel 2020, i pionieri di questo movimento erano i protocolli di prestito che offrivano enormi ritorni ai fornitori di liquidità (istituti di credito).

Si dice sia possibile fare lo stesso in Bitcoin, dove milioni di utenti possono prendere in prestito BTC come risorsa di base. Sebbene RSK affermi nel suo whitepaper che questa possibilità esista, non è chiaro come questa implementazione possa andare a buon fine, dato che le prestazioni dei pool di prestito dipenderanno dalla liquidità di Bitcoin su RSK.

Ci sono molte altre applicazioni a cui RSK fa riferimento nel proprio whitepaper. La promessa di creare un ecosistema DeFi completamente nuovo su Bitcoin è sicuramente allettante. Tuttavia tutto dipenderebbe dalla liquidità che RSK ha in Bitcoin. Non può stabilire il peg in modo tale che tutte le monete vengano trasferite a RSK in quanto questo potrebbe portare ad una centralizzazione. Allo stesso tempo, la complessità delle transazioni di Bitcoin e l’infrastruttura sottostante rendono difficile facilitare un ecosistema finanziario completo e solido.

DeFi su Bitcoin: Ethereum al momento è ancora da preferire

Sebbene l’aggiornamento Taproot porti delle idee vincenti, è difficile dire se sarà possibile creare un intero ecosistema DeFi su Bitcoin. Alcuni paesi hanno abbracciato Bitcoin come moneta a corso legale, quindi non mi sento di escludere nulla. Tutti questi progressi infatti non rendono quella di Bitcoin una blockchain affidabile per la creazione di prodotti finanziari sostenibili. In effetti si potrebbe obiettare che il valore di Bitcoin derivi dal suo essere la prima criptovaluta mai lanciata, ed è uno dei modi più sicuri per inviare pagamenti in tutto il mondo in un modo che non si era mai visto prima.

L’aggiornamento Taproot offre scalabilità ed efficienza alle transazioni sulla rete Bitcoin, ed il suo obiettivo principale era proprio questo. La DeFi è nata con Ethereum ed è difficile dire se tali modifiche alla base di Bitcoin potranno mai cambiare questo assioma.