Un dirigente di Coinbase accusa Binance di manipolare i prezzi delle criptovalute: l’incredibile stoccata scuote il mondo cripto.

Il più grande exchange di criptovalute al mondo, Binance, è al centro delle critiche dopo il crollo di FTX. In particolare, le critiche sono state aspre a causa di una prova di riserva non chiarissima, emessa dalla società di revisione Mazars, che poco dopo ha interrotto la collaborazione con l’exchange.

binance coinbase
Adobe Stock

Nel corso dell’anno, tuttavia, le critiche si sono attenuate e Binance è sparita dai riflettori. DCG e Genesis sono diventate il più grande grattacapo dell’industria delle criptovalute. Ma oggi Conor Grogan, responsabile delle operazioni commerciali di Coinbase, ha presentato nuove gravi accuse contro Binance.

Dirigente di Coinbase accusa Binance di manipolare i prezzi delle criptovalute: è polemica

In un thread su Twitter, Grogan ha scritto che esiste uno “schema di front-running di Binance per oltre 18 mesi“. Sostiene di aver scovato portafogli collegati a Binance che hanno acquistato 900.000 dollari di RARI pochi secondi prima della quotazione, per poi venderli pochi minuti dopo.

In un’altra occasione sostiene di aver colto con le mani nel sacco l’exchange per circa 78.000 ERN – acquistati tra il 17 e il 21 giugno – e venduti subito dopo l’annuncio della quotazione. La stessa cosa è stata fatta con TORN, dove “centinaia di migliaia di token sono stati acquistati e venduti subito dopo l’annuncio“.

Un altro esempio è l’acquisto di RAMP, del valore di oltre 500.000 dollari, avvenuto nell’arco di più giorni, “prima di inviarlo a Binance pochi minuti dopo l’annuncio della quotazione“. Supponendo che siano stati venduti, si trattava di “un guadagno di circa 100.000 dollari“. Ha spiegato Grogan:

Ho trovato tutti questi dati guardando l’indirizzo di deposito OKX del portafoglio originale e guardando gli altri portafogli delle controparti. Non si tratta di una grande operazione di sicurezza. Ho appena iniziato a scavare, quindi potrebbero esserci altri esempi“.

Secondo il dirigente di Coinbase, il front-running potrebbe avere diverse cause. La più probabile, secondo Grogan, è l’insider MNPI (Material Nonpublic Information) che è gestito da un dipendente collegato al team di quotazione. In questo modo ha i dettagli degli annunci di nuovi asset.

Un’altra spiegazione potrebbe essere che un trader abbia trovato una falla in un’API o in uno scambio di prova. In ogni caso, è probabile che le autorità di regolamentazione e le forze dell’ordine siano molto interessate al caso. Lo dimostrano le recenti cause contro Coinbase per insider trading.

Prezzo di Bitcoin manipolato da una singola entità su Binance?

In particolare, la scorsa settimana sono emerse voci secondo cui l’intero movimento del Bitcoin da 17.000 a 21.000 dollari sarebbe stato avviato da una singola entità di Binance. In primo luogo, un trader anonimo ha indicato che il movimento è stato alimentato da una balena di stablecoin BUSD, citando i CVD (Cumulative Volume Delta) di BTC Spot. Il 15 gennaio Grogan ha scritto:

L’intero movimento da 17k a 21k è stato fatto da qualcuno su Binance che ha acquistato aggressivamente Bitcoin con BUSD. Altri exchange hanno iniziato a comprare intorno a 19,5k con USDT + USD. Il CVD verde include tutti gli exchange con USDT di Binance, quello giallo solo BUSD“.

Ieri il trader ha scritto che entrambi i CVD mostrano una divergenza ribassista sul Bitcoin da ieri. “CVD spot con tutte le stablecoin incluso il nostro amato BUSD, CVD perps con tutte le stablecoin. Sembra che questa volta abbia vinto il venditore passivo“, ha detto il trader.

Tuttavia, il trader ha anche chiarito che, pur essendo stato il primo a segnalare l’enorme acquisto di BTC con BUSD su Binance, non ha mai menzionato la parola “manipolazione”.

Al momento in cui scrivo, il prezzo del Bitcoin sta nuovamente attaccando il livello di $23.000.