Con l’accusa di insider trading di criptovalute, Nikhil Wahi, fratello di un ex product manager di Coinbase, ha ricevuto una pena detentiva di 10 mesi.

Il fratello di un ex product manager di Coinbase Global Inc. è stato condannato per aver partecipato a uno schema per trarre profitto da informazioni privilegiate su quando l’exchange di criptovalute approverà nuovi token cripto e li renderà disponibili per il trading al pubblico in generale.

coinbase insider trading
Adobe Stock

Nikhil Wahi, l’organizzatore del piano commerciale illegale, ha ricevuto una condanna a 10 mesi di carcere per il suo coinvolgimento nella cospirazione, che i pubblici ministeri statunitensi hanno annunciato come il primo caso di insider trading che utilizza bitcoin.

Insider Trading usando Coinbase

Nikhil Wahi ha dichiarato nel settembre dell’anno precedente di aver effettuato scambi sulla base di informazioni che l’exchange di criptovalute americano Coinbase aveva giudicato esclusive. Gli investigatori federali a Manhattan accusano Ishan Wahi, un ex product manager di Coinbase, di aver fornito informazioni segrete sui nuovi token crittografici che Coinbase intendeva mettere a disposizione degli utenti per scambiarli con suo fratello e un conoscente comune, Sameer Ramani.

Wahi, secondo l’accusa, ha utilizzato le conoscenze acquisite da suo fratello per investire in 40 diverse risorse digitali, accumulando quasi $ 900.000. Il giudice Loretta Preska del tribunale distrettuale degli Stati Uniti ha emesso la decisione.

Nikhil ha confessato il crimine ed è stato sentito dire:

“Ho sbagliato terribilmente, ho sbagliato molto. È qualcosa con cui dovrò sempre fare i conti.”

Nicola Wahi dovrà restituire ogni profitto non lecito

Wahi è stato incaricato da Preska di rinunciare agli 892.525 dollari di guadagni ottenuti dall’insider trading oltre alla condanna. Inoltre, ha ricevuto un periodo di prova di due anni.

Se Wahi fosse stato dichiarato colpevole, l’accusa ha chiesto una pena detentiva massima di sedici mesi. Il giudice è stato informato dall’avvocato difensore, Priya Chaudhry, che Wahi non era motivato dall’avarizia. Ma piuttosto dal desiderio di compensare il sostegno finanziario dei suoi genitori indiani alla sua formazione universitaria negli Stati Uniti e di aiutarli ad avere un ambiente più confortevole. La pensione.

Wahi, che aveva sperato di evitare di passare il carcere, ora sarà obbligato a tornare in India dopo aver scontato la pena.