Elon Musk e Twitter: vediamo gli ultimi aggiornamenti, la situazione spam bot e profili falsi e le chicche più interessanti da conoscere. 

Prima ha acquistato una quota del 9,2% e ha rifiutato un posto nel consiglio. Poi si è offerto di acquistare Twitter per così tanti soldi che il consiglio non solo ha detto di sì, ma lo ha addirittura costretto.

ELon musk twitter
Adobe Stock

A quel punto Elon Musk ha lanciato un’offensiva legale e di pubbliche relazioni, accusando Twitter di avere molti più bot spam e account falsi di quanti affermasse. Questo a suo dire avrebbe violato il contratto di acquisto (e lo avrebbe tirato fuori). Tra gli investitori c’era anche Binance. Anche il fondatore Jack Dorsey era anche un sostenitore dell’acquisizione di Musk.

Come fai a fare una piccola fortuna sui social media? Inizia con una grande“.

– Elon Musk, 17 novembre, Twitter.

Questo riassume abbastanza bene come sta andando l’acquisto di Twitter da parte del CEO di Tesla e SpaceX.

Elon Musk e Twitter: ultimi aggiornamenti

Per prima cosa, il Dogecoin preferito da Musk è aumentato (e diminuito) diverse volte mentre le sue prospettive di diventare un token di pagamento di Twitter aumentavano e diminuivano. Ma c’è una domanda più ampia su cosa farebbero le criptovalute senza Twitter. In un recente panel di CoinMarketCap, l’editore di Bitcoin Magazine Pete Rizzo, che è stato l’editore fondatore del sito di notizie CoinDesk nel 2013, ha dichiarato:

Quando parli di fornire notizie e informazioni […] al criptoverso devi essere su Twitter. È lì che si trova tutto… Twitter è così grande e così dominante ora. Mi piace dire, sai, Twitter definisce la realtà delle criptovalute. Ecco quanto è grande per il nostro ecosistema“.

Musk ha anche parlato di Twitter come il fulcro di una “app tutto” in stile WeChat che includerebbe i pagamenti in criptovalute.

Dopo essere entrato con un lavandino, Musk ha rapidamente licenziato i massimi dirigenti e quasi altrettanto prontamente ha licenziato metà del personale – così in fretta, infatti, che non era stato in grado di scegliere con cura le persone da tenere. Il che ha portato Twitter a dover provare a corteggiare alcune persone chiave. Proprio mentre chiedeva allo staff di firmare un impegno a rinunciare, in sostanza, alla propria vita personale, il che ha portato a un’altra ondata di uscite (incluso il capo delle criptovalute), così come un (semi) obbligatorio ritorno in carica.

Tutto ciò ha portato a una serie di minacce da parte di una varietà di regolatori e politici. Questo sia per la sua affermazione di essere un “assolutista della libertà di parola” sia perché il personale sarebbe stato decimato. A Donald Trump è stato permesso di tornare a postare, mentre Kanye West è stato prontamente bandito per aver pubblicato una svastica.

Tutto ciò ha portato a una serie di grandi marchi come Volkswagen e Pfizer che hanno ritirato gli annunci per preoccupazioni sui contenuti. Questo a sua volta ha portato ad un attacco ad Apple, sia per aver ritirato gli annunci sia per aver minacciato di rimuovere l’app di Twitter dal App Store.