La piattaforma Genesis sull’orlo del fallimento combatte restare in vita: vediamo quante possibilità ha di farlo, dopo il crollo di FTX.

Se il prestatore di criptovalute Genesis non riuscirà a trovare $1 miliardo, potrebbe essere costretto alla bancarotta. Diventerebbe l’ultima vittima dell’implosione dell’exchange FTX all’inizio di questo mese.

genesis fallimento
Adobe Stock

Le conseguenze del crollo di FTX si intensificano, e Genesis non è la sola società in cerca di fondi.

Genesis sull’orlo del fallimento: le conseguenze del crollo di FTX

Genesis Global Capital è il braccio prestatore di Genesis Global Trading. Si tratta di un broker di asset digitali grande e di lunga data.

Il 10 novembre, Genesis ha rivelato di aver prestato a FTX $175 milioni con garanzie insufficienti. Era quindi improbabile che li recuperasse presto, semmai dovesse recuperarli. Questo ha portato a un picco nei prelievi, che a sua volta ha portato a una crisi di liquidità, costringendo l’azienda a sospendere i prelievi.

Da allora ha cercato un’infusione di liquidità, essendosi rivolta senza successo a Binance e Apollo Global Management, tra gli altri, secondo il Wall Street Journal.

Anche altre piattaforme tra cui SALT e BlockFi, sono state costrette a interrompere i prelievi.

Una storia già sentita

È un modello sempre più familiare, iniziato con Voyager Digital a luglio. Il crollo dell’ecosistema Terra/LUNA ha portato alla bancarotta l’hedge fund di criptovalute Three Arrows Capital (3AC). La vicenda aveva rivelato che il fondo aveva prelevato miliardi in prestiti senza garanzie da un gran numero di società.

Genesis è stata colpita ancora peggio, con la società madre Digital Currency Group (DCG) che ha presentato una richiesta di risarcimento da 1,2 miliardi di dollari contro 3AC. Il caso, come quello di FTX, richiederà probabilmente anni per essere risolto.

Ma più di ogni altra cosa, i problemi di Genesis sono indicativi del modo in cui i problemi finanziari di una società influenzino l’intera industria delle criptovalute.

Continua l’effetto domino

Il crollo di 3AC che ha dato il via al primo ciclo di problemi è stato il risultato del crollo della stablecoin di Terra/LUNA.

Sembra che i problemi finanziari che hanno portato al crollo di FTX siano iniziati quest’estate. La società sorella di FTX, Alameda Research, ha perso molti fondi nel trading. Questo l’ha portata a prendere in prestito i fondi dei clienti da FTX, che poi è crollato rapidamente quando sono trapelati i dettagli del suo bilancio.

Poi c’è lo stesso Bitcoin, che è sceso ben al di sotto dell’intervallo di $20.000 che aveva tenuto per mesi, nell’intervallo da $16.000 a $17.000 post FTX, che è stato definito il “momento Lehman” delle criptovalute.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

I timori di un fallimento di Genesis – che ha causato di per sé un ulteriore contagio – hanno fatto scendere ulteriormente BTC durante il fine settimana, portandolo brevemente nella zona dei $15.000.