L’inflazione è ancora bollente! Aggiornamento di fine settembre 2022 sul prezzo di Bitcoin: cosa può succedere nelle prossime settimane.

Con l’indice CPI di agosto superiore alle attese e l’inflazione mensile ai massimi da 40 anni, BTC ha preso una bella botta. I prezzi hanno toccato il livello di 20.000: vedremo altri ribassi? Leggi di più.

inflazione
Adobe Stock

Con l’estate per lo più alle spalle, è ora di fare il resoconto. Siamo vicini a coloro che – dopo essere tornati sul livello dei $25.000 – pensavano che Bitcoin si stesse preparando per tornare a $30.000.

Se quanto sopra ti sembra incomprensibile, probabilmente non sei stato bullish come molti altri durante l’ultimo mini-rally. Oppure non hai sentito le brutte notizie dal fronte macro che hanno messo fine all’entusiasmo (l’inflazione è ancora alta!).

Due mesi dopo il nostro aggiornamento di Bitcoin di luglio 2022, è tempo di guardare cosa è successo nei mercati e cosa possiamo aspettarci per l’ultimo trimestre di quest’anno.

Gli argomenti che vedremo sono:

  • Il prezzo di BTC e le ultime notizie macro;
  • Aggiornamento della nostra previsione dei prezzi di luglio 2022;
  • Dove si dirigerà il prezzo di BTC nelle prossime settimane;
  • Breve appendice su ETH;

Immergiamoci!

Il rally di settembre di Bitcoin si è concluso? Vediamo bene cosa può succedere

Nel nostro aggiornamento di luglio 2022, BTC si aggirava intorno ai $21.000. Possiamo dire quindi che negli ultimi due mesi sostanzialmente abbiamo visto dei movimenti laterali.

Alcuni lo chiamano anche mercato dei granchi.

Tuttavia, l’ultima discesa potrebbe fornire lo spunto per il resto dell’anno, poiché la notizia è stata significativa. Stiamo – ovviamente e ancora – parlando di inflazione.

I mercati hanno reagito agli ultimi dati, perdendo tutto il terreno guadagnato durante l’ultimo rally.

E, naturalmente, Bitcoin è stato martellato perdendo più di $2.000 in pochi minuti.

Il colpevole probabilmente è l’inflazione dei prezzi al consumo (CPI) superiore alle attese, che sono state puntualmente superate al rialzo. Ha messo a tacere tutte le speranze che l’inflazione sia sotto controllo. Al contrario: l’inflazione mensile è ai massimi degli ultimi 40 anni.

Senza entrare troppo nel merito delle notizie macro, la spiegazione semplice è: i prezzi dell’energia stanno lentamente scendendo, ma c’è ancora troppa liquidità nel sistema.

Mentre il contributo energetico è diminuito, l’inflazione dei prezzi dei servizi è in aumento. Questo indica che i consumatori correggono le loro aspettative di prezzo verso l’alto.

Va bene.. ma cosa significa tutto questo per il prezzo di BTC?

Un confronto dei prezzi BTC di luglio-settembre

Facciamo un confronto fianco a fianco dei dati on-chain e del sentiment degli investitori su Twitter a luglio e settembre.

Luglio vs settembre: dati on-chain su Bitcoin

A luglio, questi erano i principali takeaway:

  • Confrontando la base dei costi dei detentori con i prezzi di mercato effettivi, possiamo vedere che si sta formando un fondo.
  • La quota di BTC detenuti in perdita non realizzata è in calo.
  • I miners stanno capitolando.
  • Una quota record di stablecoin in disparte indica il potenziale per un leggero rialzo.

Cosa c’è di nuovo a settembre?

Non molto in realtà.

La base del costo medio di tutti i partecipanti al mercato è ancora in perdita, seppur leggera. I titolari a breve termine (<155 giorni) hanno ancora una base di costo leggermente superiore rispetto ai titolari a lungo termine (>155 giorni).

Ciò suggerisce che gli investitori stanno spingendo per un buon prezzo di entrata ma sono ancora sensibili ai dati macro (come evidenziato dalla notizia sull’inflazione).

Un altro fattore interessante sono le attuali condizioni di bassa liquidità. Il rapporto profitti/perdite realizzato mostra che la maggior parte delle criptovalute passa di mano in perdita, il che significa che l’offerta attualmente supera la domanda:.

Insomma: niente di nuovo sul fronte on-chain, visto che siamo ancora nella fase ribassista.

Luglio vs settembre: sentiment del settore su Bitcoin

A luglio, le principali figure del settore hanno suggerito che il fondo è in fondo, tra cui Raoul Pal e Sam Bankman-Fried.

Cosa hanno da dire i “leader del pensiero cripto” sull’ultimo dump?

Sorprendentemente, non molto.

Twitter non è stato particolarmente ribassista dopo la notizia. Alcuni, come CryptoDonAlt, suggeriscono che abbiamo bankato la maggior parte del rally.

Daniel Cheung, che all’inizio di quest’anno aveva predetto che dovevano ancora arrivare altri ribassi, si è dimostrato sensibile alla questione del mercato nucleare.

Ma nessuno dei due, né altre voci nello spazio, si aspettano imminenti mosse clamorose sui mercati.

In breve: l’industria è ancora diffidente nel farsi colpire dalle notizie macro, ma non si aspetta un’altra mossa al ribasso.

Qual è il prossimo passo per Bitcoin?

La domanda più importante, tuttavia, è come questo nuovo punto di dati influenzerà il processo decisionale della Fed. E potrebbe significare cattive notizie per Bitcoin.

Un rapporto di Messari a giugno sullo stato del mercato ha proiettato un caso ribassista secondo cui l’inflazione continuerà a salire per qualche tempo. Sembra che ora questa predizione si stia concretizzando. Sebbene l’inflazione dal lato dell’offerta sia in qualche modo in calo, l’inflazione dal lato della domanda (come i servizi) potrebbe indurre la Fed ad adottare misure drastiche. Una di queste sarebbe un aumento potenzialmente massiccio dei tassi di interesse la prossima settimana: i mercati si stanno riscaldando a quell’idea.

Naturalmente, come ha spiegato Arthur Hayes, il tasso di interesse non è l’unico fattore che influenza il prezzo di BTC. Ma un aumento di 100 punti base scatenerebbe sicuramente un altro sell-off. Anche se la Fed decidesse di aumentare di 75 punti base, abbiamo visto che i rialzisti in questo mercato stanno camminando sui proverbiali gusci d’uovo.

In breve: dal punto di vista macro, sembra indicare un ulteriore ribasso.

Appendice: Che dire di Ethereum?

Ethereum è il vero cripto-asset che sta attirando su di sé tutti i riflettori in questo momento post-merge.

In effetti, anche se nell’ultima settimana, il dominio di BTC è rimbalzato su una linea di resistenza vitale.

Ma ovviamente, per ora tutti gli occhi sono puntati sul Merge di Ethereum. Anche se si è già implementato con successo, nessuno sa in che direzione va il prezzo di ETH. Il consenso dei trader esperti punta tutto su ETH spot e short nel mercato dei futures, portando a un tasso di finanziamento scandaloso per gli short di ETH. Sarà interessante vedere come si svilupperanno i mercati nei prossimi giorni e settimane.

Abbiamo trattato ampiamente il Merge nei seguenti articoli:

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo