Le Central Bank Digital Currencies, o CBDC, sono dei token crittografici digitali analoghi alle classiche criptovalute che siamo soliti utilizzare e scambiare, ma sono emessi e gestiti dalla banca centrale di un Paese.

Le CBDC si stanno diffondendo rapidamente. Molti stati nazionali di grande rilevanza stanno lavorando alla progettazione e lo studio per poterle mettere in campo e utilizzarle. In sostituzione o in supporto alle valute fiat tradizionali.

cbdc central bank digital currencies

Alcuni paesi hanno già implementato la loro CBDC e ci sono già i primi casi d’uso reale. Ma è anche importante per noi capire fino in fondo la natura di questi oggetti e rischi e benefici che possono portare. La tecnologia di base infatti è a grandi linee analoga a quella utilizzata dalle maggiori criptovalute, ma le finalità e i modi di utilizzo sono pressochè esattamente agli antipodi.

Cosa sono le Central Bank Digital Currencies (CBDC)

Prima di addentrarci nella natura di questo particolare tipo di moneta, è necessario fare un passo indietro. Il cosiddetto denaro Fiat è una valuta emessa dal governo e che, dopo essere state slegate dall’obbligo di detenere un corrispettivo di pari valore in oro, non è supportata da un bene fisico come i metalli preziosi.

Fino a pochi anni fa, la moneta fiat si presentava sotto forma di banconote e monete. Tuttavia la tecnologia ha consentito a governi e istituzioni finanziarie di integrare la moneta fiat fisica con un modello basato sul credito in cui saldi e transazioni sono registrati elettronicamente. Non è quindi più necessario che gli asset siano fisicamente presenti nelle casse degli istituti finanziari governativi. Una sempre maggiore fetta di questa liquidità è infatti una semplice partita di conto tra enti autorizzati.

La valuta fisica in ogni caso è ancora ampiamente scambiata e accettata. Notando però la tendenza verso la digitalizzazione, alcuni paesi sviluppati hanno registrato una importanate diminuzione del suo utilizzo. Tale tendenza poi non poteva che subire una decisa accelerazione durante la pandemia di COVID-19.

L’introduzione e l’evoluzione delle criptovalute e della tecnologia blockchain non hanno fatto altro che creare ulteriore interesse da parte dei governi per l’idea di una società senza contanti e la diffusione delle valute digitali. Pertanto, i governi e le banche centrali di tutto il mondo stanno esplorando la possibilità di utilizzare valute digitali sostenute dal governo. Anzichè lasciare campo libero alle monete private come possono essere considerate molte criptovalute oggi esistenti.

Quando e se le CBDC verranno implementate, queste valute avrebbero la piena fiducia e il sostegno del governo che le ha emesse. Proprio come la moneta legale tradizionale.

Le CBDC sono criptovalute?

No. Sebbene l’idea alla base delle Central Bank Digital Currencies prenda ampia ispirazione dalle criptovalute e dalla tecnologia blockchain, le CBDC non sono assolutamente criptovalute.

Le CBDC sono controllate da una banca centrale, mentre le criptovalute sono quasi sempre decentralizzate. Questo di per sè comporta che non possono essere regolate da una qualche autorità centrale. Le CBDC nascono per controllare ed esercitare potere, le criptovalute e Bitcoin nascono invece per proteggersi dal controllo e dai poteri centrali.

Le CBDC sono basato su Blockchain?

I CBDC possono essere basati su blockchain, ma non è necessario che lo siano. La Federal Reserve Bank di Boston e la Digital Currency Initiative del Michigan Institute of Technology hanno notato nella loro ricerca che i registri distribuiti potrebbero anzi addirittura ostacolare l’efficienza e la scalabilità di un CBDC.

A cosa servono le CBDC

In diversi paesi con economie avanzate come molti paesi europei e gli Stai Uniti, molte persone non hanno accesso ai servizi finanziari. Solo negli Stati Uniti, il 5% degli adulti non ha un conto in banca. In Regno Unito oltre 1.3 milioni di persone sono in uesta scomoda situazione. In molti paesi in Europa la situazione pare ancora peggiore, peraltro con tendenze stimate poco ottimistiche.

Un ulteriore 13% degli adulti statunitensi ha conti bancari ma utilizza costosi servizi alternativi come prestiti per liquidità, linee di credito revolving, anticipi sullo stipendio e servizi di anticipo di assegni.

L’obiettivo principale delle CBDC è fornire alle aziende e ai consumatori privacy, trasferibilità, convenienza, accessibilità e sicurezza finanziaria. Le CBDC potrebbero anche ridurre la mole di manutenzione richiesta da un sistema finanziario complesso. Ridurre i costi delle transazioni transfrontaliere e fornire a coloro che attualmente utilizzano metodi di trasferimento di denaro alternativi opzioni a basso costo può essere un obiettivo raggiungibile con il supporto della tecnologia alla base delle CBDC.

I vantaggi circa la politica monetaria

Una CBDC inoltre potrebbe fornire anche alla banca centrale di un paese i mezzi per attuare più agevolmente politiche monetarie per fornire stabilità, controllare la crescita e influenzare l’inflazione.

Le Central Bank Digital Currencies inoltre potrebbero ridurre anche i rischi dell’utilizzo delle valute digitali nella loro forma attuale. Le criptovalute sono altamente volatili, con il loro valore costantemente fluttuante nei confronti delle valute fiat. Questa volatilità potrebbe causare gravi tensioni finanziarie in molte famiglie e influire sulla stabilità generale di un’economia, qualora l’intero sistema finanziario digitale fosse gestito in larga parte con questi strumenti.

L’impatto per la popolazione

Le CBDC, sostenute da un governo e controllate da una banca centrale, potrebbero fornire a famiglie, consumatori e imprese un mezzo decisamente stabile per lo scambio e la conservazione di valuta digitale, rispetto alle criptovalute per come sono oggi.

Questo però non può che sollevare altre difficoltà e pericoli non certo trascurabili. È storico il problema del “chi controlla il controllore”. Un sistema infatti in cui un governo corrotto o autoritario possa controllare ogni singola transazione economica e finanziaria di ogni cittadino, un po’ fa rabbrividire, in tutta sincerità. Non che lo stesso scenario attuato da un governo legittimo e onesto sia molto meglio, del resto.

Già oggi i governi centrali hanno generalmente un enorme controllo e potere sulle banche, private e non, nel poter disporre dei dati e dei beni dei cittadini. Un sistema finanziario statale retto unicamente su una CBDC controllata dal governo centrale, potrebbe aprire le porte a scenari quasi distopici.

Insomma, seppur un ente pubblico dovrebbe poter garantire maggiore sicurezza rispetto a un privato, il fatto che un governo abbia il potere di spogliare integralmente qualcuno dei propri averi con pochi click, non è un rischio da prendere certo alla leggera.

Se poi pensiamo che Bitcoin, e successivamente le altre criptovalute che puntano a risolvere gli stessi problemi, sia nato proprio come protezione contro i rischi di un potere centrale sempre più pervasivo, potrebbe non essere neanche così scorretto vedere le CBDC come il nemico numero uno di Bitcoin e del mondo delle criptovalute per come è oggi.

Quali sono i tipi di CBDC esistenti

Esistono ad oggi principalmente due tipi di CBDC, all’ingrosso e al dettaglio. Le CBDC all’ingrosso sono utilizzate principalmente dalle istituzioni finanziarie. Le CBDC al dettaglio, al contrario, sono invece utilizzati da consumatori e aziende, proprio come le attuali forme fisiche di valuta fiat.

CBDC all’ingrosso

Le CBDC all’ingrosso sono concettualmente molto simili alla detenzione di riserve in una banca centrale. La banca centrale concede ad un istituto finanziario un conto per depositare fondi o utilizzarlo per regolare i bonifici interbancari.

Le banche centrali possono quindi utilizzare strumenti di politica monetaria come gli interventi sugli obblighi di riserva o sugli interessi applicati, con lo scopo di influenzare le modalità dei prestiti e fissare i tassi di interesse.

CBDC al dettaglio

Le CBDC al dettaglio sono valute digitali sostenute dal governo e utilizzate da consumatori e aziende. Le CBDC al dettaglio eliminano il rischio e il costo di avere un interediario. Oltre ad ovviare in larga parte al rischio che gli emittenti privati ​​di valuta digitale possano fallire e perdere i beni dei clienti in loro custodia.

Esistono due tipologie di CBDC al dettaglio. questi differiscono in sostanza nel modo in cui i singoli utenti accedono e utilizzano le proprie valute digitali.

  • Le CBDC al dettaglio basate su token. Si tratta di monete digitali crittografiche che sono accessibili con chiavi private e pubbliche, in modo molto simile a Bitcoin e le altre criptovalute detenute in wallet non custodial. Questo metodo di convalida consente agli utenti di eseguire transazioni in modo anonimo e avere un aggior controllo sulle proprie dotazioni.
  • Le CBDC al dettaglio basate su account richiedono invece l’identificazione digitale per accedere a un account. In modo molto simile a quanto accade oggi per utilizzare o spostare le nostre criptovalute detenute su Exchange e servizi di custodial centralizzati.

I due tipi di CBDC, all’ingrosso e al dettaglio, non si escludono a vicenda. È possibile sviluppare entrambi e farli funzionare, almeno in linea teorica, all’interno della stessa economia.

CBDC vs Bitcoin e Criptovalute “libere”

Gli ecosistemi di criptovalute oggi esistenti offrono uno scorcio di un sistema valutario alternativo in cui normative ingombranti e poteri centrali non possono dettare i termini di ogni transazione. Sono pressochè impossibili da duplicare o contraffare e sono garantiti da meccanismi di consenso che impediscono la manomissione.

Le Central Bank Digital Currencies sono progettate per essere simili alle criptovalute, ma potrebbero non richiedere la tecnologia blockchain o meccanismi di consenso per funzionare.

Inoltre, le criptovalute (almeno quelle “vere”) hanno la peculiarità di non essere regolamentate, oltre ad essere decentralizzate. Il loro valore è dettato dal sentiment e dalla fiducia degli investitori, oltre che naturalmente dall’utilizzo e dall’interesse degli utenti.

Al momento potremmo considerarli asset volatili più adatti alla speculazione che all’utilizzo come moneta vera e propria, il che li rende improbabili candidati all’uso in un sistema finanziario che richiede per sua natura stabilità della moneta o valuta presa a riferimento.

Le CBDC rispecchiano il valore della valuta fiat. D’altrone sono progettate proprio per fornire stabilità e sicurezza. Bitcoin e criptovalute invece, trovano la loro utilità e peculiarità su altri aspetti. Libertà, decentralizzazione e privacy sono i capisaldi su cui poggiano il loro principale senso di esistere.

A che punto sono ad oggi gli sviluppi

Nonostante se ne parli molto, l’avvento delle CBDC non è qualcosa che potremmo trovarci molto nel breve periodo. Almeno come adozione globale su larga scala. Molte banche centrali hanno programmi pilota e progetti di ricerca volti a determinare la fattibilità e l’usabilità di una CBDC nella loro economia.

A marzo 2022, erano nove i paesi che avevano lanciato una propria CBDC.

  • Bahamas
  • Antigua e Barbuda
  • St. Kitts e Nevis
  • Monserrat
  • Dominica
  • Nigeria
  • Santa Lucia
  • St. Vincent e Grenadine
  • Granata

Sono poi presenti altri 80 paesi con iniziative e progetti CBDC in corso. Eccone alcuni:

  • Nel febbraio 2022, la banca centrale indiana ha annunciato che avrebbe introdotto una rupia digitale entro la fine del 2023
  • La Giamaica ha coniato il suo primo lotto di CBDC nell’agosto 2021. Si prevede che la Bank of Jamaica lancerà la sua CBDC nel 2022
  • La Riksbank svedese ha iniziato a sviluppare una versione elettronica della corona (chiamata e-krona) dopo che il paese ha riscontrato un importante calo nell’uso del contante
  • Gli Stati Uniti stanno studiando le CBDC per migliorare il sistema di pagamento interno, aumentare l’efficienza e ridurre i costi. Nel marzo 2022, il presidente Biden ha ordinato alle agenzie federali di valutare l’infrastruttura che sarebbe necessaria per emettere una CBDC statunitense.
  • La Bank of England (BoE) sta al momento ancora studiando l’integrazione della CBDC nel suo sistema finanziario.
  • La Bank of Canada (BOC) continua anch’essa a promuovere la ricerca per l’implementazione di una CDBC.