La community di ApeCoin vota per rimanere su Ethereum, almeno per il momento. Ma cosa ha reso necessaria questa votazione?

La DAO di ApeCoin ha votato per rimanere sulla rete Ethereum, e potrebbe invece concentrarsi su soluzioni di layer 2. La community si è trovata ad affrontare problemi di ridimensionamento durante la creazione di terre virtuali NFT sul metaverso Otherside.

apecoin rimane su ethereum dopo la votazione

ApeCoin DAO ha appena concluso la votazione: rimarrà nell’ecosistema di Ethereum. E nonostante un inaspettato respingimento da parte di una manciata di balene del token Ape, il risultato mostra che più membri della community hanno favorito questa proposta. Dunque ApeCoin è pronta a rimanere nel panorama di Ethereum, almeno per il momento. Vediamo bene cos’è successo.

Apecoin su Ethereum: la votazione

La proposta – soprannominata ApeCoin Improvement Proposal (AIP) 41 – è stata pubblicata per la votazione il 3 giugno. É stata presentata per la prima volta come idea il 2 maggio da un membro DAO di nome ASEC. ASEC ha affermato che il voto mostra a Yuga Labs che la community è contraria all’idea di migrare su un’altra chain, e che aiuterà a bloccare proposte come quella di Avalanche.

Al termine delle votazioni il 9 giugno, il 53,62% dei voti era favorevole a rimanere nell’ecosistema Ethereum. Il restante 46,38% ha contestato la proposta.

A giudicare dal risultato di questa votazione, possiamo affermare che ApeCoin DAO, e forse Yuga Labs, si concentreranno maggiormente sulle soluzioni di scalabilità all’interno della rete Ethereum. Più specificamente, è più probabile che ApeCoin possa optare per una delle numerose soluzioni di layer 2 disponibili per le dapp basate su Ethereum.

Apecoin su Ethereum: l’alternativa era una blockchain propria

AIP-41 è stato proposto in seguito alle dichiarazioni di Yuga Labs. Secondo quest’ultime, un allontanamento da Ethereum potrebbe impedire futuri problemi di ridimensionamento come quello registrato durante il lancio degli appezzamenti di terre digitali di Otherside. Come spiegato nell’idea proposta pubblicata il 2 maggio, l’obiettivo di questa proposta è bloccare un trasferimento dalla rete Ethereum. La proposta recita:

Yuga Labs ha dichiarato in un tweet di ritenere che ApeCoin avesse bisogno di passare ad una propria blockchain per scalare. Noi di ApeCoin DAO crediamo che, almeno per il momento, ApeCoin dovrebbe rimanere all’interno dell’ecosistema Ethereum e non migrare altrove verso una catena L1 o sidechain non protetta da Ethereum.”

L’autore ha spiegato nei seguenti termini la motivazione per cui ha richiesto che ApeCoin rimanesse su Ethereum. La migrazione su chain layer 1 alternative “è un’impresa costosa, rischiosa e complessa. Molte parti mobili possono, se non attentamente considerate, causare perdite catastrofiche o nel peggiore dei casi, l’abbandono da parte di Yuga Labs.”

La community si schiera

In particolare, la proposta ha suscitato reazioni positive da parte dei membri di ApeCoin DAO. Molti che hanno notato che ApeCoin sarebbe meglio optare per una soluzione layer 2 di Ethereum. “Penso che dovrebbero invece guardare in arbitrum, optimism, zksync o immutable, usarli come sono o fare un fork e costruire lì“, ha detto un utente. “Allontanarsi da Ethereum è davvero la peggiore decisione che possono prendere e dovrò pensarci bene se voglio restare se ciò accade.

Anche Matt Galligan, il co-fondatore di XMTP Labs, un protocollo di app di messaggistica, ha commentato l’assurdità della migrazione da Ethereum:
1.000% d’accordo. $APE è già distribuito su Ethereum… così come BAYC, MAYC, BAKC e Otherside NFT. Passare a una L1 alternativa segmenterebbe la community e renderebbe molte cose più difficili da portare avanti“.

Galligan, che in seguito è stato coautore di una versione rivista della proposta, ha aggiunto che la community dovrebbe concentrarsi sulla capitalizzazione di soluzioni L2 praticabili:

La situazione non richiede la creazione di un nuovo L1. Ci sono molti L2 praticabili attualmente e altri verranno in seguito. Quindi tutto il lavoro dovrebbe essere concentrato sulla realizzazione di quel lavoro anziché sull’invenzione di una nuova L1 specifica per l’app“.

Apecoin: meglio Ethereum o Avalanche?

Il punto di discussione principale è come questo argomento influisca su un’altra idea proposta, intitolata Otherside as an Avalanche Subnet, presentata da Ava Labs il 24 maggio. In questo AIP, Ava Labs ha affermato che Avalanche – come soluzione layer 1 – è più adatta per il lancio del metaverso basato su APE di Yuga Labs, Otherside. La proposta recita:

Proponiamo che ApeCoin DAO lanci Otherside su una sottorete Avalanche per supportare la futura crescita della community di Otherside attraverso una rapida elaborazione delle transazioni, un throughput più elevato, una maggiore capacità di scalare e commissioni del gas inferiori“.

In particolare, Ava Labs ha proposto una sottorete ApeCoin, dove la community può usufruire di una blockchain dedicata e utilizzare i token Ape per pagare le commissioni del gas. In quanto tale, il risultato di AIP-41 assicura che proposte come quella di Ava Labs molto probabilmente colpirebbero un muro di mattoni.

Le balene di ApeCoin hanno sfiorato il successo

Vale la pena ricordare che votare su ApeCoin DAO richiede agli elettori di detenere APE, poiché ogni token rappresenta un voto. In altre parole, i membri con grandi partecipazioni APE tendono a influenzare il processo di governo in modo tale che una pochi membri possano imporre le proprie opinioni ad una community più ampia. Uno scenario simile si è quasi verificato durante il processo di votazione di AIP-41, evidenziando ulteriormente l’impatto delle balene nel processo decisionale di ApeCoin DAO.

Poco dopo l’inizio delle votazioni, la proposta sembrava aver raccolto un enorme sostegno da parte dei partecipanti, con il 99,9% dei voti a favore della permanenza su Ethereum. Tuttavia, tre giorni dopo la votazione, alcune balene hanno iniziato a contestare la proposta.

In particolare, oltre il 60% dei 3,3 milioni di voti contrari alla proposta provenivano da soli tre titolari di APE. Il primo – che era anche il membro con il maggior numero di voti – ha messo sul piatto 1,2 milioni di APE, mentre gli altri due titolari hanno presentato rispettivamente 403.000 APE e 256.000 APE ciascuno. Grazie al contributo di queste balene, i voti contrari alla proposta sono rapidamente passati dal 9% al 48%.