Un articolo completo sul rapporto che attualmente esiste tra le criptovalute e le sanzioni, in Russia e nel mondo. Da non perdere.

Diamo un’occhiata al ruolo delle criptovaluta nelle sanzioni contro la Russia e come questo sta cambiando la posizione della Russia sulle valute digitali.

Il 24 febbraio 2022, la Federazione Russa ha avviato una “operazione militare speciale” contro l’Ucraina. Gli stati della NATO ei loro partner hanno immediatamente imposto sanzioni economiche di vasta portata alla Russia. Alcuni esempi sono l’esclusione delle banche russe da SWIFT, il congelamento dei beni delle banche centrali e il sequestro dei beni degli oligarchi russi. Ma uno degli aspetti più sorprendenti delle sanzioni è stata l’armamento del sistema finanziario da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati.

criptovalute sanzioni russia bitcoin

Le criptovalute sono state spesso definite come il modo definitivo per “livellare la ricchezza nel mondo”. Il nemico reale o percepito da parte degli individui sono ovviamente le banche. Alcuni sostengono che il sistema finanziario alternativo basato sulle criptovalute possa essere utilizzato per aggirare le sanzioni economiche alla Russia. I regolatori finanziari russi stanno già rivedendo le loro politiche: Sberbank, la più grande banca del paese, ha ricevuto una licenza per utilizzare le risorse digitali pochi mesi dopo aver deciso di vietarle. In questo interessante articolo approfondiremo:

  • Quale ruolo i leader occidentali prevedono per le criptovalute;
  • Come hanno reagito alle sanzioni gli exchange di criptovalute;
  • Se le criptovalute sono effettivamente efficaci nell’evitare le sanzioni;
  • In che modo le sanzioni influenzeranno il futuro delle criptovalute in Russia e nel mondo.

Come i leader occidentali vedono le criptovalute e le sanzioni

L’approccio politico occidentale era chiaro: le criptovalute non devono essere un modo per aggirare le sanzioni.

Per i politici occidentali, questa situazione è una gradita opportunità per mostrare perché “l’approccio normativo” è la strada da percorrere in futuro. Se le criptovalute non sono regolamentate, i regimi guerrafondai, i criminali e altri malintenzionati la useranno a proprio vantaggio. Jerome Powell lo ha detto in una recente audizione del Congresso degli Stati Uniti:

Non esiste il tipo di quadro normativo che dovrebbe esistere. Ciò che serve è un quadro per impedire a queste criptovalute non sostenute di fungere da veicolo per il finanziamento del terrorismo, elusione fiscale e simili.

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea sono allineati quando si tratta di regolamentare le criptovalute. Il ministro delle finanze francese, Bruno Le Maire, ha sottolineato che le criptovalute non dovrebbero essere utilizzate per aggirare le sanzioni finanziarie, e che l’UE sta adottando misure contro tutto questo.

Regolamentazione Criptovalute nel 2022: tutto quello che dovresti sapere

Come gli exchange vedono criptovalute e sanzioni

Gli exchange sono in una fase delicata. Da un lato devono e vogliono rispettare le sanzioni: nessun exchange vuole far arrabbiare i governi. L’industria si è affrettata a rassicurare il pubblico che le criptovalute non avrebbero aiutato il governo russo ad accedere ai fondi. Il CEO di Ripple Brad Garlinghouse ha affermato che “per convertire le criptovalute in fiat, gli exchange si affidano a partner bancari che potrebbero perdere le loro licenze se qualcuno nell’elenco OFAC è in grado di svignarsela“.

Anche altri exchange come Coinbase hanno adottato misure attive per chiudere gli account che sembravano muoversi con sospetto. Coinbase ha bloccato 25.000 portafogli per presunte attività illecite. Exchange più piccoli che hanno seguito l’esempio. Ma l’industria è anche attenta a non violare la linea del governo.

Binance ha negato il congelamento unilaterale di tutti i fondi degli utenti russi. Questo avrebbe quasi sicuramente causato molti danni finanziari a persone innocenti.
I governi sostengono fermamente una regolamentazione più severa e gli exchange centralizzati si sentono con le spalle al muro. La domanda però rimane: quanto sono efficaci le criptovalute per eludere le sanzioni?

Ecco perché le criptovalute non possono essere efficaci per eludere le sanzioni economiche

Ad un neofita le criptovalute possono sembrare un buon modo per accedere ai servizi finanziari quando il sistema bancario non funziona. Ma ci sono molte ragioni per cui le criptovalute non vanno bene per eludere le sanzioni.

Livello governativo

I governi usano il dollaro come valuta di riserva per molte ragioni, ma uno dei maggiori vantaggi del dollaro è la sua stabilità. Quale governo vorrebbe scambiare BTC sapendo che potrebbe perdere il 10-20% da un giorno all’altro? Le stablecoin non sono ovviamente un’opzione perché sono garantite dal dollaro, e sarebbero facili da soffocare come canale di pagamento alternativo. Inoltre consideriamo la recente situazione di UST. Il bitcoin è semplicemente troppo volatile per funzionare come mezzo di pagamento alternativo legittimo.

Inoltre anche per i governi con un approccio economico particolarmente sconsiderato – qualcuno ha detto El Salvador? – i mercati delle criptovalute non hanno abbastanza liquidità. Un piccolo paese come El Salvador può fare alcuni movimenti in Bitcoin, ma un importante esportatore di materie prime come la Russia ha bisogno di più liquidità di quella fornita da Bitcoin. La maggior parte del suo surplus proviene dall’esportazione di merci pagate in dollari.

Matthew Le Merle, co-fondatore e managing partner di Blockchain Coinvestors, ha dichiarato:

La crittografia da sola non può sostenere i bisogni della Russia. Le importazioni annuali totali della Russia superano i 200 miliardi di dollari e le attività totali del settore bancario ammontano a 1,4 trilioni di dollari. Semplicemente non c’è modo“.

Immagina di ricevere molti soldi ogni giorno dalla vendita di petrolio e gas, ma il mercato è troppo piccolo per i tuoi ordini. A causa della loro liquidità relativamente scarsa, i mercati delle criptovalute sono anche più facili da manipolare rispetto ai tradizionali mercati capitalisti.

Livello tecnologico

Se parliamo di eludere le sanzioni a livello individuale, la natura pubblica della blockchain diventa un problema. Poiché Bitcoin è un libro mastro pubblico, i grandi volumi di transazioni sono visibili a tutti. Non è così difficile per i servizi di intelligence identificare i modelli e iniziare a collegare gli account delle balene alle identità del mondo reale. David Carlisle, direttore degli affari politici e normativi di Elliptic, ritiene probabile che individui ed entità russi cercheranno di utilizzare le criptovalute per eludere le sanzioni, ma con scarso successo:

È fondamentale tenere presente che anche laddove attori malvagi tentano di utilizzare la crittografia, le forze dell’ordine possono tracciare questa attività grazie alle analisi on-chain“.

Livello legale

I regolatori finanziari statunitensi ed europei hanno sottolineato che le transazioni finanziarie in valuta fiat o digitale sono soggette a sanzioni. I trasgressori e coloro che aiutano con l’evasione delle sanzioni sono colpevoli di un reato penale e sarebbero puniti nella misura massima consentita dalla legge.
Max Dilendorf, partner dello studio legale Dilendorf, ha affermato che i portafogli identificati sarebbero stati immediatamente inseriti nella lista nera dalle autorità statunitensi:

Nel momento in cui il governo degli Stati Uniti apprenderà quale portafoglio appartiene al governo russo o ai suoi gruppi di supporto, questi wallet blockchain verranno immediatamente aggiunti all’elenco SDN dell’OFAC“.

Matthew Le Merle pensa che le criptovalute siano un modo inefficiente per aggirare le sanzioni. Secondo lui, le entità offshore e i paradisi fiscali incorporati nel sistema finanziario globale – qualcuno ha detto Panama? – sono un modo migliore se si desidera evitare sanzioni, considerando la tecnologia di vasta portata e la capacità di analisi del governo degli Stati Uniti e di altre forze dell’ordine.

Inoltre la Russia probabilmente non si aspettava il congelamento dei suoi asset e di conseguenza non ha preparato una propria infrastruttura blockchain. Convertire quantità significative di ricchezza dentro e fuori dall’ecosistema crittografico è ancora difficile. I principali exchange sono i punti di ingresso nevralgici che i governi occidentali possono colpire e reprimere. Christopher Wray, il capo dell’FBI, ha dichiarato in un’audizione al Senato:

In definitiva, quello che devono davvero fare è ottenere l’accesso a una qualche forma di valuta fiat”.

Il ruolo della DeFi per i civili

Naturalmente le criptovalute sono nate per sostituire in una certa misura le normali transazioni finanziarie. Gli exchange decentralizzati senza autorizzazione non offrono di certo la liquidità delle loro controparti centralizzate, ma possono essere utilizzati per ottenere somme di medie dimensioni dalla Russia. In teoria non c’è molto che si possa fare per ostacolare un portafoglio nella lista nera dal fare affari su un exchange decentralizzato. I protocolli DeFi hanno dipartimenti di sicurezza molto snello o del tutto assenti.

Max Dilendorf ha detto:

La domanda è quanto bene i singoli trader finanziari decentralizzati siano attrezzati per individuare i portafogli sanzionati nelle transazioni peer-to-peer. Le autorità di regolamentazione devono garantire che i malintenzionati non utilizzino queste piattaforme per eludere regolamenti e sanzioni“.

Anche se questo non è abbastanza per compensare le sanzioni per entità o gruppi di individui ricchi, l’oligarca esperto di criptovalute potrebbe in qualche modo riuscire a cavarsela. Lo stesso vale per il mining. La Russia nel suo insieme non sarà in grado di compensare gli effetti economici negativi attraverso l’attività di mining, ma potrebbe incoraggiare l’attività più di quanto non abbia fatto in passato.

Finora non ci sono segni che le criptovalute vengano utilizzate per incanalare denaro fuori dalla Russia in alcun modo. Sebbene i volumi di scambio sulla coppia BTC/RUB abbiano raggiunto i massimi storici, ciò è probabilmente dovuto alla fuga di capitali dal rublo verso Bitcoin. Da allora la coppia di valute si è stabilizzata. Un po’ a causa dei controlli sui capitali imposti dal governo russo, un po’ per il decreto presidenziale secondo cui le esportazioni di materie prime devono essere pagate in rubli.

Ma non ci sono stati movimenti sospetti

Salman Banaei, capo delle politiche pubbliche di Chainalysis, ha anche affermato che la sua azienda non ha notato movimenti insoliti o sospetti:

Non stiamo vedendo gli afflussi di liquidità che vedremmo se fossero in atto grandi spostamenti di denaro, ovvero parte del patrimonio netto di un oligarca“.

Parker, avvocato e capo della pratica antiriciclaggio e sanzioni presso Ferrari & Associates, ha ricordato al pubblico che il de-platform dei russi dagli exchange di criptovalute non è un risultato desiderabile. Al contrario ha sottolineato che l’uso delle criptovalute in sé non rende un attività lecita o meno.
I cittadini russi non sono stati sanzionati. L’uso delle criptovalute per effettuare transazioni al posto delle banche russe designate non è evasione delle sanzioni, è conformità alle sanzioni“.

Ma una delle tendenze che sicuramente prenderanno piede nel prossimo futuro è la regolamentazione.

L’impatto sulle criptovalute nel mondo

Diversi esperti hanno sottolineato che proprio il limitato potenziale delle criptovalute di eludere le sanzioni potrebbe alla fine ritorcersi contro il settore. Ross Buckley, professore KPMG-KWM di innovazione dirompente presso l’Università del New South Wales, ha dichiarato:

Secondo me, la crisi ucraina e le relative sanzioni rappresentano una sfida enorme per l’industria delle criptovalute. Se le criptovalute vengono utilizzate per eludere le sanzioni, ci si dovrebbe aspettare una forte repressione normativa.

In assenza di un coordinatore centralizzato del settore, non riesco a vedere come le criptovalute nel loro insieme non verranno utilizzate per aggirare le sanzioni“.

Naturalmente, le criptovalute possono essere una forza positiva. UkraineDAO ha raccolto 6,75 milioni di dollari e le donazioni di criptovalute nel complesso hanno superato i 60 milioni di dollari finora. Ma le donazioni fiat superano di gran lunga quelle in cripto, senza l’errata ma persistente percezione pubblica che potrebbero essere utilizzate per riciclare denaro. Oltre a lanciare la sua carta di beneficenza in criptovalute, Binance ha donato $10 milioni alla causa.

Tuttavia le criptovalute rischiano di cadere vittima di una regolamentazione non corretta. Haohan Xu, CEO di Apifiny, spiega che se stati come la Russia adottassero sistemi di pagamento alternativi e crittografici, le economie avanzate tradizionali potrebbero facilmente etichettare le criptovalute come fattori abilitanti dell’autoritarismo e della tirannia.

Il metodo per escludere la Russia dalla partecipazione ai sistemi finanziari globali controllati dagli Stati Uniti costringerà la stessa ad adottare altri sistemi, che naturalmente guideranno la crescita in territori inesplorati.

In questo modo le criptovalute sarebbero legittimate in alcune parti del mondo e andrebbero automaticamente contro i paesi nemici della Russia.“.

È difficile che le economie occidentali lascino il mercato delle criptovaluta in mano a paesi non democratici. Ma se la regolamentazione colpirà le criptovalute in modo pesante, allora il mercato potrebbe prosperare altrove.