Binance ha annunciato il lancio di una carta di debito di beneficenza per i rifugiati ucraini. Leggi di più!

Il ministro ucraino per lo sviluppo digitale Mykhailo Fedorov ha annunciato sul suo canale Telegram che Binance avrebbe emesso una “carta crittografica di beneficenza” per i rifugiati ucraini alla fine di aprile.
La carta di debito serve ad aiutare gli ucraini che sono fuggiti dal paese, e segue il supporto finanziario di Binance per il paese. In tal modo Binance si unisce a Unchain Fund, un fondo cripto-nativo che ha già lanciato una carta virtuale per aiutare donne e bambini ucraini.

binance charity carta debito

Fedorov ha scritto sul suo canale Telegram:

Prima della fine di questo mese Binance lancerà anche una carta di beneficenza per tutti gli ucraini che sono stati costretti a lasciare l’Ucraina e hanno bisogno di aiuto. Questo è un supporto importante per i nostri cittadini durante la guerra“.

Vediamo bene come si sta muovendo Binance.

Binance lancia la sua carta di beneficienza per aiutare gli ucraini in difficoltà

Fedorov ha rivelato che Binance aumenterà la sua donazione a $20 milioni come parte dei suoi sforzi per supportare i cittadini ucraini. Binance aveva già donato 10 milioni di dollari a diverse importanti organizzazioni intergovernative e organizzazioni no-profit nel paese. Le donazioni sono suddivise tra organizzazioni come UNICEF, UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, iSans e People in Need per aiutare a sostenere i bambini sfollati e le famiglie in Ucraina e nei paesi limitrofi.
Dopo una conversazione con il CEO di Binance, Changpeng Zhao Fedorov ha scritto:

Binance sosterrà i nostri progetti educativi, in particolare l’alfabetizzazione alle criptovalute, in modo che un numero ancora maggiore di ucraini riceva competenze digitali“.

I mezzi finanziari per sostenere l’Ucraina proverranno da Binance Charity, il braccio di beneficenza dell’exchange.

Binance Charity: ecco cos’è

Binance Charity è “la prima organizzazione no-profit al mondo basata su blockchain” che porta “trasparenza e responsabilità in beneficenza”.
Il principale exchange di criptovalute afferma che le donazioni in criptovalute consentono una maggiore trasparenza su come si utilizzano i fondi. A differenza delle donazioni fiat, le donazioni in criptovalute possono essere tracciate fino alla loro destinazione finale.
Dopo la crisi in Ucraina, Binance ha lanciato per la prima volta un sito di crowdfunding in criptovalute chiamato Ukraine Emergency Relief Fund. Consente alle persone di donare criptovalute per aiutare a fornire aiuti di emergenza a rifugiati e bambini. Tramite il fondo puoi anche supportare la logistica sul campo come cibo, carburante e consegne di forniture ai rifugiati. Il fondo ha raccolto finora quasi 12 milioni di dollari, circa il 60% del suo obiettivo iniziale di 20 milioni di dollari.

Inoltre Binance sta lavorando con diversi gruppi di rifugiati locali per accelerare il passaggio degli ucraini attraverso il confine verso la sicurezza in due paesi vicini.

Binance Charity collabora anche con l’UNICEF tramite il Comitato del Lussemburgo. L’exchange ha contribuito a fornire assistenza in seguito all’esplosione di Beirut e ha finanziato gli sforzi di vaccinazione globale contro il COVID-19 attraverso l’iniziativa COVAX. La donazione di 1 milione di dollari all’UNICEF Lussemburgo ha contribuito a fornire vaccini alle comunità di 11 paesi in quattro continenti. Binance Charity ha raccolto altri 5 milioni di dollari e ha donato 2 milioni di DPI a 26 paesi durante la pandemia.
Altre iniziative dell’organizzazione benefica di Binance includevano la creazione di opportunità di lavoro per le donne keniote durante la pandemia e la donazione di 160.000 dollari alle vittime della fuga precipitosa dello stadio AFCON del 2021 .