Bitcoin combatte per rimanere al di sopra dei $30.000 ed evitare un calo shock a prezzi che non si vedevano dalla fine del 2020.

Bitcoin sta lottando contro un calo di breve periodo che sembra inesorabile. L’intenzione è quella di rimanere sopra i $30.000 dopo una giornata di turbolenze generali per i mercati delle criptovalute.

bitcoin prezzo

I dati mostrano che la criptovaluta più grande del mondo è scivolata a $29.944,80 nelle prime ore di martedì 10 maggio. Questo è il prezzo più basso che Bitcoin abbia registrato da luglio 2021. All’epoca i rialzisti sono riusciti a riprendere il controllo e portare BTC a un nuovo massimo storico. Vediamo bene quali sono i motivi e cosa potrebbe succedere in futuro.

Bitcoin: calo drastico di tutto il mercato delle criptovalute

Finora il bitcoin è riuscito a evitare di scendere significativamente al di sotto dei $30.000 dollari. Nel momento in cui scrivo i prezzi sono rimbalzati a $31.828 dollari.

Ma una stretta correlazione con Wall Street potrebbe significare ulteriori test di questo supporto nei prossimi giorni, soprattutto se il mercato azionario continuerà a crollare. C’è quindi il concreto pericolo che BTC possa tornare a livelli che non si vedevano dalla fine del 2020.

Tutto ciò significa che è fondamentale osservare l’andamento dei futures su azioni, per avere un qualcosa su cui basare le proprie analisi e valutazioni.

Questa mattina alle ore 09:00 i futures S&P 500 erano in rialzo dello 0,86%, mentre i futures Dow Jones erano in rialzo dello 0,65%. Nel frattempo, i futures del Nasdaq 100, quelli cioè ad alta esposizione tecnologica, sono aumentati dell’1,42%.

Il calo del mercato azionario di lunedì ha lasciato l’S&P al livello più debole da marzo 2021 e sembra non esserci luce in fondo al tunnel poiché l’incertezza su tassi di interesse, inflazione, prezzi dell’energia e blocchi del COVID in Cina continuano imperterriti.

Nelle prossime settimane Coinbase fornirà ai suoi investitori i risultati finanziari del primo trimestre, per fare maggiore chiarezza sulla situazione.

Criptovalute vs Azioni: su che cosa è meglio investire? Scoprilo subito!

Il panico si diffonde tra gli investitori

L’ultimo Crypto Fear and Greed Index mostra un punteggio di 10, indicando che c’è un sentiment di paura estrema nel mercato in questo momento.

BTC ha raggiunto picchi di calo giornaliero del 12,5%. Nel momento in cui scrivo siamo a 5.92%. Se consideriamo il settimanale, Bitcoin è sceso del 18%.

Ovviamente anche le altcoin navigano in un mare profondamente rosso. LUNA è giù del 50% nel momento in cui scrivo, a causa del depeg della stablecoin UST.
Solo una manciata di altcoin nella top 100 per capitalizzazione di mercato sono al momento in verde: Maker, Elrond, FTX, Arweave, Qtum, Polygon e Zilliqa tra questi.

Anche se “buy the dip” è una specie di proverbio o verità assoluta nel mondo cripto, raramente i mercati delle criptovalute hanno dovuto fare i conti con un clima economico in cui i tassi di interesse sono in aumento.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha rivelato che sono in programma ulteriori aumenti di mezzo punto percentuale tra giugno e luglio, aumenti che potrebbero rendere BTC poco attraente per tutti gli investitori che cercano attività meno rischiose.

Alcuni analisti ritengono che la Fed aumenterà i tassi di interesse in modo più aggressivo nel tentativo di riportare l’inflazione sotto controllo. Come ha detto a Reuters il COO di Stack Funds Matt Dibb:

Il rapporto rischio-rendimento di Bitcoin è stato molto buono nell’ultimo anno, ma ora il contesto macro è diverso“.

Altri esperti sottolineano che l’attuale crash non riguarda specificamente Bitcoin, ma tutti gli asset in generale.