Le nostre poste, con il servizio sportello Postamat, hanno preso le sembianze di una banca, in tutto e per tutto.

postamat
Adobe Stock

Negli anni, gradualmente, i libretti di risparmio degli Uffici Postali Italiani, gli strumenti di pagamento e di gestione del denaro maggiormente usati dalle vecchie generazioni, anche se non sono scomparsi, hanno fatto il paio con la digitalizzazione.

Oggi sono tanti i pensionati che si affidano a Poste Italiane per gestire il proprio conto. Tutto questo, in un momento economico particolarissimo, deve offrire serenità a 360 gradi.

Poste Italiane: con lo sportello Postamat e l’uso delle App, gli Uffici Postali diventano le nuove banche

E non è certo una novità assistere a file enormi di persone davanti agli sportelli Postamat, magari nelle giornate a ridosso del ritiro delle pensioni. Sono centinaia di migliaia le persone, le famiglie, che si affidano a Poste Italiane e che scelgono le poste per conservare i propri risparmi.

E’ ovviamente sempre importante proteggere i nostri risparmi con determinate regole.

Velocità nei bonifici, svariati servizi: ecco perché gli italiani scelgono di avere un conto alle Poste

Del resto la velocità dei bonifici da poste italiane è altissima (24-48 ore), anche rispetto ad un conto bancario con cui sono stati pareggiati i tempi di attesa, e le opportunità offerte sia dai servizi banco posta che posta pay, con le spese annuali relativamente basse, offrono sufficienti garanzie ai cittadini.

L’immancabile spirito del rapporto cittadino-impiegato, nelle poste si respira per molti un’aria diversa

Rimane poi il fatto che l’Ufficio Postale incarna in qualche modo lo spirito del rapporto diretto tra persone, quello di una volta, quello che per alcuni si respira un po’ meno nelle banche. Non è nuovo il pensiero di chi, avanti con l’età, si fida molto di più nel conservare i propri risparmi alle poste, preferendole decisamente rispetto ad un istituto di credito.

Postamat: novità, tecnologia, digitalizzazione

La tecnologia abbraccia le esigenze degli utenti. E così oggi il Postamat, lo sportello di prelievo di Poste Italiane, presente sia all’interno che all’esterno degli Uffici Postali, offre delle novità interessanti che vale certamente la pena conoscere.

La novità del tasto 9

Pochi sanno che premendo il pulsante 9 del tastierino dello sportello Atm di Poste Italiane, è infatti possibile effettuare un prelievo addirittura senza inserire la propria carta bancomat. L’avete dimenticata a casa ma avete bisogno di denaro e siete in fila da tempo per prelevare?

Puoi prelevare senza la carta, lo sapevi?

Se premi il tasto 9 del tastierino numerico presente negli ATM di Poste Italiane vedrai comparire, a video, un codice QR da scansionare. Questi ti richiede di aprire l’app Banco Posta o PostePay al fine di scegliere l’importo da prelevare e concedere l’autorizzazione al prelievo. In questo modo potrai prelevare denaro senza utilizzare fisicamente la carta.

Le app e il codice Qr, niente paura se hai dimenticato la carta a casa

Qui emerge con chiarezza lo straordinario ruolo delle App di Poste Italiane, che offrono davvero svariate opportunità e una marea di servizi ai cittadini. Anche se molti lamentano per la verità alcuni disservizi, soprattutto in determinate fasce orarie.

E’ quindi naturale comprendere come l’uso del computer, del cellulare e il graduale processo di digitalizzazione di Poste Italiane abbiano coinvolto positivamente la collettività, e lo abbiano fatto in modo più graduale e semplice rispetto alle banche. E’ molto più facile immaginare, nei fatti, che un over 70 sappia usare la app del bancoposta o della posta pay evolution per inviare denaro o controllare i suoi risparmi, rispetto ad una persona della stessa età capace di usare alla perfezione un servizio home-banking.

Con le app puoi appunto inviare e ricevere denaro, in modo anche istantaneo, puoi controllare la spedizione di un pacco. Puoi insomma vivere in modo semplice e sereno tutte le operazioni inerenti ai tuoi risparmi con Poste Italiane, sia che tu abbia un conto o una posta pay. E poi le poste ti consentono anche di svolgere in modo facile le pratiche relative allo Spid, lo sapevi?