Più di 200 città avranno la propria criptovaluta (CityCoin) entro cinque anni, prevede il CEO di Freehold. Vediamo bene in dettaglio.

I CityCoin sono già stati lanciati a New York City e Miami. Sono alimentati da Stacks, un protocollo che abilita contratti intelligenti sulla rete Bitcoin.

citycoins

Patrick Stanley, un collaboratore di CityCoins, afferma che il progetto ha l’ambizione di espandersi oltre gli Stati Uniti in un futuro non troppo lontano. Vediamo perché potrebbe cambiare il mondo.

CityCoin: ogni città avrà la propria cryptovaluta

Parlando ad un podcast, il CEO di Freehold ha dichiarato che ogni grande città un giorno avrà la propria risorsa digitale.

CityCoins è già stato lanciato a New York City e Miami. Sono alimentati da Stacks, un protocollo che abilita contratti intelligenti sulla rete Bitcoin.

A febbraio, il sindaco di Miami Francis Suarez ha rivelato che la città aveva ricevuto un dividendo di 5,25 milioni di dollari dal progetto, che mira a offrire una fonte di reddito alternativa oltre alla tassazione.

Alla conferenza Bitcoin Unleashed di Stacks a Miami, Stanley ha detto a CoinMarketCap che CityCoins vuole infine offrire “un App Store per le città“, incoraggiando gli sviluppatori a creare applicazioni che abbracciano la criptovaluta CityCoin.

Trevor Owens, managing partner di Stacks Ventures, ha affermato che il modello CityCoins incoraggia anche i sindaci a soddisfare le startup e i disgregatori piuttosto che le grandi aziende. Durante la visione, hanno detto:

Molte città in realtà non vogliono che aziende molto grandi vengano nella loro città perché questo ha delle conseguenze. Ad esempio aumenta i prezzi degli affitti“.

Hanno affermato che le CityCoin offrono ai cittadini una partecipazione dimostrabile nel successo della loro città e altri potenziali casi d’uso potrebbero includere stablecoin che possono essere spesi all’interno delle imprese locali, dando una spinta all’economia.

Anche la tua città avrà la sua criptovaluta.. ma perché costruire su Bitcoin?

Oltre a contratti intelligenti e monete per le città, Stacks consente anche di costruire protocolli DeFi sulla blockchain di Bitcoin, e di coniare token non fungibili (NFT).

Quando gli è stato chiesto perché gli sviluppatori non hanno usato Ethereum, il direttore esecutivo della Stacks Foundation Brittany Laughlin ha detto:

Penso che Ethereum abbia un ecosistema davvero eccezionale, ma non penso che sia l’unico posto in cui puoi costruire. Bitcoin è il più grande per capitalizzazione di mercato. È il più diffuso, hodlato, ed è il più accessibile. E quindi non dovrebbe perdersi tutto il divertimento e le occasioni che offrono NFT e DeFi.

Laughlin ha anche detto al podcast che “non c’è mai stato un momento migliore per costruire valore in criptovalute“, nonostante Bitcoin si sia ritirato dai massimi storici visti a novembre.

Penso che se sei solo preoccupato per il prezzo questo settore non fa per te. Penso che riguardi i costruttori e penso che abbiamo visto più costruttori di quanti ne abbiamo mai visti prima“.

Spiegando il lancio di Bitcoin Unleashed da parte di Stacks, Laughlin ha affermato che rappresenta un’opportunità per riunire la community dopo la pandemia del COVID. E negli anni a venire, ha previsto che il valore delle applicazioni costruite sulla rete Bitcoin tramite Stacks potrebbe superare la capitalizzazione di mercato della criptovaluta stessa.

Alla domanda sulla decisione dell’UE di reprimere le transazioni anonime tramite portafogli non custodial, Laughlin ha avvertito che normative così rigide spingeranno gli imprenditori a fuggire e a trasferirsi in luoghi più cripto-friendly.