Quando si sente parlare di criptovalute si pensa subito alla crittografia, ma sono sempre correlate? Vediamo di chiarire la questione.

Una criptovaluta, è denaro digitale decentralizzato basato sulla tecnologia blockchain. Una risorsa digitale basata su una rete distribuita su un gran numero di computer, la criptovaluta è protetta dalla crittografia, il che rende quasi impossibile la sua contraffazione.

crittografia criptovalute blockchain

La criptovaluta può essere utilizzata come forma di pagamento per acquistare beni e servizi, ma anche come investimento. Poiché questo tipo di valuta non è regolamentato, agli acquirenti piace scambiarla a scopo di lucro come farebbero con altre attività come azioni e metalli preziosi.

Come funzionano le criptovalute

Non esiste un’autorità centrale che aggiusti e mantenga il valore delle criptovalute. È un mezzo di scambio digitale, crittografato e decentralizzato. La parte crittografica si presenta sotto forma di transazioni verificate e registrate in una forma di programma chiamata blockchain.

Più di 7000 diverse criptovalute vengono scambiate pubblicamente, le più popolari sono Bitcoin ed Ethereum. Alla maggior parte dei sostenitori delle criptovalute piace il fatto che queste valute, oltre ad essere decentralizzate e più sicure durante il processo di blockchain, impediscano alle banche centrali di gestire l’offerta di moneta proteggendola dall’interferenza e dalla manipolazione del governo.

Molte aziende hanno emesso le proprie valute, spesso chiamate token, e queste possono essere scambiate specificamente per il bene o il servizio fornito dall’azienda.

Vantaggi e svantaggi delle criptovalute

Uno dei vantaggi delle criptovalute è che i trasferimenti sono facilitati ed escludono l’uso di terze parti come una banca o una società di carte di credito. Gli scambi sono protetti e assicurati da chiavi pubbliche o private.

D’altra parte, uno svantaggio significativo sarebbe il riciclaggio di denaro e l’evasione fiscale, rendendo le transazioni crittografiche adatte ad attività illegali.

Che cos’è la crittografia

La parola “criptovaluta” deriva dalla parola “crittografia” e “valuta”.

La crittografia implica l’uso di diverse tecniche di crittografia utilizzate per proteggere una rete. È essenzialmente la pratica di crittografare determinati dati o informazioni in modo che possano essere mantenuti segreti a terzi. Convertendo le tue informazioni private in un codice segreto che nasconde il vero significato delle informazioni, rendi quasi impossibile per un intruso decifrarle in testo normale.

Quando un messaggio crittografato viene intercettato da un’entità non autorizzata, il malintenzionato deve indovinare le variabili che sono state utilizzate per crittografare il messaggio. Il tempo e la difficoltà di indovinare queste informazioni sono ciò che rende la crittografia uno strumento di sicurezza così prezioso.

Come viene utilizzata la crittografia nelle criptovalute

Le criptovalute utilizzano la crittografia per tre scopi principali: per proteggere le transazioni, per controllare la creazione di unità aggiuntive e per verificare il trasferimento di asset. Per realizzare tutte queste cose, le criptovalute si basano su quella che viene chiamata “crittografia a chiave pubblica”.

I vari algoritmi di crittografia e le tecniche crittografiche che salvaguardano le voci specifiche sono ad esempio la crittografia a curva ellittica, le coppie di chiavi pubblica-privata e le funzioni di hashing.

Le chiavi pubbliche forniscono un indirizzo alle persone a cui inviare il denaro. Implica un utente che dispone di una chiave pubblica e privata, crittografata in un assortimento di circa 30 numeri e lettere. Lo scopo della chiave privata è sbloccare la chiave pubblica per ricevere il denaro che è stato inviato.

In questo modo solo chi conosce la chiave privata può sbloccare la chiave pubblica. Chiunque può depositare denaro su una chiave/indirizzo pubblico, ma solo le persone con la chiave privata possono accedere al denaro. Ciò consente alle persone di ricevere denaro senza che altre persone possano accedere al denaro. La crittografia a chiave pubblica è una meraviglia tecnologica e sta cambiando rapidamente il settore dei pagamenti online.

Perché la crittografia è necessaria nel settore tecnologico

Aumento della criminalità informatica con la digitalizzazione

I fornitori di telecomunicazioni, gli sviluppatori di software ei fornitori di servizi di sicurezza gestiti fanno tutti parte del settore IT e delle comunicazioni. Secondo gli studi, il settore IT è stato il settore più preso di mira a livello internazionale nel 2021.

Il mezzo più diffuso per tentare un’intrusione è stato tramite e-mail, con le aziende che hanno ricevuto una media di 600 e-mail di phishing uniche ogni mese. Dal momento che l’industria tecnologica è la prima ad adottare nuove tecnologie, il che la rende particolarmente vulnerabile agli attacchi informatici. Secondo i rapporti, le minacce alla sicurezza contro i sistemi di controllo industriale (ICS) e la tecnologia operativa (OT) sono più che triplicate dal 2020.

Crittografia per l’avanzamento

Nel 2021, i ricercatori hanno visto il 50% in più di attacchi a settimana alle reti aziendali rispetto al 2020. Le aziende hanno scoperto che la crittografia è uno dei modi migliori, più efficienti e pratici per garantire che i propri dati sensibili siano protetti da tutti, compreso il personale tecnico, quindi che solo il proprietario può accedervi.

A loro volta, se gli hacker ottengono l’accesso a un server e rubano i dati di un utente, tutto ciò che hanno è una cache di dati illeggibile. La crittografia è fondamentale per la sicurezza personale e per migliorare la sicurezza generale dell’azienda.

In che modo la crittografia Zero-Knowledge può aiutare nella sicurezza dei dati

Con un aumento del ransomware presso i fornitori di servizi IT, le industrie IT possono anche utilizzare la crittografia a Zero-Knowledge per la sicurezza dei dati, il che significa che nessuno, ma tu (nemmeno il fornitore di servizi) può accedere ai tuoi dati protetti. Anche se i file sono completamente crittografati, se il server ha accesso alle chiavi, gli attacchi di hacking centralizzati possono causare una violazione dei dati irrecuperabile.

Gli standard Zero-Knowledge migliorano la crittografia end-to-end in quanto garantisce che nessuno abbia accesso ai tuoi file e alle chiavi di crittografia in un formato leggibile. È uno dei modi più sicuri per proteggere la privacy dei dati online.

Con l’aumento della frequenza e della gravità degli attacchi informatici, le aziende IT devono continuare a innovare e aprire la strada alla sicurezza informatica. Le aziende tecnologiche, in quanto prima linea di difesa per tutte le organizzazioni, hanno la responsabilità di stare al passo con il rischio informatico e garantire che la propria sicurezza sia la migliore disponibile.