Vitalik Buterin propone una soluzione per implementare le transazioni anonime su Ethereum: spuntano possibili soluzioni alternative.

Le autorità dell’Unione Europea e degli Stati Uniti hanno intenzione il problema dell’anonimato delle transazioni in criptovalute. Questo favorirebbe a loro dire il riciclaggio di denaro. Il cofondatore di Ethereum Vitalik Buterin ha proposto un metodo per nascondere l’identità dei destinatari di tutti i token ERC-20.

ethereum vitalik buterin
Criptomercato.it

Ci sono delle difficoltà da risolvere, come ad esempio il pagamento delle gas fees per eseguire le transazioni, ma Buterin dice che ci sono diversi possibili rimedi. Vediamo quali.

Vitalik Buterin e le transazioni anonime su Ethereum: facciamo il punto

In un post sul blog del 20 gennaio, Buterin ha proposto di aggiornare la blockchain per supportare “indirizzi stealth” monouso. Questi renderebbero molto più facile proteggere la privacy dei destinatari di qualsiasi tipo di token sulla blockchain di Ethereum. Parliamo di NFT, indirizzi Ethereum Name Service (ENS) e tutti i tipi di token ERC-20.

In pratica, l’utilizzo dell’intera suite di applicazioni Ethereum implica che una parte significativa della vostra vita sia pubblica. Può quindi essere vista e analizzata da chiunque“, ha detto Buterin, sottolineando che le transazioni sulla blockchain sono visibili.

Anche se questo “è ampiamente riconosciuto” come un “problema importante“, ha detto:

Le discussioni sul miglioramento della privacy si sono in gran parte concentrate su un caso d’uso specifico. I trasferimenti (e di solito gli auto-trasferimenti) di ETH e dei principali token ERC20 che possano rispettare la privacy“.

In un esempio eloquente, Buterin ha detto che questo è un punto debole di servizi come Tornado Cash, indicando il mixer recentemente sanzionato dal governo degli Stati Uniti.

Uno dei suoi principali sviluppatori, Alexey Pertsev, è in carcere in attesa di giudizio, con l’accusa di riciclaggio di denaro nei Paesi Bassi per aver contribuito a creare Tornado Cash.

Coinbase sta finanziando un’azione legale per contestare la designazione da parte degli Stati Uniti del servizio di mixing decentralizzato come entità sanzionata.

Ciò significa che l’incorporazione di questi strumenti di privacy nella blockchain di contratti intelligenti più utilizzata potrebbe avere conseguenze indesiderate. Ricordiamo che Litecoin è stato bandito da alcuni importanti exchange sudcoreani lo scorso giugno, dopo aver aggiunto funzioni di privacy opt-in. Gli indirizzi stealth farebbero la stessa cosa per tutti i token ERC-20.

Indirizzi stealth: in cosa consistono

Sebbene le blockchain forniscano di per sé privacy, si tratta di pseudonimato e non di vero e proprio anonimato. L’identità del destinatario è nascosta dietro una chiave privata, ma le transazioni possono essere tracciate da un indirizzo all’altro.

Le società di intelligence blockchain e le forze dell’ordine scoprono le identità cercando qualsiasi cosa che colleghi un indirizzo a una persona – come un conto su un exchange – con informazioni Know Your Customer (KYC).

Gli indirizzi nascosti del tipo proposto da Buterin funzionerebbero in modo diverso dai mixer. Essi generano indirizzi monouso e di chiavi di spesa, rendendo più facile nascondere l’identità del destinatario di una transazione. Buterin ha dichiarato che:

Gli indirizzi stealth offrono le stesse proprietà di privacy di Bob che genera un nuovo indirizzo per ogni transazione, ma senza richiedere alcuna interazione da parte di Bob“.

Ci sono delle difficoltà da risolvere, come ad esempio il pagamento delle tasse sul gas per la transazione, ma Buterin dice che ci sono diversi possibili rimedi.