Bitcoin (BTC), ritracciamento in arrivo: crollano i mercati azionari seguiti dalle principali altcoin. Vediamo bene cosa sta succedendo.

L’incredibile serie di vittorie di Bitcoin è giunta al termine. La più grande criptovaluta del mondo è scesa dai nuovi massimi di 90 giorni di $21.564.

bitcoin azionario
Adobe Stock

Mercoledì, l’S&P 500 ha perso l’1,6% dopo che dati economici cupi dagli Stati Uniti hanno rivelato che le vendite al dettaglio sono diminuite più del previsto a dicembre.

Bitcoin, mercati azionari e altcoin crollano: cosa succederà

Al momento in cui scriviamo giovedì, BTC è crollato a $20.695, un segno che l’asset digitale è diventato iper-comprato dopo uno straordinario rally all’inizio dell’anno.

Ma i mercati delle criptovalute non sono soli. Le azioni globali sono crollate tra i rinnovati timori che la recessione sia più che mai vicina.

Mercoledì, l’S&P 500 ha perso l’1,6% dopo che dati economici cupi dagli Stati Uniti hanno rivelato che le vendite al dettaglio sono diminuite più del previsto a dicembre.

Nel frattempo, un certo numero di economisti ha avvertito che la Federal Reserve probabilmente aumenterà i tassi di interesse anche quest’anno.

Anche i venti contrari specifici delle criptovalute, come i rapporti secondo cui Genesis è sull’orlo della bancarotta, potrebbero influenzare le prestazioni di Bitcoin a breve termine.

Mentre Bitcoin è sceso del 2,6% nelle ultime 24 ore, molti dei principali altcoin stanno subendo perdite ancora maggiori. Ether è sceso del 4%, Dogecoin del 7% e Shiba Inu del 10%.

E Solana, che nelle ultime settimane ha prodotto rendimenti sconvolgenti, è scivolata del 9%.

Bitzlato accusato di riciclaggio di $700 milioni: arrestato il fondatore russo

Un exchange di criptovalute avrebbe riciclato più di 700 milioni di dollari, provocando l’arresto del suo fondatore russo a Miami.

Le prove includono una chat interna in cui Anatoly Legkodymov ha detto a un collega che gli utenti di Bitzlato erano dei “noti truffatori“.

Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Bitzlato richiede un’identificazione minima da parte degli utenti e queste procedure permissive Know Your Customer lo hanno reso “un paradiso per i proventi criminali“.

L’alto dirigente Anatoly Legkodymov è ora accusato, tra le accuse di aver consentito a malintenzionati di trarre profitto da ransomware e traffico di droga.

Il vice procuratore generale Lisa Monaco ha affermato che l’arresto infligge “un duro colpo all’ecosistema delle criptovalute” — aggiungendo:

Sia che tu violi le nostre leggi dalla Cina o dall’Europa – o abusi del nostro sistema finanziario da un’isola tropicale – è uguale. Puoi aspettarti di rispondere dei tuoi crimini all’interno di un’aula di tribunale degli Stati Uniti“.

Questo riferimento all’isola “tropicale” potrebbe benissimo essere uno scavo non così sottile a Sam Bankman-Fried. L’ex CEO di FTX sta affrontando i suoi mal di testa legali dopo il crollo di FTX.

Si afferma che Legkodymov fosse a conoscenza del fatto che gli account Bitzlato “fossero pieni di attività illecite” e che molti utenti non utilizzassero i loro veri nomi.

Le prove presentate dagli Stati Uniti includono una chat interna in cui l’uomo ha detto a un collega che gli utenti di Bitzlato erano dei “noti truffatori“.

Si sostiene inoltre che tra i clienti dell’exchange vi fossero numerosi tossicodipendenti e trafficanti di droga.