Gli investitori disperati che non hanno accesso ai propri fondi su Genesis accusano i Gemelli di “nascondere la sua insolvenza”. Cosa succede.

Tre clienti di Gemini Earn – che stanno cercando di sbloccare i propri asset congelati – hanno presentato una richiesta contro la piattaforma di criptovalute Genesis. Sostengono che il prestatore stia “nascondendo la sua insolvenza” da questa estate.

genesis
Adobe Stock

La richiesta arriva il giorno dopo che il presidente e co-fondatore dell’exchange Gemini, Cameron Winklevoss, ha rilasciato una lettera al presidente del Digital Currency Group, Barry Silbert.

Genesis sta nascondendo la sua insolvenza? Ecco la verità

Di fronte a un picco di prelievi che ha causato una crisi di liquidità, Genesis ha interrotto i prelievi il 16 novembre. Questo ha lasciato i 900 milioni di dollari che doveva a 340.000 clienti Gemini Earn nel limbo.

Gemini Earn ha offerto ai clienti dell’exchange Gemini fino all’8% di interesse, inviando fondi a Genesis per effettuare il prestito effettivo. Sfortunatamente, Genesis ha prestato circa $2,3 miliardi all’hedge fund di criptovalute Three Arrows Capital (3AC), crollato in modo tragico nello scorso giugno. Questo fallimento ha mandato in bancarotta diversi prestatori di criptovalute, tra cui Voyager Digital e BlockFi.

L’azione collettiva afferma che Genesis Global Capital ha nascosto i propri problemi finanziari tramite una “transazione fittizia“. Ha venduto alla società madre Digital Currency Group (DCG) il debito di 3AC – effettivamente irrecuperabile – per una cambiale da $1,1 miliardi con scadenza in un decennio. Ciò ha violato il suo accordo con i clienti Gemini Earn, afferma l’azione, e richiede la restituzione dei loro fondi.

La richiesta di arbitrato arriva il giorno dopo che il presidente e co-fondatore dell’exchange Gemini, Cameron Winklevoss, ha pubblicato una furiosa lettera aperta in cui accusava il presidente della DCG Barry Silbert di “tattiche di stallo in malafede” per non aver restituito $900 milioni dovuti a 340.000 clienti Gemini Earn. In esso, ha fortemente insinuato che Gemini avrebbe fatto causa a Genesis e DCG se i discorsi su un piano per rimborsare i clienti non fossero iniziati entro l’8 gennaio.

Mentre le perdite di Genesis sono derivate principalmente dal fallimento di 3AC, la crisi di liquidità che ha causato l’interruzione dei prelievi è arrivata al culmine dopo che il fallimento dell’exchange FTX di Sam Bankman-Fried ha creato uno sconvolgimento a livello di settore.

Titoli non registrati

L’azione collettiva accusa Genesis di vendere illegalmente titoli non registrati sotto forma di conti fruttiferi su Gemini Earn. Il 27 dicembre, un altro gruppo di clienti di Gemini Earn ha citato in giudizio l’exchange di proprietà di Winklevoss. Ha citato frodi e violazioni della legge sui titoli per gli stessi motivi.

La Securities and Exchange Commission (SEC) ha a lungo sostenuto che i conti di guadagno in criptovalute fruttiferi siano titoli. Pertanto devono essere registrati presso l’agenzia. A febbraio, BlockFi aveva risolto una causa intentata dalla SEC e da diverse dozzine di regolatori di titoli statali sull’emissione per $100 milioni.