Sam Bankman-Fried attacca i suoi avvocati per il fallimento di FTX e giudica “evitabili” le perdite: le ultime notizie sul caso più discusso.

Sam Bankman-Fried ha affermato che lo studio legale che ha aiutato a guidare l’exchange di criptovalute FTX attraverso il fallimento lo ha “forzato” a dichiarare bancarotta prematuramente, forse danneggiando i tentativi di salvare l’azienda.

Il fondatore di Once-No. 2 ha accusato Sullivan & Cromwell di averlo “minacciato” e ha detto che FTX avrebbe potuto salvarlo.

sam bankman fried ftx
Criptomercato.it

I suoi commenti sono arrivati ​​​​in un lungo post sul blog che Bankman-Fried ha pubblicato su Substack giovedì, sostenendo principalmente che “non ho rubato fondi e di certo non ho nascosto miliardi“.

Oltre a ciò, ha fornito una lunga spiegazione di come e perché FTX è diventata insolvente, nessuna delle quali lo ha coinvolto nel trasferimento illegale dei fondi dei clienti FTX per sostenere le perdite della sua società commerciale privata Alameda Research.

Sam Bankman-Fried attacca i suoi avvocati per il fallimento di FTX

SBF ha iniziato attaccando Sullivan & Cromwell, che ha detto “era uno dei due principali studi legali di FTX International prima del fallimento, ed era il principale studio legale di FTX US“.

Notando che il consigliere generale di FTX, Ryne Miller, era un ex partner di Sullivan & Cromwell, Bankman-Fried ha dichiarato:

S&C e GC sono state le parti principali che mi hanno armato con forza e mi hanno minacciato di nominare il candidato che loro stessi hanno scelto come CEO di FTX – anche per un’entità solvibile in FTX US – che ha poi presentato istanza per il Capitolo 11 e ha scelto S&C come consulente del debitore entità“.

Sullivan & Cromwell è il principale studio legale che lavora con l’attuale management di FTX Group, guidato dall’esperto di ristrutturazioni John Ray III come CEO, sul fallimento di FTX e sul tentativo di trovare e recuperare fondi dovuti a circa nove milioni di clienti di FTX International, che non ha prestato servizio clienti statunitensi.

I commenti di Bankman-Fried sono arrivati ​​poco dopo che Sullivan & Cromwell avrebbe affermato di “avere un rapporto limitato e in gran parte transazionale con FTX e alcune affiliate prima del fallimento“.

I commenti dello studio legale sono stati fatti in seguito al rilascio di una lettera aperta da parte di un gruppo bipartisan di quattro senatori statunitensi che attaccavano lo studio. Il gruppo comprendeva uno dei più forti scettici delle criptovalute, la democratica del Massachusetts Elizabeth Warren, e uno dei suoi più grandi sostenitori delle criptovalute, l’investitrice di lunga data di Bitcoin Cynthia Lummis.

Critica dei Senatori

I senatori hanno chiesto al giudice del tribunale fallimentare John Dorsey di nominare un esaminatore di terze parti per rappresentare gli interessi dei clienti, affermando che non ci si poteva fidare di Sullivan & Cromwell per difendere i clienti FTX, poiché aveva svolto così tanto lavoro per FTX sotto Bankman-Fried. Loro hanno detto:

Dato il loro lavoro legale di lunga data per FTX, potrebbero benissimo assumersi una certa responsabilità per il danno arrecato alle vittime dell’azienda. L’azienda semplicemente non è nella posizione di scoprire le informazioni necessarie per garantire la fiducia in qualsiasi indagine o scoperta“.

Il giudice ha definito la lettera “inappropriata” e ha detto che non avrebbe permesso che lo influenzasse.

Bankman-Fried ha sostenuto i senatori – che sono stati molto critici nei suoi confronti – in questa faccenda. Sullivan & Cromwell, ha detto:

… hanno lavorato con FTX US nella sua più importante applicazione normativa. Hanno lavorato con FTX International su alcuni dei suoi problemi normativi più importanti. Inoltre hanno lavorato con FTX US sulla sua transazione più importante. Quando visitavo New York, a volte lo facevo lavorare fuori dall’ufficio di S&C“.

Sullivan & Cromwell non ha risposto a una richiesta di commento.

“È venuto da me piangendo”

In una versione trapelata della testimonianza – che intendeva fornire alla commissione per i servizi finanziari della Camera il 13 dicembre – Bankman-Fried ha fornito più dettagli. L’avvocato ha riferito:

Ho 19 pagine di screenshot di Sullivan & Cromwell, Mr. Miller e altri che credo siano stati influenzati da loro. Tutti inviati in un periodo di due giorni, che mi spingono a presentare rapidamente per il Capitolo 11. Vanno da irremovibili a mentalmente squilibrati. Hanno anche chiamato molti dei miei amici, colleghi e familiari. Hanno fatto pressione su di loro perché mi spingessero a presentare la denuncia, alcuni dei quali sono stati emotivamente danneggiati dalla pressione. Alcuni di loro sono venuti da me, piangendo“.