Il defunto exchange di criptovalute FTX ha affermato di aver recuperato 5 miliardi di dollari in contanti e criptovalute liquide. Sono in arrivo i rimborsi per gli utenti che hanno perso tutto?

Secondo un avvocato a conoscenza della questione, l’exchange di criptovalute in difficoltà FTX avrebbe “recuperato 5 miliardi di dollari in contanti e criptovalute liquide”.

ftx tribunale
Adobe Stock

L’exchange sta “cercando di ricostruire la cronologia delle transazioni” nonostante ciò, però. Ciò non include gli ulteriori 425 milioni di dollari in criptovalute di proprietà della Bahamas Securities Commission.

5 miliardi di dollari vengono recuperati da FTX.

Come riportato in precedenza da CoinGape, le passività totali di FTX ammontano a $8,8 miliardi. Secondo John J. Ray III, CEO di FTX recentemente assunto, si riteneva che l’exchange avesse poco denaro e risorse digitali liquide all’epoca, il che si è tradotto in un buco stimato di $8 miliardi nel suo bilancio.

Un giudice fallimentare statunitense del Delaware è stato avvertito dall’avvocato di FTX, Andy Dietderich, all’inizio dell’udienza di mercoledì che:

“Abbiamo scoperto titoli finanziari liquidi, criptovalute liquide e oltre 5 miliardi di dollari in contanti, tutti valutati al valore della data della petizione. Le nostre posizioni non possono essere vendute senza un impatto significativo sul mercato dei token perché le nostre partecipazioni sono così elevate rispetto all’offerta complessiva.”

Dietderich ha anche affermato che l’azienda intendeva vendere partecipazioni non strategiche con una valutazione di 4,6 miliardi di dollari. Tutto nonostante il fatto che i rendiconti finanziari della società siano ritenuti inaffidabili.

Lo scandalo senza precedenti di FTX

L’azienda ha presentato istanza di fallimento a novembre ea dicembre i pubblici ministeri americani hanno accusato Bankman-Fried di aver orchestrato una frode “epica” che potrebbe essere costata miliardi di dollari a investitori, consumatori e istituti di credito. I consulenti e gli avvocati della società fallita sono attualmente al lavoro per recuperare i soldi necessari a rimborsare i creditori.

Sam Bankman-Fried, lo screditato creatore di FTX, si è recentemente dichiarato non colpevole di tutte le accuse derivanti dai problemi dell’exchange. L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti del distretto meridionale di New York ha creato una “FTX Task Force” per gestire le richieste e le azioni legali relative al crollo dell’exchange. Oltre che rintracciare i fondi dei clienti persi e gestirli.

Perché Sam Bankman-Fried nasconde i nomi dei clienti di FTX?

Secondo i rapporti più recenti, Sam Bankman-Fried, il creatore di FTX, vuole presentare ulteriori richieste per l’anonimato dei nomi dei suoi clienti.

Mercoledì l’exchange di criptovalute FTX chiederà a un tribunale fallimentare degli Stati Uniti il ​​permesso di mantenere segreti i nomi dei clienti per almeno sei mesi. Oltre a mettere all’asta alcuni dei suoi beni mentre lavora per recuperare i soldi persi in quella che sembra essere stata una grande frode.

FTX chiederà al giudice fallimentare degli Stati Uniti del Delaware, John Dorsey, di approvare la vendita delle sue affiliate LedgerX, Embed, FTX Japan e FTX Europe al fine di raccogliere fondi per i suoi clienti. Che si dice abbiano perso miliardi di dollari a causa del brusco crollare lo scorso anno.

Nomi dei clienti riservati

I principali media si sono opposti, quindi FTX ha chiesto almeno sei mesi di riservatezza sui nomi dei suoi clienti. L’ormai defunto exchange ha dichiarato di volere ulteriori proroghe, tuttavia il tribunale soppeserà questa possibilità.

La società ha affermato che seguire le ordinarie leggi sui fallimenti, che includono l’esposizione di informazioni sui creditori, inclusi fino a 9,5 milioni di clienti, potrebbe esporli a frodi, violare la loro privacy e consentire l’accesso ai concorrenti. Svalutando FTX mentre cerca acquirenti.

FTX cerca risorse per l’asta

Inoltre, secondo i documenti del tribunale presentati da FTX, le quattro attività che FTX sta tentando di vendere sono in qualche modo autonome dal più grande conglomerato FTX. Inoltre, ogni organizzazione ha i propri team di gestione e account cliente unici. Senza affiliazioni o legami con il core team guidato da Bankman-Fried.

Numerose offerte non richieste sono giunte alla borsa centralizzata con sede alle Bahamas, ma non si è ancora impegnata a vendere nessuna delle attività. Poiché FTX intende tenere aste a febbraio e marzo, prevede un aumento delle offerte in quel momento. Tuttavia, la vendita degli affiliati prima che possa essere svolta un’indagine approfondita è contrastata dal Trustee degli Stati Uniti, un watchdog fallimentare sotto il Dipartimento di Giustizia.

Il 30enne magnate delle criptovalute Sam Bankman-Fried è stato incriminato in un tribunale federale di Manhattan con due accuse di frode telematica e sei diverse accuse di cospirazione il mese scorso. Secondo le affermazioni, Bankman-Fried ha rubato i depositi dei clienti per saldare gli obblighi finanziari con Alameda Research. Attualmente si sta dichiarando non colpevole davanti al tribunale federale per sostenere la sua innocenza.