“Abbiamo assunto in eccesso”: il marketplace NFT SuperRare licenzia il 30% dei dipendenti. Il mercato cripto è sempre più in difficoltà.

Continua il giro di licenziamenti nel mondo cripto. Tutto questo contribuirà a generare un crescente disagio per coloro che lavorano in questo mercato. Ci sono pochi segni che il mercato mostrerà presto miglioramenti.

licenziamenti
Adobe Stock

I licenziamenti nel settore delle criptovalute non mostrano segni di rallentamento all’inizio di questo 2023.

Il mercato NFT SuperRare è diventato l’ultimo a confermare tagli dolorosi: licenzierà il 30% del suo personale.

SuperRare: il marketplace NFT licenzia il 30% dei dipendenti

Su Twitter, il CEO John Crain ha condiviso uno screenshot di un messaggio di Slack inviato ai colleghi, che diceva:

Le startup sono un equilibrio tra la gestione di una crescita rapida e allo stesso tempo il fare tutto il possibile per conservare risorse limitate. Durante la corsa al rialzo, siamo cresciuti in tandem con il mercato. Negli ultimi mesi, è diventato chiaro che questa crescita aggressiva era insostenibile: abbiamo assunto troppo, e Mi assumo la piena responsabilità di questo errore“.

Crain ha affermato che il suo team sta “facendo tutto il possibile per esplorare nuove opportunità e supportarli nei loro sforzi futuri“, aggiungendo che i loro contributi “faranno per sempre parte della nostra storia”.

L’imprenditore è ancora ottimista sulle opportunità offerte da Web3, NFT, arte digitale, DeFi e governance, con la sua nota che conclude:

Stiamo affrontando venti contrari, sì, ma rimane un’incredibile opportunità non colta. Continuiamo a costruire qualcosa di totalmente nuovo: un rinascimento dell’arte digitale globale che sia trasparente, equo e a cui chiunque può accedere da qualsiasi parte del mondo“.

Licenziamenti: continua l’effetto domino

SuperRare non è la prima azienda di criptovalute a effettuare licenziamenti di questa portata, né probabilmente sarà l’ultima. A luglio, OpenSea ha tagliato il 20% della sua forza lavoro a causa del crollo dei volumi di scambio di NFT e ha avvertito che è possibile una “riflessione prolungata“.

E Coinbase ha anche ammesso di aver commesso errori simili a SuperRare durante la bull run nel 2020 e nel 2021. Quando l’exchange ha tagliato il 18% dei posti di lavoro lo scorso giugno – quattro mesi dopo aver promesso di aumentare i suoi ranghi di 2.000 dipendenti – Brian Armstrong ha ammesso che la società “è cresciuta troppo in fretta”.

Tutto questo contribuirà a generare un crescente disagio per coloro che lavorano in questo mercato. Ci sono pochi segni che il mercato mostrerà presto miglioramenti.

Le aziende del settore, alcune delle quali hanno speso innumerevoli milioni in pubblicità quando il mercato era in forte espansione, si trovano ad affrontare domande difficili sul perché non fossero meglio preparate per un inevitabile bear market.

E questi drastici tagli di posti di lavoro potrebbero anche avere altre conseguenze. I professionisti di talento possono lasciare definitivamente il settore. Gli alti livelli di incertezza potrebbero essere estremamente scoraggianti per coloro che sono interessati a lavorare in questo settore in rapida evoluzione.