Licenziamenti, trame segrete, attacchi hacker: il 2022 lascia delle cicatrici profondissime nel mercato delle criptovalute, eccone alcune.

Nel 2020, dozzine di dipendenti di Coinbase si sono dimessi dopo che il CEO Brian Armstrong ha vietato le discussioni sui movimenti politici e sociali sul lavoro, affermando che avrebbero distolto l’attenzione dal lavoro. A giugno, i dipendenti di Coinbase hanno diffuso una petizione anonima per licenziare tre dirigenti di alto livello citando una “cultura tossica del posto di lavoro“.

rischi cirptovalute
Adobe Stock

Tutto questo ha creato una reale “mancanza di concentrazione”. Inoltre, l'”atteggiamento generalmente apatico e talvolta condiscendente” aveva portato a “un morale basso della forza lavoro“.

Armstrong non era commosso o divertito, definendo la questione “davvero stupida su più livelli”. Ha detto che qualsiasi dipendente con una mancanza di fiducia dovrebbe “licenziarsi e trovare un’azienda in cui credere“.

Licenziamenti e attacchi hacker nel mercato delle criptovalute: il caso Coinbase 

A febbraio, Coinbase ha annunciato a gran voce l’intenzione di assumere 2.000 persone nel 2022. A metà giugno ne ha licenziate 1.100. Il che è triste ma non impossibile in un profondo bear market.

Tuttavia, ha anche ritirato una serie di offerte di lavoro accettate. È difficile immaginare che la decisione di licenziamento sia stata presa così rapidamente che Coinbase non stava ancora assumendo mentre contemplava una riduzione della forza lavoro del 18%. Chung Wook Ahn, che ha rifiutato Amazon e Oracle per fare di Coinbase il suo primo lavoro dopo aver conseguito una laurea in ingegneria del software, si è ritrovato con 90 giorni per trovare un lavoro o perdere il visto. Ahn ha poi detto:

Sono rimasto senza parole per l’irresponsabilità che Coinbase ha dimostrato nella gestione delle assunzioni e impotente per la mia situazione attuale“.

“Gettare fango sui concorrenti”

Lo studio legale Roche Freedman ha creato una mini industria di azioni legali collettive contro le società di criptovalute, tra cui l’emittente di stablecoin Tether e l’exchange gemello Bitfinex, la Tron Foundation e BitMEX.

Ma a settembre, il partner Kyle Roche è stato sorpreso a videochiamare i giurati “10 idioti” e vantarsi di “fare causa a metà delle aziende del settore“.

Ha poi affermato di essere stato deliberatamente incastrato. Secondo Roche il video ha preso i commenti fuori contesto. Ha rassegnato le sue dimissioni prima dal caso e poi dal suo studio legale.

Il giudice lo ha definito “straordinariamente stupido” e l’azienda recentemente ribattezzata del socio Vevel Freedman non ha più a che fare con il caso Tether.

Nel frattempo, l’azienda aveva stretto un “patto segreto” con lo sviluppatore di blockchain di Avalanche Ava Labs per gettare fango sui competitors in cambio di “una quantità enorme” di azioni e centinaia di milioni di dollari di token AVAX.

Licenziamenti e attacchi hacker nel mercato delle criptovalute: strategie complesse

Avraham Eisenberg quest’anno ha prosciugato le riserve di liquidità del mercato del trading e dei prestiti con sede a Solana. Lo ha fatto tramite quella che ha definito una “strategia di trading legale e altamente redditizia“. Tutto questo è stato possibile perché gli sviluppatori di Mango Marketsnon hanno previsto completamente tutte le conseguenze dell’impostazione dei parametri così come sono“.

La società di monitoraggio del rischio crittografico Solidus Labs, tra molti altri, lo ha definito un exploit. Anzi, “un esempio da manuale di manipolazione cross-market“. Altri concordassero che fosse probabilmente legale, o per lo meno non criminale. Il che è discutibile in quanto il gruppo di Eisenberg ha restituito $67 milioni dei $114 milioni guadagnati in cambio di un accordo per non perseguire accuse penali o congelare i token.