Coinbase licenzia il 18% del personale e rimuove il loro accesso ai sistemi, il CEO ammette: “siamo cresciuti troppo velocemente”.

Coinbase licenzia un grossa fetta dei suoi dipendenti. L’exchange ha annunciato che sta tagliando la sua forza lavoro del 18%, con Brian Armstrong che ha ammesso che l’azienda “è cresciuta troppo rapidamente“.

coinbase licenziamenti

Mi rendo conto che la rimozione dell’accesso sarà improvvisa e inaspettata, e questa non è l’esperienza che volevo per voi“, ha detto loro Brian Armstrong in una dichiarazione. Vediamo bene cosa sta succedendo.

Coinbase licenzia il 18% dei suoi dipendenti

La piattaforma exchange ha recentemente suscitato scalpore revocando le offerte di lavoro ai nuovi assunti. Più recentemente ha interrotto l’accesso ai sistemi interni per i lavoratori interessati e li ha licenziati tramite la loro e-mail personale.
Spiegando perché le cose dovevano essere fatte in questo modo, il CEO ha scritto:

Mi rendo conto che la rimozione dell’accesso sarà improvvisa e inaspettata. Dato il numero di dipendenti che hanno accesso a informazioni sensibili sui clienti, purtroppo è stata l’unica scelta pratica“.

Armstrong si assume la responsabilità dell’annuncio shock, che è arrivato quattro mesi dopo che la piattaforma di trading ha dichiarato che avrebbe assunto 2.000 dipendenti quest’anno.

Ha avvertito che una recessione sembra essere all’orizzonte dopo un boom economico durato oltre 10 anni. Il CEO si aspettava un nuovo inverno crittografico che puntualmente è arrivato e che “potrebbe durare per un lungo periodo“.

Negli ultimi inverni delle criptovalute, le entrate commerciali (la nostra più grande fonte di entrate) sono diminuite in modo significativo. Sebbene sia difficile prevedere l’economia o i mercati, pianifichiamo sempre il peggio in modo da poter gestire l’attività in qualsiasi ambiente“.

Coinbase licenzia per mantenere bassi i costi

Sebbene Armstrong abbia affermato che Coinbase è riuscita a sopravvivere a “quattro grandi inverni di criptovalute“, ha avvertito che mantenere bassi i costi è fondamentale per navigare nei mercati ribassisti.

E in una candida ammissione, l’amministratore delegato ha ammesso che l’exchange aveva “assunto in eccesso”. Riflettendo sull’inizio del 2021, quando Coinbase aveva 1.250 dipendenti, ha affermato:

C’erano nuovi casi d’uso abilitati dalle criptovalute che ottenevano trazione praticamente ogni settimana. Abbiamo visto le opportunità ma dovevamo ridimensionare in modo massiccio il nostro team per essere posizionato per competere in una vasta gamma di progetti.”

Ha rivelato che la forza lavoro di Coinbase è più che quadruplicata negli ultimi 18 mesi e “i costi sono troppo alti per gestire questo mercato incerto“. Inoltre, ha affermato che l’aggiunta di nuovi dipendenti ha effettivamente ostacolato l’efficienza della piattaforma di trading, rivelandosi dannosa per la produttività.

Che succede ora?

Il personale licenziato ha ricevuto solo un’ora di preavviso, ma riceverà almeno 14 settimane di TFR, oltre a due settimane aggiuntive per ogni anno di lavoro. Riceveranno l’assicurazione sanitaria, con supporto per la salute mentale disponibile a livello globale.

Talent Hub, che è stato lanciato per supportare coloro che hanno perso il lavoro, sarà ulteriormente ampliato. In un messaggio alle persone colpite, Armstrong ha aggiunto:
I dipendenti di Coinbase sono tra i più talentuosi al mondo. La mia speranza è che questa assistenza finanziaria e non finanziaria aiuti a rendere questa transizione inaspettata per voi il più semplice possibile“.

Ha anche espresso la speranza che un giorno Coinbase li assumerà di nuovo, anche se non è chiaro se le persone interessate vorranno mai lavorare di nuovo per l’exchange.

Il morale nell’azienda è basso da tempo. Alcuni dipendenti senza nome hanno recentemente lanciato una petizione che chiedeva un voto di sfiducia in tre dirigenti senior di Coinbase.
Il direttore operativo Emilie Choi, il chief product officer Surojit Chatterjee e il chief people officer LJ Brock sono stati accusati di aver preso decisioni “che non sono nel migliore interesse dell’azienda, dei suoi dipendenti e dei suoi azionisti“.

Gli esempi includevano “il fallimento della piattaforma Coinbase NFT“. Ovvero sistemi di revisione delle prestazioni che hanno portato a una “cultura del lavoro tossica” e pratiche di assunzione “insostenibili”.

Armstrong ha definito la petizione “davvero stupida su più livelli“. Ha invitato i responsabili a dimettersi e lavorare per un’azienda in cui credono davvero.

Coinbase non è il primo exchange ad annunciare licenziamenti e non sarà l’ultimo.

BlockFi e Crypto.com hanno entrambi confermato i tagli al personale per rimanere redditizi. Si sono quindi uniti anche loro a players del calibro di Gemini e ad una serie di exchange latinoamericani.