Arrestato il truffatore di Mango Markets: ecco cosa è successo e cosa rischia l’uomo che ha rubato oltre 110 milioni di dollari.

Il 23 dicembre 2022, il Dipartimento di Giustizia ha arrestato Avraham Eisenberg a Porto Rico con l’accusa di frode sui prodotti digitali.

mango market hack
Adobe Stock

Il caso è iniziato a ottobre, quando Eisenberg ha annunciato di far parte di un gruppo che utilizzava una “strategia di trading altamente redditizia” per rubare 114 milioni di dollari da Mango Markets, manipolando il prezzo del token MNGO nativo dell’exchange decentralizzato (DEX).

Arrestato il truffatore di Mango Markets: ecco cosa è successo

Aveva fatto enormi acquisti su altri DEX che ne avevano aumentato il prezzo del 1.300%. Poi li aveva usati per prendere in prestito altre criptovalute senza l’intenzione di restituirle. Ne ha restituito 67 milioni di dollari in cambio della promessa di non sporgere denuncia. Eisenberg ha detto che stava “utilizzando il protocollo come previsto, anche se il team di sviluppo non ha previsto completamente tutte le conseguenze dell’impostazione dei parametri così come sono“.

L’agente speciale dell’FBI Brandon Racz apparentemente non si sentiva vincolato da quell’accordo. Ha accusato Eisenberg di frode e manipolazione per “aver partecipato a uno schema che prevedeva la manipolazione intenzionale e artificiale del prezzo. I contratti future perpetual risiedevano su un exchange di criptovalute chiamato Mango Markets, e altri dispositivi e accorgimenti manipolatori e ingannevoli“. Ha anche accusato Eisenberg di essere volato in precedenza in Israele per evitare l’arresto, il che rende improbabile che Eisenberg possa pagare la cauzione.

Kraken si ritira di nuovo dal Giappone

L’exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti Kraken ha annunciato il 28 dicembre che si sarebbe ritirato dal mercato giapponese. Ha affermato che “le attuali condizioni di mercato in Giappone, in combinazione con un debole mercato delle criptovalute a livello globale, significano che le risorse necessarie per far crescere ulteriormente la nostra attività in Giappone non sono sufficienti“.

È l’ultimo pullback per l’exchange, che il 30 novembre ha licenziato il 30% del suo personale. E a settembre, il CEO Jesse Powell ha annunciato le sue dimissioni da CEO, entrando nel posto di Presidente per concentrarsi maggiormente sui grandi problemi e meno sulle operazioni quotidiane.

Gemelli citato in giudizio per Earn Freeze

Il 27 dicembre, un’azione legale collettiva ha colpito la Gemini Trust Company di Cameron e Tyler Winklevoss. I querelanti rivendicano la frode, sostenendo che i conti fruttiferi del programma erano in realtà titoli. La posizione che la Securities and Exchange Commission (SEC) ha assunto per più di un anno avrebbe fornito agli investitori molta più consapevolezza sui rischi associati a Gemini Earn .

Nel frattempo, Cameron Winklevoss ha trascorso il fine settimana festivo a litigare con il CEO di Digital Currency Group (DCG), Barry Silbert. Gemini Earn ha offerto ai clienti l’8% per parcheggiare i propri fondi in un programma di prestito di criptovalute che era effettivamente gestito da Silbert’s Genesis. Questi ha poi congelato i prelievi, inclusi $900 milioni dai clienti dell’exchange Gemini. Il 2 gennaio, Winklevoss ha scritto una lettera aperta a Slibert, accusandolo di negoziare in malafede, cosa che Silbert ha negato.