Dopo 11 anni, Jesse Powell si dimette dalla carica di CEO di Kraken. La notizia arriva in un momento critico per le criptovalute.

Jesse Powell ha annunciato che si dimetterà dalla carica di CEO di Kraken.

kraken jesse pawoll
Adobe Stock

Tutto ciò arriva in un momento turbolento per il mondo delle criptovalute. Il timore è che il mercato ribassista possa peggiorare, mentre la Fed continua ad aumentare i tassi di interesse. Vediamo bene cosa sta succedendo.

Jesse Powell si dimette da CEO di Kraken: ecco perché

È una pietra miliare significativa per l’exchange di criptovalute, che ha fondato nel 2011.
Powell è destinato a rimanere attivo sulla piattaforma di trading e ne diventerà il primo presidente, con Dave Ripley, Chief Operating Officer di lunga data, che gli succederà come CEO.

Tutto ciò arriva in un momento turbolento per il mondo delle criptovalute. Il timore è che il mercato ribassista possa peggiorare, mentre la Fed continua ad aumentare i tassi di interesse. Ci sono anche reali preoccupazioni che possano essere dietro l’angolo delle vere e proprie recessioni nelle principali economie. Il bitcoin è recentemente sceso ai minimi di tre mesi, influenzando la redditività dei principali exchange.

Dopo che la notizia è stata diffusa online, Kraken ha rilasciato un comunicato stampa per confermare che era in atto un “piano di successione alla leadership“. Powell ha detto:

La comprovata leadership ed esperienza di Dave mi danno grande fiducia nel fatto che sia il successore ideale e la persona migliore per guidare Kraken nella sua prossima era di crescita. Non vedo l’ora di dedicare più tempo ai prodotti dell’azienda, all’esperienza utente e alla più ampia difesa del settore“.

Ripley ha suggerito che non ha intenzione di cambiare nulla una volta preso il controllo, aggiungendo:

La mia visione, insieme al resto del team dirigenziale, è in linea con quella di Jesse: accelerare l’adozione della criptovaluta“.

Uno stile di leadership insolito

L’approccio di Powell al ruolo ad alta pressione di essere un CEO ha attirato l’attenzione nel corso degli anni.

A giugno, il New York Times ha scritto un articolo in cui rivelava di aver messo in dubbio l’uso dei pronomi preferiti tra i dipendenti. Affermava inoltre che le domande sull’intelligenza delle donne “non erano così risolte come si sarebbe potuto pensare“.

I dipendenti hanno detto al giornale che alcuni hanno trovato i suoi commenti offensivi e dannosi per la loro salute mentale. Altri hanno detto che stavano cercando di smettere e lo hanno accusato di creare un posto di lavoro odioso.

Ha continuato ad agitare le acque pubblicando un documento culturale di 31 pagine che difendeva i “valori filosofici libertari” di Kraken. Ha detto a coloro che non erano d’accordo con questo approccio, che potevano andarsene con quattro mesi di paga.

Proprio questa settimana, Powell ha alluso al suo stile di gestione non convenzionale con un sondaggio su Twitter in cui ha chiesto:

Domanda sul lavoro a distanza: se passi a una geolocalizzazione a basso costo che è anche ricca di disastri naturali prevedibili, dovresti ricevere supporto per affrontare il disastro in cui sei finito, o dovresti utilizzare i soldi che hai risparmiato per sostenere le operazioni rischiose che hai fatto?“.

A luglio, le pratiche commerciali di Kraken sono state nuovamente sotto i riflettori. Specialmente dopo che è emerso che gli Stati Uniti avevano indagato sull’exchange per tre anni, sospettando che avesse violato le sanzioni statunitensi.

Le autorità hanno affermato che la piattaforma di trading aveva consentito agli utenti in Iran di acquistare e vendere token digitali. Le conversazioni interne inoltre, ancora una volta ottenute dal Times, hanno suggerito che Powell si dicesse pronto a infrangere la legge se i potenziali vantaggi di ciò superassero le multe.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Inoltre, il rapporto suggerisce che l’azienda ha condiviso un foglio di calcolo con i dipendenti che ha rivelato che 1.522 utenti Kraken avevano sede in Iran. Altri 149 vivevano in Siria e 83 a Cuba, entrambi paesi soggetti anche alle sanzioni americane.