Questa settimana, l’Iran ha effettuato il suo primo ordine di importazione ufficiale utilizzando la criptovaluta, una mossa che potrebbe consentirgli di eludere le sanzioni statunitensi.

L’ordine da 10 milioni di dollari potrebbe consentire al Paese di commerciare utilizzando risorse digitali. Oltre ad evitare il predominio del dollaro USA nel sistema finanziario globale ed evitare accordi con altre nazioni sanzionate come la Russia, secondo Reuters.

iran embargo criptovalute
Adobe Stock

L’Iran fa affidamento sulle criptovalute per il commercio internazionale, secondo un funzionario del Ministero dell’Industria, delle Miniere e del Commercio che ha pubblicato sui social media. “Entro la fine di settembre, l’uso di criptovalute e smart contract prenderà ampiamente piede nel commercio estero con i paesi target”

Mancato rispetto dell’embargo?

L’Ufficio per la politica e l’attuazione delle sanzioni economiche del Dipartimento di Stato deve far rispettare e attuare l’embargo economico quasi totale che gli Stati Uniti hanno imposto all’Iran.

Sebbene sembri che le agenzie abbiano una presa più stretta sul mondo digitale, come evidenziato dall’inasprimento delle sanzioni contro la Russia. Gli operatori stanno ad ogni modo ancora trovando il modo di infrangere la legge.

Il mining di criptovalute evita i canali ufficiali di accesso da fiat a cripto. Così come le vie di “rientro” da cripto a fiat negli exchange di valuta virtuale centralizzati. In questo modo si possono aggirare lo screening delle sanzioni, secondo Anand Sithian, consulente legale di Crowell & Moring ed ex avvocato del processo penale divisione della sezione confisca dei beni e riciclaggio di denaro del Dipartimento di giustizia.

I divieti vengono aggirati dal mining di criptovalute

Coinsfera, uno scambio con uffici a Dubai, sta attirando commercianti da nazioni sanzionate come Russia e Iran. Il più grande exchange di criptovalute per volume, Binance, è sotto accusa per il suo consentire agli utenti in Iran di commerciare sfidando le sanzioni americane.

L’Office of Foreign Assets Control del Tesoro degli Stati Uniti sta attualmente esaminando Kraken come l’ultimo scambio di presunte violazioni delle sanzioni.

E all’inizio di quest’anno, il Fondo monetario internazionale (FMI) aveva avvertito che paesi come l’Iran e la Russia potrebbero utilizzare le criptovalute per eludere le sanzioni. Sarebbero in grado di farlo utilizzando le loro risorse energetiche in eccesso, che non sono in grado di esportare. Queste riserve energetiche possono servire per alimentare il mining i criptovalute. Un metodo ad alta intensità energetica di verificare le transazioni e maturare ricompense in criptovalute spendibili in tutto il mondo.

L’Iran è in grado di eludere le sanzioni commerciali e guadagnare centinaia di milioni di dollari in asset di criptovaluta. Beni che possono utilizzare per acquistare importazioni. Riuscendo in parte ad aggirare le restrizioni economiche della nazione in questo. Elliptic ha stimato lo scorso anno che il 4,5% di tutto il mining di Bitcoin avviene in Iran.