Piani pensione in Bitcoin: ecco cosa potrebbe succedere nel 2023 e come si stanno preparando gli utenti. Tutto ciò che devi sapere a riguardo.

Anche prima che FTX andasse in fumo, Fidelity ha dovuto affrontare dure critiche da parte delle autorità di regolamentazione. Il suo obiettivo era consentire ai cittadini di investire fino al 20% in Bitcoin nei propri piani pensionistici.

pensioni bitcoin
Adobe Stock

I senatori americani Elizabeth Warren, Dick Durbin e Tina Smith hanno riferito:

Sembra sconsiderato che uno dei nomi di spicco nel mondo della finanza approvi l’uso di un asset così volatile, illiquido e speculativo nei piani pensionistici – che dovrebbero essere veicoli di risparmio definiti da contributi consistenti e rendimenti costanti nel tempo“.

Piani pensione in Bitcoin ed il sogno valuta a corso legale: cosa aspettarsi dal 2023

Il Dipartimento del lavoro, che sovrintende ai piani pensione, ha affermato di nutrire “gravi preoccupazioni” ed è stato abbastanza minaccioso quando ha avvertito i gestori degli investimenti che “dovrebbero aspettarsi di essere interrogati su come possono quadrare le loro azioni con i loro doveri di prudenza e lealtà alla luce dei rischi”.

El Salvador

A settembre, l’anniversario di un anno del Bitcoin come moneta a corso legale nel paese centroamericano non ha avuto un bell’aspetto.

I suoi investimenti in Bitcoin avevano perso una fortuna sulla carta, l’uso effettivo di Bitcoin per strada era minimo, meno del 2% delle rimesse arrivava in BTC, il 77% della popolazione voleva che l’esperimento finisse e il suo rating del debito sovrano è crollato al punto dove i mercati per lo più si aspettano un default.

Né il suo legame Bitcoin tanto pubblicizzato era più vicino al lancio, e Bitcoin City era ancora un modello teorico. Tuttavia, il presidente estremamente popolare, Nayib Bukele, è rimasto fermo e la comunità delle criptovalute lo considera il futuro.

Solo la minuscola Repubblica Centrafricana dilaniata dalla guerra ha seguito l’esempio, anche se St. Kitts e Nevis stanno valutando la possibilità di optare per Bitcoin Cash.

La vicenda Craig Wright – Satoshi Nakamoto

L’autoproclamato creatore di Bitcoin Satoshi Nakamoto Craig Wright si è preso una doppietta. In primo luogo, gli è stato assegnato solo £ 1 di risarcimento danni nella sua causa contro il podcaster di What Bitcoin Did Peter McCormack per aver negato che Wright sia il creatore di Bitcoin. Il giudice in quel caso ha detto che Wright aveva presentato alcune prove che erano “semplicemente false in quasi ogni aspetto materiale“.

In un secondo processo in Norvegia, Magnus Granath, che si fa chiamare “Hodlonaut” su Twitter, ha vinto a mani basse. Hodlonaut ha sostanzialmente definito Wright un “truffatore”. Wright ha affermato che è stato “incredibilmente difficile” fornire una prova assoluta del fatto che sia Satoshi Nakamoto. Questo perché aveva “calpestato il disco rigido” che dava accesso alle chiavi private degli 1,1 milioni di Bitcoin. Nakamoto avrebbe minato le criptovalute nei primi giorni di Bitcoin.

L’affermazione di Wright è veramente difficile da credere. E questo è dimostrato dalla capacità di Hodlonaut di finanziare in crowdfunding un fondo per la difesa, e dalle diffuse manifestazioni di sostegno dopo la vittoria.