La Bitcoin City di El Salvador ha appena subito un’enorme battuta d’arresto. Vediamo tutti i dettagli di cosa sta succedendo.

El Salvador ha subito una battuta d’arresto nei suoi ambiziosi piani per costruire Bitcoin City. Il ministro delle finanze del paese ha confermato che il rilascio dei cosiddetti “volcano bonds” è stato ritardato.

bitcoin city el salvador

L’ambiziosa metropoli sarà finanziata da queste obbligazioni vulcano, ma il loro rilascio è stato ritardato a causa delle attuali condizioni di mercato.

Bitcoin City ed El Salvador: ecco cosa sta succedendo

Il governo di Nayib Bukele spera di raccogliere 1 miliardo di dollari attraverso queste obbligazioni garantite da Bitcoin. Mentre $500 milioni verrebbero utilizzati per aumentare le riserve di BTC del paese, l’altra metà sarebbe investita in nuove brillanti infrastrutture in modo che le criptovalute possano essere estratte utilizzando l’energia geotermica dei vulcani.

Di fronte a una folla chiassosa lo scorso novembre, il presidente Bukele ha affermato che Bitcoin City avrà la forma di una grande moneta e tutto, dalle aree residenziali ai negozi, ai bar e alle ferrovie, sarà dedicato a BTC.

Ma in un’intervista alla televisione locale, il ministro delle finanze Alejandro Zelaya ha avvertito che non è un buon momento per lanciare le obbligazioni per finanziare tutto questo. Dopo la grande rivelazione di Bukele, il valore di BTC si è ridotto notevolmente. La criptovaluta più grande del mondo è scesa del 38% dal suo massimo più recente di $68.789,63.

Zelaya attribuisce l’incertezza sul mercato delle criptovalute all’invasione russa dell’Ucraina, affermando che i funzionari salvadoregni vogliono aspettare che le condizioni di mercato siano più favorevoli. E che Bitcoin ovviamente si sia ripreso.

Il ministro crede ancora che l’ideale per l’introduzione dei vulcano bond sia la prima metà del 2022, ma ha suggerito che il lancio potrebbe essere posticipato a settembre. Ha anche avvertito che eventuali ulteriori ritardi avrebbero causato nuovi problemi:

Dopo settembre è difficile raccogliere capitali nel mercato internazionale“.

Una questione di tempismo

Il ritardo è un fattore che va contro El Salvador, anche perché il paese aveva intenzione di offrire le obbligazioni Bitcoin tra il 15 e il 20 marzo.

Tuttavia, Zelaya ha affermato che le obbligazioni saranno “sostanzialmente” emesse in eccesso. La domanda potrebbe raggiungere $1,5 miliardi di dollari, ovvero $500 milioni in più di quanto intendevano raccogliere.

Un nuovo rapporto della Camera di Commercio e Industria di El Salvador ha rivelato che solo il 3,6% delle aziende locali afferma che BTC ha provocato un aumento delle vendite da quando è diventata valuta legale sei mesi fa.

A settembre, Bukele ha anche annunciato che il paese stava investendo milioni di dollari in Bitcoin. Il presidente ha ripetutamente “comprato in calo” negli ultimi mesi, secondo quanto riferito dal suo smartphone.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il governo salvadoregno ha effettuato la maggior parte di questi acquisti a prezzi di gran lunga superiori al valore attuale di Bitcoin di $42.000. Questo significa che El Salvador alle prese con perdite, seppur potenziali, sbalorditive.