Il 55% degli indirizzi Bitcoin è attualmente in rosso: vediamo brevemente come stanno reagendo gli investitori all’attuale situazione di mercato.

Più della metà di tutti gli indirizzi Bitcoin sono attualmente in rosso.

bitcoin rosso
Adobe Stock

Inoltre, un numero enorme di investitori dovrà affrontare un lungo limbo tra bancarotta e prelievi. Molti hanno infatti perso fondi a seguito del crollo di FTX. Vediamo bene cosa sta succedendo.

55% degli indirizzi bitcoin in rosso: come regiscono gli investitori?

Secondo il sito di analisi IntoTheBlock, con il crollo dell’exchange post-FTX che ha portato il prezzo a livelli mai visti da novembre 2020. Il prezzo medio di acquisto del 55% di tutti gli indirizzi Bitcoin è inferiore a quello che i proprietari hanno pagato per acquistarli.

Ciò lascia solo il 44% in attivo e solo l’1% in pareggio, al prezzo di $16.156, nel momento in cui IntoTheBlock ha scattato la sua istantanea più recente.

Tuttavia questo non equivale a dire che più della metà di tutti gli acquirenti di Bitcoin sono in rosso. Molte persone hanno infatti più di un indirizzo cripto.

Ma dato che chiunque abbia acquistato negli ultimi due anni – quando Bitcoin e le criptovalute in generale sono diventate mainstream, attirando molti nuovi piccoli investitori che potevano acquistare non solo attraverso gli exchange, ma anche fonti come PayPal e l’app Cash del fondatore di Twitter Jack Dorsey – possiamo affermare che è probabile che più della metà di tutti i proprietari di BTC siano in negativo.

Questi numeri combaciano con quelli di uno studio di Pew Research condotto nella prima metà di luglio – quando Bitcoin era nella fascia dei $20.000 – che ha rilevato che il 16% degli americani possedeva o aveva posseduto criptovalute. Inoltre il 46% ha affermato che i loro investimenti erano andati peggio di quanto si aspettassero.

Inoltre, un numero enorme di investitori deve ora affrontare un lungo limbo di bancarotta, con fondi probabilmente persi a seguito del crollo di FTX. Innumerevoli altri sono stati bruciati quando diversi importanti prestatori di criptovalute come Celsius e Voyager Digital sono falliti, aggiungendo alla crescente sensazione che riconquistare la fiducia degli investitori al dettaglio potrebbe essere un processo lungo.

Dentro e fuori

Un altro dato interessante della ricerca di IntoTheBlock è che mostra che circa il 30% in più di fondi sta transitando dai exchange centralizzati, verso soluzioni non custodial – da circa $6,1 miliardi a $4,3 miliardi negli ultimi sette giorni.

Il che è un’altra prova del fatto che i piccoli investitori stanno uscendo dagli exchange centralizzati a favore degli exchange decentralizzati e dei cold wallet.

La società di intelligence blockchain Chainalysis lo ha sottolineato la scorsa settimana, dicendo:

Dove vanno quei fondi quando lasciano gli exchange centralizzati? Principalmente verso altri exchange centralizzati“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

E i numeri lo confermano ancora. Negli ultimi sette giorni le cripto verso i CEX sono aumentate di oltre 62.000 BTC, anche se la maggior parte dell’afflusso è stato verso Binance. Inoltre, una quota enorme del deflusso proveniva da Gemini, i cui clienti hanno visto i fondi investiti tramite il prestatore di criptovalute Genesis attraverso il programma Gemini Earn, mentre cercava di evitare il fallimento.