Il protocollo di prestito e prestito DeFi Maker ha annunciato in queste ore che il protocollo Maker continuerà a utilizzare la blockchain PoS di Ethereum dopo l’atteso Merge di Ethereum.

Il gigante della DeFi rivela che l’interazione con il protocollo Maker, Dai o MKR su qualsiasi hard fork di Ethereum PoW mette gli utenti a rischio di replicare gli attacchi.

makerdao ethereum merge
Adobe Stock

Per questo motivo il gigante della DeFi MakerDAO ha deciso di seguire le orme di Uniswap, il più grande DEX su Ethereum. Anche Uniswap aveva in questi giorni comunicato il suo supporto esclusivo alla nuova blockchain di Ethereum Proof of Stake proprio in questi giorni. Ne abbiamo parlato nel dettaglio in questo articolo: Uniswap censura questi 253 indirizzi per attività illecite, cosa cambia adesso

MakerDAO supporta la chain Proof of Stake di Ethereum, rifiuta il fork Proof of Work

Il 9 settembre, MakerDAO ha annunciato il supporto per la blockchain di Ethereum PoS dopo il Merge in una serie di tweet. Inoltre, il colosso DeFi continuerà a lavorare esclusivamente sulla chain proof of stake di Ethereum e non supporterà alcun hard fork di Ethereum.

Maker Vault e Dai possono rimanere sulla blockchain di Ethereum Proof of Stake senza alcuna azione o aggiornamento da parte dell’utente. Secondo le stime, The Merge avverrà il 14 o 15 settembre. Il consenso Proof-of-stake (PoS) sarà implementato dopo la fusione di Beacon Chain ed Ethereum Mainnet (PoW).

Di conseguenza, i validatori elaboreranno i blocchi anziché i minatori. Per continuare a estrarre monete Ethereum, alcuni minatori e aziende hanno suggerito un hard fork di Ethereum PoW. I minatori produrranno monete ETHW poiché l’hard fork, secondo EthereumPoW, è inevitabile.

Gli utenti potrebbero essere vulnerabili agli attacchi di replica se interagiscono con Maker Protocol, Dai o MKR su qualsiasi fork di Ethereum PoW, secondo Maker. Un replay attack consente a un hacker di duplicare una transazione ed eseguirla per prelevare denaro senza autorizzazione. La scelta sicura è il PoS.

Il pericolo dei fork proof of work di Ethereum

Una catena proof of work Ethereum divisa con una probabilità diversa da zero di utilizzare lo stesso chainId della catena Proof of Stake sembra essere inevitabile una volta che si completerà il Merge.

Tuttavia, l’EIP-155 è stato messo in atto per contrastare gli attacchi di riproduzione della rete. Ma se il chainId rimane 1 e non cambia sul fork PoW, gli assalti di duplicazione potrebbero riapparire. Gli utenti che utilizzano eventuali chain fork proof of work rischiano cioè di perdere Dai e MKR.

Le piattaforme DeFi hanno rifiutato il supporto PoW di Ethereum

Aave, Uniswap, Lido e altre piattaforme DeFi hanno rifiutato di supportare qualsiasi hard fork Ethereum PoW. In effetti, lo schema di hard fork di EthereumPoW ha una serie di falle di sicurezza che le piattaforme DeFi hanno identificato.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Nel frattempo, il supporto per la blockchain proof of stake sta aumentando insieme ai prezzi a causa del clamore che circonda la fusione. Nell’ultimo giorno si è verificata una crescita di oltre il 6% del prezzo di Ethereum (ETH), che è attualmente scambiato a 1694 dolalri secondo le rilevazioni di CoinMarketCap.