Three Arrows Capital deve soldi al CEO e alla moglie del co-fondatore, secondo il tribunale. Intanto il Regno Unito prosegue con i suoi NFT.

Nuovi documenti giudiziari di Three Arrows Capital rivelano a chi l’hedge fund di criptovalute in bancarotta debba soldi… e quanti. Leggi di più!

3ac debiti
Adobe

Questi sviluppi causeranno probabilmente indignazione tra gli utenti colpiti dal crollo di Three Arrows Capital. Facciamo chiarezza.

Three Arrows Capital: debiti senza fine

In un rapporto particolarmente inquietante di Bloomberg, si afferma che Chen Kaili Kelly – la moglie del co-fondatore di 3AC Kyle Davies – ha un debito di 65,7 milioni di dollari.

I documenti indicano anche che un altro co-fondatore – Zhu Su – afferma di aver diritto a ricevere 5 milioni di dollari dalla procedura fallimentare.

Questi sviluppi causeranno probabilmente indignazione tra gli utenti colpiti dal crollo di Three Arrows Capital.

Le due piattaforme di criptovalute che ora hanno avviato la propria procedura fallimentare – Celsius e Voyager Digital – avevano entrambi un’esposizione a 3AC.

I documenti rivelano anche che il buco da $674 milioni sia dovuto a Voyager Digital. Tale azienda ha sospeso i prelievi, il che significa che i clienti non sono in grado di accedere ai propri fondi. Voyager’s ha anche avvertito che gli utenti potrebbero non ricevere indietro tutte le proprie criptovalute, e questo dipenderà direttamente da quanto riceverà da 3AC.

Celsius Network, anch’essa coinvolta nel duro colpo alla CeFi, ha un debito di circa $40 milioni da parte di 3AC. Ma questa azienda ha ben altro di cui preoccuparsi, dato che attualmente ha un buco di $1,2 miliardi nelle sue finanze.

Il più grande creditore di Three Arrows Capital in questo momento è Digital Currency Group, la società madre della piattaforma Genesis, la quale ha presentato una richiesta di $ 1,2 miliardi.

Il “Silenzio radiofonico” dei dirigenti di Three Arrows Capital

Il co-fondatore di Three Arrows Capital, Zhu Su, ha già risposto alle accuse secondo cui la società non collabora con i liquidatori.

Il suo avvocato ha affermato che i dirigenti dell’azienda hanno dovuto mantenere un basso profilo perché la loro famiglia sta ricevendo minacce e perché hanno dovuto affrontare una serie di domande da parte delle autorità di regolamentazione di Singapore.

Gli investitori hanno criticato ancora una volta la risposta della società alla procedura fallimentare, accusandola di “silenzio radio“.

Intanto il Regno Unito giura di portare avanti l’iniziativa NFT nonostante le turbolenze politiche

Sono cambiate molte cose nel Regno Unito dallo scorso aprile. I mercati delle criptovalute sono crollati e il primo ministro britannico sostituito.

Il governo britannico cercherà di portare avanti i propri piani per creare il proprio NFT – o token non fungibile – nonostante lo scompiglio a seguito delle dimissioni del Primo Ministro.

Ad aprile, il cancelliere Rishi Sunak aveva svelato i piani per trasformare il Regno Unito in un “hub globale di criptovalute“. Le stablecoin sarebbero riconosciute come un metodo di pagamento valido e la Royal Mint – l’organizzazione responsabile dell’emissione di monete britanniche – avrebbe rilasciato un NFT.

Tutto molto ambizioso, ma i dubbi sono leciti. Sunak ha annunciato che avrebbe lasciato il ruolo in risposta alla moltitudine di controversie che Boris Johnson ha dovuto affrontare. Il governo conservatore sta ora cercando un nuovo leader. Al momento, lo stesso Sunak è in vantaggio.

Alcuni politici rivali hanno accusato il governo di avere priorità fuori luogo, sostenendo che il tempo e gli sforzi dedicati al lancio di un NFT sarebbero meglio spesi affrontando la crisi del costo della vita, con l’inflazione in aumento. Ma un irremovibile portavoce del Tesoro ha detto al Daily Telegraph di Londra:

Siamo fermamente impegnati a mettere il Regno Unito in prima linea nella tecnologia e nell’innovazione delle criptovalute, sfruttando le libertà ottenute lasciando l’Unione Europea“.

In effetti, è molto probabile che le speranze della Gran Bretagna di diventare un leader nel settore delle criptovalute possano essere ulteriormente incoraggiate se Sunak fosse nominato prossimo Primo Ministro il 5 settembre. Tuttavia, il multimilionario deve affrontare una forte concorrenza da parte di candidati rivali.

Il Telegraph afferma che gli NFT della Royal Mint sarebbero un’estensione degli oggetti da collezione che già offre. L’organizzazione ha promesso di condividere ulteriori dettagli sui suoi token non fungibili a tempo debito.

Un mercato che cambia

Ovviamente, molte cose sono cambiate dal 4 aprile. Bitcoin valeva $46.000 e da allora il valore di questa criptovaluta si è più che dimezzato. ETH è andata anche peggio… e anche i volumi di scambio sui principali marketplace NFT sono stati in caduta libera.

Il governo britannico è in rotta di collisione anche con la Banca d’Inghilterra, che da tempo sostiene che le criptovalute mancano di valore intrinseco e chiunque acquisti risorse digitali private dovrebbe essere pronto a perdere tutti i propri soldi.

Alla luce di questa drammatica inversione di tendenza, diversi economisti si sono chiesti se abbracciare le criptovalute sia una buona idea. I funzionari sperano che possa dare il sopravvento al Regno Unito dopo la disgiunzione dall’Unione Europea, ma il clima attuale non garantisce nulla.