Dopo anni di dibattito, i negoziatori della commissione per gli affari economici e monetari dell’UE hanno finalmente raggiunto un accordo sulla regolamentazione delle criptovalute.

L’ultimo aggiornamento di Markets in Crypto Assets (MiCA) cercherà l’attuazione delle disposizioni di vigilanza, la protezione dei consumatori e la salvaguardia dell’ambiente.

Una versione precedente del disegno di legge aveva cercato di vietare le risorse digitali basate sul meccanismo di consenso Proof-Of-Work, tra le quali figura Bitcoin e, probabilmente ancora per poco tempo, Ethereum. Anche se l’implementazione finale di questo disegno non ha ai visto la luce.

regolamentazione criptovalute italia unione europea

MiCA, oggetto di accesi dibattiti sin dal suo inizio nel 2020, stabilisce le regole su come trattare le criptovalute e le risorse digitali. Identificando dove la legislazione sui servizi finanziari esistente nell’UE non è all’altezza.

Lo scopo è quello di di realizzare un trattamento che possa rivelarsi funzionale e coerente per le risorse digitali e crittografiche in tutti i 27 Stati membri dell’Unione.

La regolamentazione voluta dalla commissione

Trasparenza, divulgazione, autorizzazione e supervisione delle transazioni da parte dei fornitori di servizi sono alcune delle misure contemplate nel nuovo disegno di legge. Questo giovedì il Parlamento europeo ha inoltre detto in una dichiarazioneIl regolamento prevederà una ulteriore attenzione alla protezione dei consumatori .

Il nuovo quadro giuridico mira a sostenere l’integrità del mercato e la stabilità finanziaria. Regolando le offerte pubbliche di criptovalute e risorse digitali, stando a quanto riportato nella dichiarazione.

Le regolamentazione delle stablecoin

Le regole sulle stablecoin sono state un aspetto chiave delle negoziazioni. Ernest Urtasun del gruppo parlamentare Verts/ALE ha evidenziato in un thread su Twitter post-accordo che “le grandi stablecoin saranno soggette a rigide regole operative e prudenziali, con restrizioni se utilizzate ampiamente come mezzo di pagamento e un tetto massimo di 200 milioni di euro di transazioni al giorno”.

Tra queste norme di futura implementazione, ce n’è una che nello specifico richiede agli enti emittenti “di mantenere riserve per coprire tutti i crediti e fornire diritti di riscatto dei detentori”. Ha scritto Urtasun. Ha poi aggiunto: “le riserve dovranno essere legalmente e operativamente separate e isolate nell’interesse del detentore, il quale sarà completamente tutelato in caso di insolvenza”.

Ciò sembrerebbe escludere dalla partita le varie stablecoin algoritmiche come la defunta TerraUSD (UST). L’intenzione quindi pare quella di stabilire regole rigide sulla composizione degli asset a supporto di USD Tether (USDT) e le altre stablecoin collateralizzate.

Gli NFT offerti al pubblico a un prezzo fisso sotto forma di biglietti per il cinema, oggetti da collezione digitali di marchi di abbigliamento o oggetti di gioco nei giochi per computer saranno esentati dall’ambito di applicazione del MiCA. Anche se ciò potrebbe cambiare in seguito, stando a quanto affermato dal parlamento .

Le misure contro la manipolazione del mercato

Anche le misure contro la manipolazione del mercato e la prevenzione del riciclaggio di denaro, del finanziamento del terrorismo e di altre attività criminali saranno al centro della nuova legge dell’UE.

L’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) è stata scelta come autorità di regolamentazione incaricata di stabilire linee guida e supervisionare l’industria delle criptovalute.

L’ultima sentenza dell’UE sul MiCA rafforza le misure proposte mercoledì dai responsabili politici che cercano di tracciare i trasferimenti di criptovalute. Senza alcuna esenzione per i trasferimenti di basso valore, su exchange e piattaforme simili.

Entrambi gli atti legislativi vengono pubblicizzati come mezzo per proteggere i consumatori e combattere le frodi. Nonché i casi di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo.

Il relatore Stefan Berger ha detto in una dichiarazione di questo giovedì: “Oggi, mettiamo ordine nel selvaggio West delle criptovalute. Stabiliamo inoltre regole chiare per un mercato armonizzato che fornirà certezza giuridica agli emittenti di criptovalute. Garantirà uguali diritti per i fornitori di servizi e garantirà standard elevati per consumatori e investitori”, afferma il disegno di legge.

“Finora gli asset crittografici, tra i quali figurano le criptovalute, sono state fuori dall’ambito della legislazione e della regolamentazione europea e troppo spesso negli Stati membri esistono leggi divergenti”.