Criptovalute e IoT. Un legame che presso sarà indissolubile. Di criptovalute parliamo sempre, sono disponibili migliaia di contenuti su Criptomercato.it. Ma cos’è l’IoT?

L’internet of Things – citando Wikipedia – fa riferimento all’estensione di internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti, che acquisiscono una propria identità digitale in modo da poter comunicare con altri oggetti nella rete e poter fornire servizi agli utenti.

Le sveglie suonano prima in caso di traffico, i vasetti delle medicine si ribellano se qualcuno non ha consumato i farmaci giusti al momento giusto e così via.

iot internet of thing

Potrebbe sembrare l’inizio di uno di quei film apocalittici dove alla fine le macchine sterminano la razza umana, ma pensiamoci un attimo meglio. In questo articolo rifletteremo sul legame tra criptovalute ed IoT, analizzando il caso studio di IOTA.

Criptovalute e IoT: potenziali casi d’uso 

Per comprendere la necessità di un protocollo come IOTA, bisogna prima comprendere due importanti sviluppi già in atto nell’evoluzione di Internet e della comunicazione in rete. Il primo sviluppo di gravi conseguenze è il sopra menzionato Internet of Things (IoT). Abbiamo già acquisito familiarità con dispositivi come un termostato “intelligente” che può connettersi a un dispositivo mobile, consentendo all’utente di regolare la temperatura della propria casa da remoto.

Gli attuali sistemi intelligenti sono vulnerabili a causa della loro struttura centralizzata: se il servizio centrale si interrompe, ad esempio, non è più possibile regolare la temperatura del termostato. Peggio ancora, se il servizio centrale viene hackerato, milioni di case potrebbero essere manipolate, rendendo i loro interni molto freddi o soffocanti.

Quando si tratta di mercati dei dati, concepiti come parte di un’economia globale da macchina a macchina, la stragrande maggioranza dei dispositivi IoT opera all’interno di amministrazioni centralizzate di proprietà dei giganti delle telecomunicazioni. Ogni azienda gestisce un sistema di cui è proprietario, in silos, che molto raramente è interoperabile. Ciò vale soprattutto per i dati IoT, che raramente vengono scambiati in franchising.

Parole chiave: sicurezza ed affidabilità

Servizi centralizzati, infrastrutture e profili utente si oppongono all’idea di un panorama di scambio di dati affidabile. Questo perché molte fughe di dati e hack si possono verificare tramite singoli punti di errore o di accesso centralizzati.

Questi incidenti non sarebbero realizzabili nel caso di architetture decentralizzate come ad esempio quella di IOTA. Nemmeno le principali società di telecomunicazioni del mercato sono attualmente in grado di garantire l’integrità dei dati al livello in cui sarebbe in grado di farlo un sistema decentralizzato.

In sostanza, le aziende interessate ai mercati dei dati e ai vantaggi di cui potrebbero beneficiare attraverso l’interoperabilità e il commercio di questi, hanno ancora bisogno di accedere a una tecnologia affidabile che non abbia un punto di errore singolo.

Una rete di fiducia open source su un registro distribuito. Questa sembra essere l’unica soluzione praticabile e sicura per un mercato dei dati affidabile. IOTA punta a soddisfare questa esigenza, ed attualmente non ha concorrenza. Soprattutto se si considerano criteri vitali come capacità, velocità e soprattutto costi (IOTA non ha commissioni di transazione).

Le criptovalute non lo sappiamo… ma l’IoT ha un sicuro assicurato

In futuro l’IoT sarà un ambiente onnicomprensivo: la maggior parte dei dispositivi elettronici quasi sicuramente si connetteranno a Internet in qualche modo. Queste connessioni saranno presenti nelle nostre case, uffici, aree pubbliche e ambienti di vendita al dettaglio. E non finisce qui. L’IoT si propone di collegare meglio le nostre città, i sistemi di traffico, i centri di produzione e le catene di approvvigionamento.

Il risultato sarà un maggior pool di dati negoziabili con cui possiamo ottimizzare il potenziale produttivo di ogni cosa, liberando così tempo e risorse affinché le persone si possano concentrare su altre cose. L’intelligenza artificiale richiede dati affidabili su cui basare le sue decisioni. Per creare questa fiducia, è necessaria un’architettura sottostante valida.

Le tecnologie DLT – ovvero i registri distribuiti come la blockchain ed altre tecnologie – sono l’architettura di rete più promettente in grado di supportare in modo fattibile un IoT maturo e un futuro ottimizzato e automatizzato. L’alternativa consiste nell’attuale modello di server centralizzati che amministrano i servizi IoT. Ad esempio, le grandi aziende affermate potrebbero implementare sistemi di traffico intelligente tramite una sorta di servizio di app gratuito collegato alle automobili di consumo. Questo sarebbe tutt’altro che ideale.

L’architettura di rete sottostante deve essere open source, scalabile e conveniente per essere economicamente sostenibile. La registrazione dei dati del veicolo una volta ogni 10 minuti al tasso di 1 centesimo per transazione costerebbe comunque $865 all’anno.

Internet of Value: ecco cos’è e perché è importante 

L’altro aspetto importante dell’evoluzione di Internet già in atto è il cosiddetto Internet of Value. Si tratta di un protocollo Internet in cui il valore può essere liberamente trasmesso allo stesso modo in cui si scambiano oggi le informazioni vengono comunicate oggi. Quando si scambia valore su Internet infatti, la transazione richiede un intermediario, come una banca o un broker.

Quando invii denaro a qualcuno tramite PayPal, ad esempio, c’è l’illusione che tu stia inviando il valore direttamente a quella persona. Ma è PayPal l’autorità centrale che amministra e garantisce queste transazioni, spesso in cambio di commissioni considerevoli. Nell’ internet del futuro, il valore sarà scambiato direttamente tra persone o tra macchine, senza intermediari centralizzati.

L’Internet of Value avrà un enorme potenziale per sbloccare nuove classi di risorse, consentendo alle persone di tutto il mondo di sviluppare flussi di entrate prima inimmaginabili. La rete alla base di questa architettura deve essere sicura, decentralizzata e altamente scalabile per essere un mezzo efficace per lo scambio di valore. Considerando che quei nuovi modelli di business sarebbero costruiti su un Internet of Value gratuito, i costi marginali per la transazione di valore sarebbero zero, il che significa che quei risparmi potrebbero essere utilizzati per finanziare parti più significative del prodotto o servizio.

In entrambi i casi, la IOTA Foundation sta costruendo l’ecosistema che i partner esterni possono utilizzare per implementare questi progressi epocali. I casi d’uso sono infiniti, portando alcuni a definire questi sviluppi come una quarta rivoluzione industriale: un’era di automazione, mercati dei dati e fiducia digitale.

Caso studio del legame potenzialmente vincente tra criptovalute e IoT: IOTA

Abbiamo parlato della teoria. Adesso passiamo alla pratica: quali prodotti e/o servizi possono essere concretamente utili per migliorare i problemi sopra citati? Vediamone alcuni.

Firefly: ecco che cos’è

Firefly è l’ultima versione del wallet crittografico di IOTA. Il portafoglio Firefly è il punto di ingresso ufficiale e la base di partenza per chiunque possieda token IOTA. L’architettura alla base del Firefly Wallet è modulare, il che significa che i nuovi moduli saranno resi disponibili con ulteriori progressi nell’ecosistema e i vecchi moduli saranno aggiornati o sostituiti secondo le necessità.

Cos’è Stronghold

Stronghold è un protocollo di sicurezza creato per proteggere i semi IOTA nell’ambiente Firefly Wallet. Tuttavia, come la maggior parte dei prodotti realizzati da IOTA, Stronghold è open-source e la sua libreria software è disponibile per chiunque abbia bisogno di proteggere segreti, risorse digitali o informazioni personali.

Stronghold contiene un livello di comunicazione peer-to-peer, che consente a varie app di scambiarsi informazioni sicure. Stronghold sarà anche integrato nel framework IOTA Identity. La sua principale caratteristica di sicurezza è proteggere l’elaborazione e la gestione dei segreti crittografici in modo sicuro per la memoria, non diversamente dai popolari portafogli hardware.

Cos’è IOTA Access

IOTA Access è un framework open source che consente alle aziende, alle organizzazioni e ai privati ​​di sviluppare sistemi di controllo degli accessi per l’uso di dispositivi abilitati all’IoT. IOTA Access fornisce a chiunque un livello dettagliato di controllo su una determinata rete di dispositivi intelligenti.

Tale rete potrebbe assumere molte forme, dai sistemi di accesso in orari del giorno specifici, all’accesso controllato alla rete Wi-Fi in un bar. Il framework è progettato per essere leggero e sicuro con requisiti energetici molto bassi, in modo che la configurazione dei dispositivi intelligenti rimanga il più flessibile possibile.

Smart Contract su IOTA

I contratti intelligenti basati sull’ISCP (IOTA Smart Contracts Protocol) sono accordi tra due o più parti che vengono eseguiti sulla rete IOTA. Mentre i contratti convenzionali richiedono agli intermediari di stabilire fiducia e certificare che i termini e le condizioni sono stati rispettati, i contratti intelligenti eseguono gli accordi automaticamente una volta soddisfatte le condizioni iniziali. Le parti concordano i termini dell’accordo come in un contratto tradizionale, ma l’esecuzione dello smart contract avviene all’interno e attraverso la rete. Finché i termini e le condizioni del contratto sono registrati all’interno della rete, l’esecuzione è un processo automatico. Sia che si tratti del pagamento dei servizi resi o del trasferimento di un titolo o atto.

DeFi su IOTA

Sebbene IOTA sia stato originariamente progettato per essere un protocollo di rete standard per i casi d’uso IoT, ci sono anche diversi attributi che lo rendono un ottimo protocollo per le applicazioni DeFi. Il principale tra questi attributi è l’architettura di transazione gratuita di IOTA. Le tariffe, quando necessarie, sono determinate solo dall’emittente del contratto o del servizio. Un’altra caratteristica notevole di IOTA è la flessibilità della rete, sia in termini di scalabilità che di leggerezza e adattabilità del protocollo.

IOTA non è l’unico progetto che sta cercando soluzioni sostenibili per quanto riguarda l’IoT, e cosa ben più importante,  questo non è un consiglio finanziario.