L’azienda statunitense di venture capital Andreessen Horowitz pubblica un rapporto sull’adozione delle criptovalute: siamo ancora in anticipo.

Adozione: agli utenti esperti di criptovalute piace raccontare e raccontarsi, a volte scherzosamente, quanto siamo ancora in anticipo.

fondo investimento criptovalute

Indovina un po’: lo State of Crypto Report 2022 di a16z – o Andreessen Horowitz che dir si voglia – è d’accordo con loro. Il rapporto pubblicato dal fondo Andreessen Horowitz ha cinque aspetti chiave, uno dei quali è che l’adozione della blockchain è davvero ancora nelle sue fasi iniziali. Vediamo cosa dice nel dettaglio.

Secondo il fondo di investimenti a16z sull’adozione delle criptovalute siamo ancora in anticipo

Secondo il rapporto, oggi ci sono da sette a 50 milioni di utenti attivi di Ethereum. Confrontandolo con l’adozione di Internet, l’adozione della blockchain è attualmente nel 1995, o addirittura prima (per coloro che se lo ricordano). Il traguardo del miliardo di utenti Internet è stato raggiunto solo nel 2005, il che significherebbe il 2031 per la tecnologia blockchain.

Alcuni passaggi del rapporto – che vi lasciamo in fondo a questo articolo – sono stati molto interessanti.

Secondo a16z, il mercato delle criptovalute è attualmente al suo quarto ciclo di innovazione dei prezzi. A differenza di altri settori, i prezzi delle criptovalute sono un indicatore importante: i prezzi salgono, ci sono picchi di interesse, nuove startup iniziano a sviluppare nuove idee e ad eseguirle, e tutto quello che riguarda un ciclo rialzista. Alla fine la bolla scoppia, ma solo per entrare in un nuovo ciclo. Un indicatore di tutto questo è la massiccia ondata di attività sui social media e di sviluppo per le criptovalute.

Un altro aspetto positivo sono stati i tassi di acquisizione significativamente migliori del web3 rispetto a web2. Mentre gli utenti si lamentano del fatto che OpenSea prenda il 2,5% di commissione, giganti del web2 come YouTube e Instagram hanno tassi di acquisizione fino al 100%. Questo significa che gli utenti non ottengono nulla del valore che creano. Il rapporto concludeva che il “Web3 è attualmente minuscolo ma potente“.

DeFi, Ethereum ed altre blockchain

L’impatto nel mondo reale delle criptovalute sta appena iniziando a prendere forma. Secondo a16z, la DeFi – come settore – è la 31a banca statunitense per totale di asset in gestione. Quindi le criptovalute hanno “a malapena scalfito la superficie di ciò che è possibile“.

Infine, lo State of Crypto Report 2022 vede Ethereum come il leader indiscusso delle blockchain, anche se deve combattere con la concorrenza. Ethereum ha 4.000 sviluppatori attivi mensili rispetto ai 1.000 di Solana e ai 500 di Bitcoin, sebbene Solana stia tracciando approssimativamente il percorso di crescita di Ethereum.

Ethereum inoltre incassa la maggior parte delle commissioni di transazione, il che significa che lo spazio blockchain sulla sua chain è molto richiesto. Le commissioni notoriamente elevate sono dovute anche alla priorità di decentralizzazione rispetto al ridimensionamento di Ethereum, qualcosa che le soluzioni Layer 2, shard chain e sidechain stanno cercando di risolvere. Il rapporto conclude dicendo che alla fine ci saranno molti vincitori grazie allo “spazio per l’innovazione“.

Puoi scaricare State of Crypto Report 2022 qui.