Home Criptovalute Criptovalute: i bitcoin e “le sue sorelle” incarnano una forza positiva nel...

Criptovalute: i bitcoin e “le sue sorelle” incarnano una forza positiva nel dramma della guerra. Non crederai a ciò che accade

Le criptovalute, e più che mai la regina delle monete digitali, ovvero il Bitcoin, affrontano spesso “le onde anomale” delle oscillazioni e dell’instabilità.

Le criptovalute, oltre tutto, rischiano ogni giorno i colpi di scure delle severe leggi dei Governi sui controlli delle transazioni della new economy.

Nel contempo, però, mai come in questo momento, stanno mostrando al mondo che hanno la capacità di essere una forza positiva. Una forza capace di guidare e sostenere le masse nei momenti drammatici di un conflitto come quello russo-ucraino.

Criptovalute e Bitcoin: una forza positiva e apolitica nel drammatico momento della guerra

Bitcoin sembra aver trovato davvero la sua vocazione. Mentre gli ucraini affrontano un’escalation di violenza per mano delle forze russe, la principale criptovaluta del mondo è diventata uno strumento chiave per aggirare i sistemi finanziari centralizzati. Inoltre è capace di immagazzinare ricchezza e raccogliere fondi nel bel mezzo di un disastro umanitario in corso.

Criptovalute: i sospetti di Washington

Washington, da una parte, guida le sanzioni mondiali contro quelle che ha descritto come “le élite russe e i loro familiari”. In tal senso alcuni hanno espresso preoccupazione per il fatto che la presunta natura oscura di criptovalute, come il bitcoin, potrebbe consentire al presidente Vladimir Putin e ai suoi amici di eludere quegli embarghi.

Criptovalute: l’ansia del mondo politico statunitense

La senatrice Elizabeth Warren è tra coloro che hanno espresso la sua inquietudine, chiedendo al Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti di spiegare come reprimerà tutto questo.

Le severe leggi contro i contrabbandieri delle cripto

Non deve però preoccuparsi. Le forze dell’ordine statunitensi hanno già dimostrato di essere abbastanza abili nel rintracciare i contrabbandieri di criptovalute e nel catturare i criminali.

Investigatori del digitale sempre al lavoro

L’hacking della Colonial Pipeline Co. dall’anno scorso si è rivelato un momento d’oro per il Federal Bureau of Investigation. Dopo aver bloccato e crittografato i file dell’operatore del gasdotto, gli autori hanno chiesto il pagamento in bitcoin. L’hanno capito. E tutto questo ha lasciato una traccia digitale da seguire per gli investigatori.

Ogni transazione è legata al portafoglio di origine e di destinazione e quindi archiviata pubblicamente sulla blockchain. Nel giro di un mese, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti aveva sequestrato il riscatto di 63,7 bitcoin, per un valore all’epoca di 2,3 milioni di dollari.

Criptovalute: la trasparenza del bitcoin vince sull’illegalità

Per quanto riguarda le transazioni finanziarie, bitcoin è il più trasparente possibile. Ci vuole un po’ di investigazione in più per scoprire il proprietario del portafoglio, ma le regole antiriciclaggio fanno in modo che che la maggior parte degli scambi di criptovalute in tutto il mondo ha un database che collega gli account alle persone.

Preoccupazioni infondate?

Aggiungi a tutto ciò, il commercio relativamente esiguo di criptovalute rispetto al giro d’affari giornaliero nelle principali valute legali come il dollaro USA o l’euro. Di conseguenza, i cittadini preoccupati come il senatore Warren possono essere certi che i ricchi oligarchi non porteranno facilmente le loro vaste fortune fuori dalla Russia sotto la copertina di un registro pubblico.

Questo non vuol dire che sia impossibile. Alternative meno popolari come monero e DASH offrono un anonimato molto maggiore, ma hanno un fatturato e una capitalizzazione di mercato molto inferiori. La capitalizzazione di mercato di Monero è stata di recente di soli $2,8 miliardi, con i dati CoinMarketCap che mostrano un fatturato giornaliero di circa $ 125 milioni. Usare tali valute per “spostare denaro nell’ombra” sarebbe una bella sfida.

Criptovalute: ecco finalmente la svolta per i bisognosi

Eppure bitcoin ed ether hanno dimostrato di essere un vantaggio per i più bisognosi. Il commercio della grivna ucraina contro quei due, così come la stablecoin legata al dollaro USA, è aumentato nei giorni precedenti l’invasione. E’ accaduto quando i cittadini cercavano un posto sicuro e portatile dove mettere i propri risparmi.

Con le forze russe che bombardano gli edifici e attaccano le infrastrutture, l’accesso al sistema finanziario legacy, inclusi i pagamenti elettronici e le macchine per l’erogazione di contanti, non poteva più essere garantito. Ma una volta che la fiat viene convertita in criptovaluta e archiviata, su un telefono o un dispositivo hardware, quei soldi potrebbero essere tenuti al sicuro.

In fuga dalla guerra con la “risorsa” delle cripto

A poche settimane dall’invasione, milioni di ucraini sono fuggiti dal paese con poco più di un bagaglio e dei vestiti addosso. Non è chiaro quanti abbiano convertito i loro soldi in criptovalute, ma quelli che l’hanno fatto sarebbero stati in grado di portare quei soldi oltre il confine. Tutto ciò in un frangente del genere è certamente fattore non da poco.

I russi, nel frattempo, stavano anche conservando almeno parte della loro ricchezza in mezzo a un rublo in caduta e in attesa del collasso economico. È discutibile che le misure volte a punire i powerbroker dentro e intorno al Cremlino non fossero progettate per ferire i normali cittadini russi.

Bitcoin ancora di salvezza?

Quindi l’esistenza del bitcoin era vista come un’ancora di salvezza. Sebbene inizialmente si rifiutassero di imporre sanzioni ai propri clienti, perché “andrebbe contro il motivo per cui esiste la crittografia”. Gli scambi in seguito hanno affermato che avrebbero seguito le regole e bloccato coloro che si ritiene siano coinvolti in attività vietate.

In un lungo post sul blog, il fondatore e amministratore delegato di Binance Holdings Ltd. Changpeng “CZ” Zhao ha notato che avrebbe rispettato gli embarghi, ma non avrebbe bandito gli utenti russi all’ingrosso perché non ha alcuna autorità in tal senso. Quell’azione, insieme a Coinbase Global Inc. che ha annunciato di aver bloccato più di 25.000 indirizzi di portafoglio.

L’industria delle criptovalute pronta e disposta ad agire come una comunità globale responsabile

E poi ha mostrato alle autorità di regolamentazione globale che, anziché essere un veicolo per transazioni illecite, l’industria delle criptovalute era pronta e disposta ad agire come una comunità globale responsabile.

Una terza area in cui la criptovaluta ha avuto uno scopo utile durante la guerra in Ucraina è quella di finanziare le difese della nazione.

Quei fondi in cripto che hanno dato forza all’esercito ucraino

Centinaia di migliaia di donazioni digitali individuali per un totale di decine di milioni sono state ricevute dal governo di Kiev e da un’organizzazione che fornisce supporto ai militari, secondo il fornitore di analisi Elliptic Enterprises Ltd.

Fondamentalmente, sempre più fornitori accettano valute come bitcoin ed ether. Tutto ciò alle forze armate della nazione di acquistare rapidamente beni come cibo, carburante e giubbotti antiproiettile, ha riferito di recente CoinDesk, citando il viceministro ucraino per la trasformazione digitale, Alex Bornyakov.

E poi eccoli, i token non fungibili

I token non fungibili, “cugini” delle criptovalute, vengono utilizzati anche per aiutare ad aumentare i titoli di guerra, osserva Trung Phan in una recente colonna di Bloomberg Opinion.

Invece di offrire grandi rendimenti agli acquirenti del debito ucraino, il governo potrebbe invece distribuire risorse digitali. Queste ultime potrebbero essere scambiate con vantaggi accessori come viaggi scontati o opere d’arte.

Dopo aver “combattuto” contro la cattiva reputazione di essere “il selvaggio West” del settore finanziario negli ultimi dieci anni, la comunità globale delle criptovalute è ad una svolta.

Si trova, infatti, sul punto di mostrare al mondo che davvero può soddisfare le esigenze di più parti interessate ed essere una forza apolitica per sempre.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo