Un’agenzia governativa australiana e un miliardario di Sidney hanno citato in giudizio la società madre di Facebook, accusando apertamente i creatori del social network più popolare al mondo di non aver fatto abbastanza per proteggere i consumatori dalle truffe, lasciandoli liberi di appropriarsi dei nomi delle celebrità sulla piattaforma più popolare e potente dei social media.

Facebook: cosa succede in Australia?
Celebrità e Governo australiani sul piede di guerra contro Facebook

Quella dei furti di identità, soprattutto per quanto riguarda i personaggi famosi, rappresenta una piaga contro la quale Facebook, almeno fino a questo momento, è stata capace di fare ben poco.

Facebook: celebrità e personaggi della finanza furiosi contro il più popolare dei social network

Se poi, coloro che rubano le identità delle celebrità, utilizzano addirittura questa copertura per costruire truffe crittografiche e far cadere nelle trappole ignari utenti, allora la situazione diventa seriamente preoccupante.

Facebook: in Australia truffe crittografiche all’ordine del giorno

Questo perché in ballo non c’è solo la credibilità di persone in vista, ma soprattutto perché il loro nome viene associato a crimini informatici studiati ad arte.

Facebook: in Australia il caso Andrew Forrest

Andrew Forrest, la seconda persona più ricca d’Australia, afferma di aver cercato per anni di convincere Facebook a difendere la sua identità e con essa la sua integrità, mentre le sue foto venivano incollate su falsi annunci pubblicitari sulla piattaforma dei social media, attirando gli utenti in vere e proprie truffe crittografiche.

Migliaia di utenti ingannati su transazioni pericolose da “falsi” personaggi famosi

Piché gli ignari consumatori, ingannati per migliaia di dollari, lo hanno contattato per lamentarsi, Forrest non ha avuto successo nel tentativo di convincere Facebook a rimuovere gli annunci. E’ quanto sostiene il magnate australiano nei contenuti di una lettera inviata direttamente a Mark Zuckerberg in persona e rimasta addirittura senza risposta.

Il miliardario dei minerali Forrest in guerra contro Facebook

“Nel frattempo gli australiani innocenti… hanno continuato a investire sotto il mio nome”, afferma con rammarico e profondo senso di impotenza Forrest, fondatore e presidente del Fortescue Metals Group.

Forrest ha intentato quella che viene definita una “procedura privata” contro Meta – il nuovo nome aziendale di Facebook – ai sensi della legge australiana, che consente alle persone di sporgere denuncia penale contro altre persone o società.

Le accuse contro Facebook Australia: impotente contro i truffatori

Nella denuncia, Forrest sostiene che le azioni della società erano in contrasto con le leggi australiane antiriciclaggio. Questo perché non ha adottato misure sufficienti per impedire ai criminali di utilizzare la sua piattaforma per frodare gli utenti australiani con veri e propri annunci truffa.

Un mese dopo, l’agenzia governativa australiana, l’Australian Competition and Consumer Commission, ha fatto eco alle sue affermazioni in una causa separata, sostenendo che il gigante dei social media si è impegnato in una condotta falsa, fuorviante e ingannevole pubblicando annunci falsi.

Facebook Australia si difende sugli omessi controlli

La maggiore responsabilità che viene attribuita a Zuckenberg sarebbe quella di non avere opportunamente verificato la veridicità di questi annunci, lasciandosi a sua volta ingannare sulla loro provenienza.

Ma può il Re del social network più potente del mondo permettersi di commettere errori di questo genere, che compromettono la credibilità di un uomo in vista ma soprattutto lasciano campo libero a criminali senza scrupoli?

Una piaga che riguarda anche altri Paesi

Tali truffe non avvengono solo in Australia. Fino a febbraio scorso, annunci truffa su Facebook presentavano false criptovalute presumibilmente supportate addirittura da colossi quali Amazon e Tesla e individui tra cui Warren Buffett.

Possibile che Facebook prima di pubblicare annunci mendaci con scopi di raggiri e con finalità quindi tutt’altro che etiche, non svolga le opportune indagini contattando magari i diretti interessati?

In diversi casi, c’erano persino annunci che includevano un’immagine di Mark Zuckerberg, CEO di Meta, invogliando gli utenti a investire in un nuovo “Meta token”.

Una battaglia legale in corso

Le affermazioni avanzate da Forrest e dall’agenzia australiana per la protezione dei consumatori lasciano intendere che, per la prima volta, una giurisdizione ha tentato di ritenere Facebook responsabile per i contenuti pubblicati sul suo sito, cosa che gli Stati Uniti non sono stati finora disposti a fare.

Sommosse popolari in vista contro Facebook?

“L’insoddisfazione per le piattaforme di social media sta crescendo in tutto il mondo”, afferma Paul Barrett, NYU Stern Center for Business and Human Rights, “e che gli Stati Uniti sono molto indietro rispetto a una serie di altre giurisdizioni.

L’Australia è una di queste, l’UE è una giurisdizione molto più ampia e influente rispetto agli Usa che sembrano fare orecchie da mercante, che si è spostata verso una maggiore regolamentazione e supervisione “.

Quanto sono efficaci le politiche difensive di Zuckerberg e company?

In una dichiarazione inviata via e-mail, un portavoce di Facebook ha affermato che la società ha collaborato alle indagini dell’ACCC e intende difendersi dal contenzioso in corso.

“Non vogliamo annunci che cercano di truffare le persone senza soldi o fuorviare le persone su Facebook. Violano le nostre politiche e non fanno bene alla nostra comunità”, avrebbe detto il portavoce di Facebook. “Utilizziamo la tecnologia per rilevare e bloccare gli annunci truffa e lavoriamo alacremente ogni giorno per anticipare i tentativi dei truffatori di eludere i nostri sistemi di rilevamento”.

Per la prima volta una intera nazione contro il Re dei Social

Lunedì scorso, Facebook doveva comparire in un’udienza iniziale per il procedimento penale di Forrest in un tribunale di Perth, ma non si è presentata, spingendo il tribunale a dichiararsi non colpevole per conto dell’azienda.

Simon Clarke, un membro del team legale di Forrest, afferma di aver ricevuto una lettera dai rappresentanti di Facebook in cui si affermava che la società non si sarebbe presentata perché riteneva che il tribunale non avesse giurisdizione.

La prossima udienza è prevista per il 17 giugno. “Sostenere che, anche se fanno fortuna con gli australiani, non devono difendersi davanti al tribunale dell’Australia occidentale”, afferma Forrest, è davvero l’atteggiamento più grave che possa esistere”.

Le pesanti accuse di negligenza

Forrest in precedenza aveva presentato una denuncia civile separata a settembre presso la Corte Superiore della California, nella contea di San Mateo. Aveva sostenuto che Facebook aveva aiutato e favorito la frode ed era stato negligente nell’avvertire gli utenti perché inviava loro annunci di truffa mirati.

Gli avvocati di Facebook hanno risposto all’inizio di questo mese che la società si sente al sicuro, rispetto alle affermazioni di Forrest, citando una legge della Sezione 230 del Federal Communications Decency Act.

Si tornerà presto in tribunale

Si tratta della normativa che esonera la responsabilità delle società Internet dai contenuti di terze parti pubblicati sulle loro piattaforme. I contenuti della norma sostengono che “organizzare, raccomandare e amplificare -il contenuto del partito non è la stessa cosa che crearlo.

La prossima udienza è fissata per il 22 aprile prossimo quindi a breve.

Forrest, l’uomo dei 19 miliardi di dollari, non ci sta

Forrest non è l’ultimo arrivato e non intende continuare a subire un anno di immagine del genere. E’ uno che ha fatto fortuna nel settore minerario e vale 19 miliardi di dollari secondo una stima di Forbes.

Fa parte di un gruppo di personaggi pubblici e celebrità australiani. Tra questi ci sono  l’ex premier del New South Wales Mike Baird, il popolare conduttore televisivo David Koch e l’imprenditore Dick Smith.

Tutti sono finiti nella trappola degli annunci truffa addirittura in veste di promotori di questi ultimi.

Forrest ha appreso per la prima volta che la sua immagine era stata utilizzata nel 2019, quando, dice, gli utenti di Facebook lo hanno contattato dicendo di essere stati truffati.

Secondo l’ACCC, i tipici annunci di truffa hanno invogliato gli utenti a fare clic su un sito Web di terze parti con un articolo di media falso che includeva citazioni false e immagini di celebrità.

Queste approvavano il prodotto di criptovaluta pubblicizzato.

Dopo la registrazione, gli utenti sono stati quindi contattati da truffatori che li hanno spinti a consegnare denaro.

La lettera privata a Zuckerberg e la risposta mai arrivata

Forrest afferma di non essere riuscito a contattare i dirigenti australiani di Faceboo. Questo lo ha spinto a a scrivere una lettera aperta al CEO di Meta Mark Zuckerberg nel 2019.

Forrest lo aveva incontrato in precedenza attraverso iniziative legate al Giving Pledge.

Si tratta di una campagna che incoraggia i mega-ricchi devolvere la maggior parte della loro ricchezza a cause filantropiche.

Quando Forrest ha finalmente sentito i dirigenti di Facebook in Australia, sostiene che gli è stato detto “codswallop” – gergo australiano che equivale ad accuse “spazzatura”.

Ovvero Facebook si è difeso sostenendo che non aveva gli algoritmi per identificare le truffe.

“Come puoi essere Facebook e non avere nel tuo staff una persona specializzata che identifica tutto ciò?”, avrebbe detto.

Perdite di centinaia di milioni di dollari

In un caso, un utente di Facebook ha perso $ 650.000 nella truffa, secondo l’ACCC.

In molti casi, ha affermato l’ACCC, Facebook non ha ancora rimosso gli annunci truffa dopo essere stato avvisato dalle celebrità coinvolte negli annunci falsi.

Nella sua affermazione, l’agenzia sostiene che “la tecnologia di Meta ha fatto diventare il buco una voragine.

Tutto questo è avvenuto perché ha consentito a questi annunci di essere indirizzati agli utenti che hanno maggiori probabilità di interagire con essi”.

Inoltre Meta non è riuscita a rilevare e prevenire lo spam e proteggere i suoi utenti dalle truffe.

I grattacapi legali di Facebook

L’ACCC, che ha presentato la sua denuncia il 18 marzo, è solo l’ultimo grattacapo legale per Facebook in Australia. 

L’agenzia aveva già citato in giudizio la società nel 2020 accusandola di aver raccolto dati degli utenti senza autorizzazione. 

Quindi, nel febbraio 2021, l’Australia ha promulgato una legge specifica. Quest’ultima obbligherebbe addirittura Facebook e Google a negoziare i pagamenti agli editori per i contenuti di notizie condivisi sulle loro piattaforme.

Il Governo australiano e le leggi anti-Facebook

La mossa ha causato scalpore e ha spinto Facebook a chiudere i suoi servizi di notizie per gli utenti australiani. Poi ha potuto ripristinare la funzione solo dopo che ha accettato di pagare alcuni editori.

Ma cosa fanno gli Stati Uniti?

Situazione ben diversa negli Usa. Gli Stati Uniti restano molto indietro nella battaglia contro “le sviste” di Facebook, nonostante l’impegno per regolamentare le aziende tecnologiche. Senza dimenticare che il Governo Biden si è mosso per riscrivere la Sezione 230 del Federal Communications Decency Act.

Ma è improbabile che l’azione australiana contro Facebook provochi un “eco” di azioni legali rivendicative da parte degli Stati Uniti sulle truffe crittografiche.

Tuttavia i nodi verranno al pettine e presto il presunto “lassismo” di Facebook potrebbe scatenare una campagna di ribellione anche negli Usa.