Un giocatore di poker è stato accusato di aver rubato Bitcoin del valore di $500.000 da un investitore di criptovalute inesperto.

Filippos Liakounakos è stato accusato di furto e utilizzo dell’identità di un’altra persona. Lo avrebbe fatto causando una perdita finanziaria al soggetto in questione.
bitcoin poker furto truffa
La vittima era stata avvicinata da un “socio in affari” che conosceva tramite Telegram. Avrebbero accettato insieme di completare una transazione crittografica. Ma dietro questo contatto Telegram non c’era la persona che la vittima credeva ci fosse. Vediamo cos’è successo.

Il giocatore di poker che ha rubato mezzo milione in Bitcoin: ecco cos’è successo

Filippos Liakounakos è stato accusato di aver rubato Bitcoin del valore di $500.000 da un investitore di criptovalute inesperto.

Ha trasferito $500.000 in BTC, inclusa una “commissione del venditore” di $50.000. Successivamente ha rassicurato la vittima dicendogli che avrebbe ricevuto contanti come compenso.

Ma quando la vittima lo ha contattato il giorno successivo, il socio in affari non aveva idea di questa transazione. Subito è diventato chiaro che l’impostore avesse rubato l’identità del suo amico.

Gli investigatori hanno tentato di rintracciare il Bitcoin rubato dopo l’incidente nel novembre 2020. Ma il ladro ha effettuato molte transazioni per nascondere le tracce su dove stesse andando effettivamente la criptovaluta.

C’era il concreto timore che la pista per dare la caccia al truffatore si stesse raffreddando. Ma all’improvviso la vittima è stata contattata ancora una volta dal ladro su Telegram nel dicembre 2020.

Questa volta, la vittima senza nome è riuscita a salvare un indirizzo e-mail dal truffatore, consentendo agli investigatori di eseguire mandati di perquisizione e dare la caccia a Liakounakos.

Il sospettato compare in tribunale

Liakounakos è apparso mercoledì alla Corte di giustizia di Las Vegas.

Il giudice si è detto preoccupato che il 23enne, originario della Florida, potesse avere “alcuni contatti” in Nevada. Questo poteva potenzialmente rappresentare un rischio di fuga.

L’opzione di cauzione presentata a Liakounakos era di $100.000, a condizione che si sottoponesse al monitoraggio elettronico e rimanesse in zone vicine in attesa del processo.

Durante l’udienza, è emerso che Liakounakos aveva svolto ricerche dettagliate sui multimilionari che vivono in Nevada.

Il pubblico ministero ha affermato che il sospettato avrebbe preso di mira degli individui con un patrimonio netto elevato. Li ha identificati e ha rubato l’identità di loro conoscenti.

Il vice procuratore distrettuale della contea di Clark, Jim Sweetin, ha detto:

Questo è un furto molto sofisticato, organizzato al meglio“.

Gli investigatori stanno continuando a indagare sul passato di Liakounakos.

Josh Tomsheck, che sta difendendo Liakounakos, ha detto che il suo cliente studia presso un’università a Miami e non ha precedenti penali.

Staremo a vedere.