DOT, il token nativo della rete Polkadot, ha tre funzioni chiave. Andiamo a vedere quali sono e come funziona l’intero ecosistema.

DOT è inflazionistico, il che significa che, a differenza di Bitcoin, non esiste un numero massimo di DOT.

polkadot token dot

Prima di inoltrarci nell’articolo, elenchiamo brevemente le tre funzioni principali del token nativo DOT: governance, staking, bonding.

Governance

I possessori di token Polkadot hanno il controllo completo sul protocollo. Tutti i privilegi, che su altre piattaforme sono esclusivi dei minatori, saranno concessi ai partecipanti alla catena di collegamento (titolari DOT), inclusa la gestione di eventi eccezionali come aggiornamenti e correzioni del protocollo.

Staking di DOT

La teoria dei giochi incentiva i possessori di token a comportarsi in modo onesto. I partecipanti vengono premiati da questo meccanismo, mentre i malintenzionati perderanno la loro partecipazione alla rete. Ciò garantisce che la rete rimanga sicura.

Bonding di DOT

Nuove parachain vengono aggiunte tramite token di legame. Le parachain obsolete o non utili vengono rimosse rimuovendo i token legati. Questa è una forma di prova di partecipazione.

DOT e l’inflazione

Come anticipato, non esiste un numero fisso di DOT, ma a differenza di Bitcoin è soggetto a inflazione. Il tasso di inflazione non è fisso. È progettato per essere del 10% nel primo anno.

I DOT generati vengono utilizzati in parte come premi per i validatori, mentre il resto va al Tesoro. L’unità di conto più piccola nell’ecosistema è un Planck, equivalente a 0,0000000001 DOT.

La tesoreria di Polkadot, come accumula i DOT

La tesoreria raccoglie fondi incanalando alcuni dei premi dei validatori e una frazione delle commissioni di transazione e dalle “sanzioni” (la multa pagata da un validatore che agisce in modo malizioso o incompetente).

Questi fondi vengono utilizzati per pagare il buon funzionamento della rete e dell’ecosistema in generale e possono essere utilizzati per finanziare progetti sostenuti dalla comunità attraverso proposte di finanziamento del tesoro a catena, che possono essere approvate dal Polkadot Council.

La governance di Polkadot

Polkadot ha un sofisticato sistema di governance in cui tutti i possessori di DOT possono avere voce in capitolo.

I titolari di DOT possono registrarsi per essere presi in considerazione per il Polkadot Council, che attualmente è composto da 13 membri con un termine fisso di sette giorni. Il ruolo del Consiglio è rappresentare le parti interessate passive, presentare proposte importanti e, in circostanze eccezionali, annullare proposte pericolose o dannose (che possono essere annullate solo con voto unanime).

Le proposte di modifiche alla rete possono essere suggerite da un singolo titolare di DOT o dal Consiglio. Entrambi devono essere approvati da un referendum ponderato per la posta in gioco.

Esiste un comitato tecnico con l’unico scopo di rilevare problemi come bug nel codice e accelerare gli aggiornamenti di emergenza o le modifiche alla chain. Questo comitato è composto dai team che hanno implementato o specificato formalmente il protocollo in Polkadot e può essere aggiunto o rimosso con un voto a maggioranza dal Consiglio.

Governance delle parachain

Le community su Polkadot governano la propria rete come desiderano e hanno un interesse trasparente nel futuro della governance della rete di Polkadot nel suo insieme.

I team delle parachain possono personalizzare e ottimizzare la governance della loro blockchain in base alle loro esigenze, sperimentare nuove idee o scambiare moduli predefiniti per un’implementazione più rapida. I modelli di governance blockchain possono anche essere perfezionati e aggiornati man mano che le esigenze e le condizioni cambiano.

Aggiornamenti senza hard fork

Come tutti i software, le blockchain necessitano di aggiornamenti per rimanere pertinenti e migliorare nel tempo. Tuttavia, l’aggiornamento delle catene convenzionali spesso porta ai cosiddetti hard fork, che creano due cronologie di transazioni separate che possono dividere una comunità in due e spesso richiedere mesi di lavoro.

Polkadot abilita aggiornamenti forkless on-chain, consentendo al sistema di governance on-chain della rete di aggiungere nuove funzionalità e ottimizzazioni e correggere i bug in modo più trasparente e continuo, mantenendo il consenso della rete ed evitando la frammentazione. Le parachain costruite con il framework blockchain Substrate di Parity hanno anche accesso agli aggiornamenti forkless.

Ciò significa che, come le app convenzionali sui nostri telefoni, le parachain possono essere facilmente aggiornate, consentendo loro di adattarsi rapidamente all’evoluzione della tecnologia.

Interoperabilità

A differenza delle reti precedenti che operavano principalmente come ambienti standalone, Polkadot offre interoperabilità e comunicazione cross-chain. Le reti e le applicazioni su Polkadot possono condividere informazioni e funzionalità senza dover fare affidamento su fornitori di servizi centralizzati.

Ciò apre le porte a nuovi servizi innovativi e consente agli utenti di trasferire informazioni tra catene. Ad esempio, una catena che fornisce servizi finanziari può comunicare con un’altra che fornisce l’accesso a dati del mondo reale (noti come una catena di oracoli) come i feed dei prezzi di borsa per il trading di azioni tokenizzate.