In un mondo multi-blockchain, l’interoperabilità sarà una funzione preziosa e Polkadot si pone come tutto fare del mondo cripto.

Polkadot è una blockchain di nuova generazione e un protocollo di livello 0 che unisce più blockchain specializzate in una rete unificata e scalabile. Polkadot è stato progettato come parte di un’ampia visione per un Web equo, sicuro e resiliente che protegga gli interessi degli utenti fin dalla progettazione (Web 3.0).

polkadot

Se il mercato degli smart contract è frammentato su una serie di blockchain, che si concentrano su casi d’uso specifici, Polkadot potrebbe diventare parte integrante dell’economia blockchain.

Cos’è Polkadot e qual è il suo scopo

Polkadot è progettato per consentire alle persone di riprendere la proprietà delle proprie informazioni digitali da potenti terze parti. Abilitando un Web in cui i nostri dati sono protetti in modo sicuro dalle autorità centrali e dai monopoli di Internet.

Fornendo le basi per un fiorente ecosistema di blockchain di livello 1, Polkadot consente a nuovi modelli di business, servizi, organizzazioni e persino intere società ed economie di prendere forma e prosperare nel futuro.

In breve, Polkadot mira a portare la promessa rivoluzionaria della tecnologia blockchain al livello successivo. Fornendo un modo per diverse blockchain appositamente costruite per connettersi all’interno di un ecosistema scalabile e sbloccare una comunicazione cross-chain sicura.

In parole povere, Polkadot è una “blockchain di blockchain, che consente a molti diversi tipi di catene di lavorare e interagire in modo sicuro insieme all’interno dello stesso ecosistema.

La storia del progetto

Polkadot è stato concepito dal whitepaper pubblicato nel 2016 dal Dr. Gavin Wood, co-fondatore ed ex CTO di Ethereum, e creatore del suo linguaggio di programmazione Solidity.

Nel 2017, il Dr. Wood ha co-fondato la Web3 Foundation allo scopo di ricerca e sviluppo di tecnologie web decentralizzate, incluso Polkadot. Lui e l’ex capo della sicurezza di Ethereum Jutta Steiner hanno anche co-fondato Parity Technologies. Che ha poi svolto la maggior parte del lavoro di sviluppo sulla tecnologia di base di Polkadot, come descritto nel whitepaper.

La prima versione di quella che sarebbe diventata la base di codice Polkadot è stata rilasciata nel 2019 come Kusama, una rete canadese non certificata. Kusama funge da banco di prova con reali incentivi economici per la tecnologia di Polkadot ed è una rete indipendente a sé stante che continuerà ad esistere in modo indipendente ed evolversi secondo la direzione della propria comunità decentralizzata.

La sua nascita: maggio 2020

Il blocco di genesi di Polkadot è stato lanciato a maggio 2020 come rete di prova di autorità (PoA), con governance controllata dal singolo account Sudo (superutente). Durante questo periodo, i validatori hanno iniziato a unirsi alla rete e a segnalare la loro intenzione di partecipare al consenso.

La rete si è rapidamente evoluta per diventare una rete proof-of-stake (PoS) nel giugno 2020. Con la catena protetta dalla comunità decentralizzata di validatori, il modulo Sudo è stato rimosso nel luglio 2020, passando la governance della catena nelle mani di i titolari di gettoni (DOT).

Il processo di implementazione delle parachain, le blockchain specializzate di livello 1 che rendono Polkadot una rete multichain, è iniziato a dicembre 2020 con il lancio della testnet Rococo parachain. Rococo è progettato per testare il processo di consenso delle parachain, nonché quelli costruiti dalla comunità e dalla loro interazione reciproca. Le parachain sono stati lanciate nella primavera del 2021.

L’architettura di Polkadot

Polkadot è una rete multichain eterogenea, il che significa che collega varie blockchain progettate per scopi specifici insieme in un unico ecosistema.

Queste diverse blockchain di livello 1 sono conosciute come parachain per il modo in cui elaborano le transazioni in parallelo e sono collegate tra loro tramite la Polkadot Relay Chain. Andiamo quindi a vedere da cosa è composto l’ecosistema.

La Relay chain

La Relay Chain è la catena centrale di Polkadot, costruita utilizzando Substrate, il framework di Parity per lo sviluppo di blockchain personalizzate. Costituisce il cuore di Polkadot ed è responsabile della sicurezza condivisa, del consenso e dell’interoperabilità cross-chain della rete.

La catena di collegamento ha un numero relativamente piccolo di tipi di transazione che includono modi per interagire con il meccanismo di governance e partecipare al consenso. È progettato per avere funzionalità minime; la sua principale responsabilità è proteggere e coordinare il sistema nel suo insieme. Tutti i validatori Polkadot sono puntati sulla Relay Chain nel token nativo (DOT) e confermano le transazioni provenienti dalle parachain collegate.

Le Parachain

Le parachain Polkadot sono blockchain indipendenti di livello 1 che corrono in parallelo tra loro collegate alla catena di relè. Ogni parachain può avere il proprio design, token economy, funzionalità e governance. Connettendosi a Polkadot, le parachain condividono la sicurezza dell’intera rete, il che significa che non devono avviare la propria comunità di validatori e sono in grado di scambiare non solo token ma qualsiasi dato arbitrario tra catene.

Polkadot è stato creato con la convinzione che, quando si tratta di architettura blockchain, una taglia non va bene per tutti. Piuttosto, tutte le blockchain fanno compromessi per supportare diverse funzionalità e casi d’uso.

Ad esempio, una chain potrebbe ottimizzare per la gestione delle identità, mentre un’altra potrebbe ottimizzare per l’archiviazione dei file. La possibilità per le blockchain di avere design specializzati significa che possono offrire servizi migliori, migliorando anche l’efficienza e la sicurezza omettendo codice non necessario.

I Parathread

I parathread sono parachain che si collegano a Polkadot utilizzando un modello pay-as-you-go. Forniscono una barriera inferiore all’ingresso per le blockchain che potrebbero non aver bisogno di una connettività continua alla rete. Le blockchain dell’ecosistema possono passare dall’essere parachain e parathread a seconda delle loro esigenze e della disponibilità di slot per parachain sulla catena di collegamento.

I Bridge

I bridge sono un tipo speciale di parachain che consente alle chain e alle app su Polkadot di connettersi e comunicare con reti esterne come Ethereum e Bitcoin.

Abbiamo quindi dato una rapida occhiata all’ecosistema. Nei prossimi articoli parleremo del token nativo (DOT), del suo modello di consenso, dove comprarlo e daremo uno sguardo approfondito sull’ecosistema.