Polkadot è un progetto open source che consente il trasferimento di dati attraverso più blockchain, ad esempio Ethereum.

Come sappiamo, il problema dell’interoperabilità nell’attuale panorama blockchain è ancora aperto. Polkadot offre soluzioni per superare questo problema. Interagisce con le applicazioni e le risorse di Ethereum, ma con piani di espansione verso altre piattaforme blockchain.

polkadot DOT ethereum bitcoin

L’obiettivo finale del progetto è ampliare le funzionalità che non sono state raggiunte da altre blockchain come Bitcoin, Ethereum o Cardano. Ciò consente il trasferimento cross-chain di token, dati e risorse varie.

A partire dalle origini di Bitcoin ad oggi sono cambiate molte cose nel panorama delle criptovalute. La Defi è diventata una delle grandi protagoniste, cosicché è stato possibile anche per Ethereum salire alla ribalta abbastanza velocemente. La naturale conseguenza è stata la nascita di molti ecosistemi diversi, più o meno utili.

Polkadot vs Bitcoin

Non è semplice confrontare Polkadot con Bitcoin poiché le due blockchain hanno design, funzionalità e scopi molto diversi.

Molti esperti considerano le reti cross-chain cruciali nello sviluppo di applicazioni DeFi e decentralizzate. In questo senso, la struttura di Polkadot composta da un numero illimitato di parachain è superiore al modello relativamente rigido di Bitcoin e dal suo modello di consenso proof-of-work (PoW).

Un’altra differenza deriva dal modo in cui entrambe le reti ricompensano gli utenti per aver incentivato la partecipazione e l’adozione. Tradizionalmente, Bitcoin ha sempre premiato i minatori nonostante la crescente difficoltà dei blocchi da risolvere. Negli ultimi anni, l’estrazione di Bitcoin (e di conseguenza, la conquista delle ricompense) è stata monopolizzata da vere e proprie aziende. Solo grandi operazioni minerarie su scala industriale o persone ricche possono permettersi i macchinari, le bollette e la larghezza di banda richiesti dal mining attuale.

Al contrario su Polkadot, gli utenti ricevono ricompense proporzionali alla quantità di token DOT messi in staking, e possono anche votare per decidere lo sviluppo del progetto. Questo non si applica ai possessori di Bitcoin.

Se parliamo di tempi di elaborazione, Polkadot dimostra progressi significativi con transazioni che possono raggiungere fino a 1000 tx/s. Se i dati passano attraverso le parachain di Polkadot e rimandati alla catena principale attraverso il bridge, questo valore aumenta esponenzialmente.

Iscriviti subito ad FTX con questo link per avere uno sconto sulle commissioni per sempre

Polkadot vs Ethereum 

Polkadot appartiene alla categoria degli “Ethereum killer“, anche se non si definisce un rivale di Ethereum. È facile capire perché molti considerano la blockchain di Polkadot un miglioramento dell’infrastruttura esistente di Ethereum (anche dopo il famigerato aggiornamento di Ethereum 2.0). Sia ​​Ethereum che Polkadot utilizzano lo sharding per aggirare i problemi di scalabilità e transazionali.

Una differenza che distingue è che la Beacon Chain di Ethereum viene utilizzato per diversi shard paralleli per condividere informazioni, a condizione che solo una struttura compatibile possa connettersi alla catena.

Al contrario la Relay Chain di Polkadot è più flessibile in quanto accetta diversi shard che operano in modo indipendente. Utilizzando il WebAssembly standard, i validatori sulla catena possono accettare diverse parachain, le quali sono molto più interoperabili. Inoltre, le catene esterne possono anche connettersi all’ecosistema di Polkadot utilizzando i bridge.

Ad esempio, le applicazioni decentralizzate di ETH 2.0 possono connettersi all’ecosistema Polkadot ma ETH 2.0 non può connettersi a nessuna app sviluppata al di fuori della sua rete.

La maggiore interoperabilità di Polkadot potrebbe renderla più allettante agli occhi degli utenti e risolve in modo critico i problemi di scalabilità. Ciò significa che Polkadot può colmare le difficoltà di comunicazione e sviluppo senza intermediari in maniera molto più economica e veloce e senza compromettere la sicurezza.

Il valore di Polkadot rispetto a Bitcoin ed Ethereum

Polkadot ha molti vantaggi rispetto a molte blockchain esistenti. Ha già la funzionalità Ethereum 2.0 integrata e una struttura unica che distribuisce parachain (ovvero blockchain “secondarie” all’interno di una blockchain principale), note anche come shard. Nella blockchain di Polkadot, gli shard inviano messaggi asincroni tra gli shard, e ogni shard ha una funzione di transizione dello stato univoca (STF).

Queste parachain raccolgono ed elaborano i dati e successivamente li inviano alle catene di ritrasmissione, che trasmettono i dati elaborati ad altre catene. Un quarto componente noto come bridge, ritrasmette i dati alla catena principale.

Il valore di Polkadot è enorme poiché di fatto collega più catene in un’unica rete, consentendo loro di elaborare transazioni in parallelo e scambiare dati tra catene con garanzie di sicurezza.

Ciò consente a qualsiasi tipo di dato di attraversare l’ambiente applicativo multi-chain di Polkadot come risorse o altri token. Qualsiasi blockchain può entrare a far parte dell’infrastruttura Polkadot, che è fondamentalmente un insieme aggregato di validatori che sfruttano frammenti eterogenei.

Ciò significa che i casi d’uso per Polkadot sono di gran lunga più significativi di quelli per qualsiasi altra blockchain. Tra queste includiamo le catene di transazione, le catene di Oracle, le catene di identità, le catene di archiviazione di file, le catene di cura dei dati, le catene IoT, le catene finanziarie e le catene di privacy.

Iscriviti a Crypto.com e ricevi subito $25 come BONUS di benvenuto

Il futuro di Polkadot

Molti esperti stanno esaminando i volumi di scambio di Polkadot per determinare le riserve future di DOT. Allo stesso tempo, molti progetti affermati stanno lavorando per essere integrati come parachain su Polkadot.

Nel 2020 Polkadot ha raggiunto un traguardo significativo con il lancio di Kusama, una rete multi-chain per implementazioni Polkadot in fase iniziale. La nuova rete ha aumentato il numero dei suoi validatori da 700 a 900. Molti si aspettano che Polkadot segua la stessa traiettoria, che richiede che la rete sia gestita da un minimo di 1.000 validatori.

Un numero elevato di validatori quasi sicuramente attirerà nuovi utenti sulla piattaforma. Questo è il motivo per cui Polkadot intende costruire ponti tra le altre blockchain nei mesi e negli anni a venire.

Considerazioni finali

Polkadot è un ecosistema con potenzialità ancora da svelare del tutto. Solo il futuro potrà dirci fin dove riuscirà a spingersi. In termini di concorrenza, DOT di Polkadot sta rivaleggiando solo con Cosmos, con il quale condivide concetti simili ma con un protocollo più semplice. Anche altri progetti stanno lavorando sulla comunicazione inter-blockchain, ma Polkadot rimane all’avanguardia.